Banner 4

 

32. Sistemi di registrazione e sorveglianza

Editor del capitolo:  Steven D. Stellmann

 


 

Sommario 

Tabelle e figure

Sistemi di sorveglianza e segnalazione delle malattie professionali
Steven B. Markowitz

Sorveglianza sui rischi professionali
David H. Wegman e Steven D. Stellman

Sorveglianza nei paesi in via di sviluppo
David Koh e Kee-Seng Chia

Sviluppo e applicazione di un sistema di classificazione degli infortuni e delle malattie professionali
Elyce Biddle

Analisi del rischio di lesioni e malattie non mortali sul posto di lavoro
John W. Ruser

Caso di studio: protezione dei lavoratori e statistiche sugli infortuni e le malattie professionali - HVBG, Germania
Martin Butz e Burkhard Hoffmann

Caso di studio: Wismut - Un'esposizione all'uranio rivisitata
Heinz Otten e Horst Schulz

Strategie e tecniche di misurazione per la valutazione dell'esposizione professionale in epidemiologia
Frank Bochmann e Helmut Blomé

Caso di studio: Indagini sulla salute sul lavoro in Cina

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Angiosarcoma del fegato - registro mondiale

2. Malattia professionale, Stati Uniti, 1986 contro 1992

3. Morti negli Stati Uniti per pneumoconiosi e mesotelioma pleurico

4. Esempio di elenco delle malattie professionali soggette a denuncia

5. Struttura del codice di segnalazione di malattie e infortuni, Stati Uniti

6. Infortuni e malattie professionali non mortali, Stati Uniti 1993

7. Rischio di infortuni e malattie professionali

8. Rischio relativo per condizioni di movimento ripetitivo

9. Infortuni sul lavoro, Germania, 1981-93

10 Rettificatrici in incidenti di lavorazione dei metalli, Germania, 1984-93

11 Malattia professionale, Germania, 1980-93

12 Malattie infettive, Germania, 1980-93

13 Esposizione alle radiazioni nelle miniere di Wismut

14 Malattie professionali nelle miniere di uranio di Wismut 1952-90

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

REC60F1AREC060F2REC100F1REC100T1REC100T2


Fare clic per tornare all'inizio della pagina

La sorveglianza delle malattie professionali e degli infortuni comporta il monitoraggio sistematico degli eventi sanitari nelle popolazioni lavoratrici al fine di prevenire e controllare i rischi professionali e le malattie e gli infortuni associati. La sorveglianza delle malattie professionali e degli infortuni ha quattro componenti essenziali (Baker, Melius e Millar 1988; Baker 1986).

  1. Raccogliere informazioni sui casi di malattie professionali e infortuni.
  2. Distillare e analizzare i dati.
  3. Diffondere dati organizzati alle parti necessarie, inclusi lavoratori, sindacati, datori di lavoro, agenzie governative e il pubblico.
  4. Intervenire sulla base dei dati per alterare i fattori che hanno prodotto questi eventi sanitari.

La sorveglianza nella salute sul lavoro è stata descritta più concisamente come contare, valutare e agire (Landrigan 1989).

La sorveglianza si riferisce comunemente a due ampie serie di attività in materia di salute sul lavoro. Sorveglianza sanitaria pubblica si riferisce alle attività intraprese dai governi federali, statali o locali all'interno delle rispettive giurisdizioni per monitorare e seguire le malattie professionali e gli infortuni. Questo tipo di sorveglianza si basa su una popolazione, cioè il pubblico che lavora. Gli eventi registrati sono diagnosi sospette o accertate di malattia e infortunio sul lavoro. Questo articolo esaminerà queste attività.

Sorveglianza medica si riferisce all'applicazione di test e procedure mediche a singoli lavoratori che possono essere a rischio di morbilità professionale, per determinare se può essere presente un disturbo professionale. La sorveglianza medica è generalmente di ampio respiro e rappresenta il primo passo per accertare la presenza di un problema legato al lavoro. Se un individuo o una popolazione è esposto a una tossina con effetti noti e se i test e le procedure sono altamente mirati per rilevare la probabile presenza di uno o più effetti in queste persone, allora questa attività di sorveglianza è più appropriatamente descritta come screening medico (Halperin e Frazier 1985). Un programma di sorveglianza medica applica test e procedure su un gruppo di lavoratori con esposizioni comuni allo scopo di identificare individui che potrebbero avere malattie professionali e allo scopo di rilevare modelli di malattia che possono essere prodotti da esposizioni professionali tra i partecipanti al programma. Tale programma viene solitamente intrapreso sotto gli auspici del datore di lavoro o del sindacato dell'individuo.

Funzioni di sorveglianza sanitaria sul lavoro

Il primo tra gli scopi della sorveglianza della salute sul lavoro è quello di identificare l'incidenza e la prevalenza di malattie e infortuni sul lavoro noti. La raccolta di dati epidemiologici descrittivi sull'incidenza e la prevalenza di queste malattie su una base accurata e completa è un prerequisito essenziale per stabilire un approccio razionale al controllo delle malattie professionali e degli infortuni. La valutazione della natura, dell'entità e della distribuzione delle malattie professionali e degli infortuni in qualsiasi area geografica richiede un solido database epidemiologico. È solo attraverso una valutazione epidemiologica delle dimensioni della malattia professionale che la sua importanza rispetto ad altri problemi di salute pubblica, la sua richiesta di risorse e l'urgenza della definizione di standard legali possono essere ragionevolmente valutate. In secondo luogo, la raccolta dei dati di incidenza e prevalenza consente l'analisi delle tendenze delle malattie professionali e degli infortuni tra gruppi diversi, in luoghi diversi e durante periodi di tempo diversi. Rilevare tali tendenze è utile per determinare priorità e strategie di controllo e ricerca e per valutare l'efficacia di qualsiasi intervento intrapreso (Baker, Melius e Millar 1988).

Una seconda ampia funzione della sorveglianza della salute sul lavoro consiste nell'identificare singoli casi di malattia e infortunio sul lavoro al fine di individuare e valutare altri individui provenienti dagli stessi luoghi di lavoro che potrebbero essere a rischio di malattie e infortuni simili. Inoltre, questo processo consente l'avvio di attività di controllo per migliorare le condizioni di pericolo associate alla causalità del caso indice (Baker, Melius e Millar 1988; Baker, Honchar e Fine 1989). Un caso indice di malattia o infortunio sul lavoro è definito come il prima persona malata o infortunata di un determinato posto di lavoro a ricevere cure mediche e quindi a richiamare l'attenzione sull'esistenza di un pericolo sul posto di lavoro e su un'ulteriore popolazione sul posto di lavoro a rischio. Un ulteriore scopo dell'identificazione del caso può essere quello di assicurare che l'individuo affetto riceva un appropriato follow-up clinico, una considerazione importante vista la scarsità di specialisti clinici di medicina del lavoro (Markowitz et al. 1989; Castorino e Rosenstock 1992).

Infine, la sorveglianza della salute sul lavoro è un mezzo importante per scoprire nuove associazioni tra agenti occupazionali e malattie associate, poiché la potenziale tossicità della maggior parte delle sostanze chimiche utilizzate sul posto di lavoro non è nota. La scoperta di malattie rare, modelli di malattie comuni o sospette associazioni esposizione-malattia attraverso attività di sorveglianza sul posto di lavoro può fornire indicazioni fondamentali per una valutazione scientifica più conclusiva del problema e per l'eventuale verifica di nuove malattie professionali.

Ostacoli al riconoscimento delle malattie professionali

Diversi fattori importanti minano la capacità dei sistemi di sorveglianza e segnalazione delle malattie professionali di svolgere le funzioni sopra citate. In primo luogo, il riconoscimento della causa o delle cause alla base di qualsiasi malattia è la condizione sine qua non per la registrazione e la denuncia delle malattie professionali. Tuttavia, in un modello medico tradizionale che enfatizza l'assistenza sintomatica e curativa, identificare ed eliminare la causa alla base della malattia potrebbe non essere una priorità. Inoltre, gli operatori sanitari spesso non sono adeguatamente formati per sospettare che il lavoro sia una causa di malattia (Rosenstock 1981) e non ottengono abitualmente storie di esposizione professionale dai loro pazienti (Institute of Medicine 1988). Ciò non dovrebbe sorprendere, dato che negli Stati Uniti lo studente di medicina medio riceve solo sei ore di formazione in medicina del lavoro durante i quattro anni di facoltà di medicina (Burstein e Levy 1994).

Alcuni tratti caratteristici delle malattie professionali aggravano la difficoltà di riconoscere le malattie professionali. Con poche eccezioni, in particolare l'angiosarcoma del fegato, il mesotelioma maligno e le pneumoconiosi, la maggior parte delle malattie che possono essere causate da esposizioni professionali hanno anche cause non professionali. Questa non specificità rende difficile la determinazione del contributo occupazionale all'insorgenza della malattia. In effetti, l'interazione delle esposizioni professionali con altri fattori di rischio può aumentare notevolmente il rischio di malattia, come accade con l'esposizione all'amianto e il fumo di sigaretta. Per le malattie professionali croniche come il cancro e le malattie respiratorie croniche, di solito esiste un lungo periodo di latenza tra l'inizio dell'esposizione professionale e la presentazione della malattia clinica. Ad esempio, il mesotelioma maligno ha tipicamente una latenza di 35 anni o più. Un lavoratore così colpito potrebbe benissimo essere andato in pensione, diminuendo ulteriormente il sospetto di un medico di possibili eziologie professionali.

Un'altra causa del diffuso sotto riconoscimento delle malattie professionali è che la maggior parte delle sostanze chimiche in commercio non è mai stata valutata per quanto riguarda la loro potenziale tossicità. Uno studio del National Research Council negli Stati Uniti negli anni '1980 non ha trovato informazioni disponibili sulla tossicità di circa l'80% delle 60,000 sostanze chimiche in uso commerciale. Anche per quei gruppi di sostanze che sono regolamentati più strettamente e sui quali è disponibile la maggior quantità di informazioni - droghe e additivi alimentari - informazioni ragionevolmente complete sui possibili effetti indesiderati sono disponibili solo per una minoranza di agenti (NRC 1984).

I lavoratori possono avere una capacità limitata di fornire un rapporto accurato delle loro esposizioni tossiche. Nonostante alcuni miglioramenti in paesi come gli Stati Uniti negli anni '1980, molti lavoratori non sono informati della natura pericolosa dei materiali con cui lavorano. Anche quando vengono fornite tali informazioni, può essere difficile ricordare l'entità dell'esposizione a più agenti in una varietà di lavori nel corso di una carriera lavorativa. Di conseguenza, anche gli operatori sanitari che sono motivati ​​a ottenere informazioni occupazionali dai loro pazienti potrebbero non essere in grado di farlo.

I datori di lavoro possono essere un'ottima fonte di informazioni in merito alle esposizioni professionali e al verificarsi di malattie professionali. Tuttavia, molti datori di lavoro non hanno le competenze per valutare l'entità dell'esposizione sul posto di lavoro o per determinare se una malattia è correlata al lavoro. Inoltre, i disincentivi finanziari alla constatazione che una malattia è di origine professionale possono scoraggiare i datori di lavoro dall'utilizzare tali informazioni in modo appropriato. Il potenziale conflitto di interessi tra la salute finanziaria del datore di lavoro e la salute fisica e mentale del lavoratore rappresenta un ostacolo importante al miglioramento della sorveglianza delle malattie professionali.

Registri e altre fonti di dati specifici per le malattie professionali

Registri internazionali

I registri internazionali per le malattie professionali rappresentano uno sviluppo entusiasmante per la salute sul lavoro. L'ovvio vantaggio di questi registri è la capacità di condurre ampi studi, che permetterebbero di determinare il rischio di malattie rare. Due di questi registri per le malattie professionali sono stati istituiti negli anni '1980.

L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha istituito il Registro internazionale delle persone esposte a erbicidi e contaminanti fenossilici nel 1984 (IARC 1990). Nel 1990 aveva arruolato 18,972 lavoratori da 19 coorti in dieci paesi. Per definizione, tutti gli iscritti lavoravano in industrie che coinvolgono erbicidi fenossidici e/o clorofenoli, principalmente nelle industrie di produzione/formulazione o come applicatori. Sono state fatte stime di esposizione per le coorti partecipanti (Kauppinen et al. 1993), ma le analisi dell'incidenza e della mortalità del cancro non sono state ancora pubblicate.

Un registro internazionale dei casi di angiosarcoma del fegato (ASL) è coordinato da Bennett della ICI Chemicals and Polymers Limited in Inghilterra. L'esposizione professionale al cloruro di vinile è l'unica causa nota di angiosarcoma del fegato. I casi sono segnalati da un gruppo volontario di scienziati di aziende produttrici di cloruro di vinile, agenzie governative e università. Nel 1990, 157 casi di ASL con data di diagnosi compresa tra il 1951 e il 1990 sono stati segnalati al registro da 11 paesi o regioni. La tabella 1 mostra anche che la maggior parte dei casi registrati sono stati segnalati da paesi in cui le strutture hanno iniziato la produzione di cloruro di polivinile prima del 1950. Il registro ha registrato sei cluster di dieci o più casi di ASL presso strutture in Nord America ed Europa (Bennett 1990).

Tabella 1. Numero di casi di angiosarcoma del fegato nel registro mondiale per paese e anno di prima produzione di cloruro di vinile

Paese/regione

Numero di PVC
produzione
strutture

Anno di inizio della produzione di PVC

Numero di casi
di angiosarcoma
del fegato

USA

50

(1939?)

39

Canada

5

(1943)

13

Germania Ovest

10

(1931)

37

Francia

8

(1939)

28

UK

7

(1940)

16

Altro Europa occidentale

28

(1938)

15

Europa dell'Est

23

(prima del 1939)

6

Giappone

36

(1950)

3

Centrale e
Sud America

22

(1953)

0

Australia

3

(1950s)

0

Medio Oriente

1

(1987)

0

Totale

193

 

157

Fonte: Bennett, B. Registro mondiale dei casi di angiosarcoma del fegato (ASL)
a causa del cloruro di vinile monomero
, Gennaio 1, 1990.

Indagini governative

I datori di lavoro sono talvolta tenuti per legge a registrare gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali che si verificano nelle loro strutture. Come altre informazioni basate sul posto di lavoro, come il numero di dipendenti, salari e straordinari, i dati su infortuni e malattie possono essere sistematicamente raccolti dalle agenzie governative allo scopo di monitorare gli esiti di salute legati al lavoro.

Negli Stati Uniti, il Bureau of Labor Statistics (BLS) del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha condotto il Indagine annuale sugli infortuni e le malattie professionali (BLS Annual Survey) dal 1972 come richiesto dalla legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro (BLS 1993b). L'obiettivo dell'indagine è quello di ottenere i numeri ei tassi di malattie e infortuni registrati dai datori di lavoro privati ​​come di origine professionale (BLS 1986). L'indagine annuale BLS esclude i dipendenti delle aziende agricole con meno di 11 dipendenti, i lavoratori autonomi ei dipendenti delle amministrazioni federali, statali e locali. Per l'ultimo anno disponibile, il 1992, l'indagine riflette i dati del questionario ottenuti da un campione casuale stratificato di circa 250,000 stabilimenti del settore privato negli Stati Uniti (BLS 1994).

Il questionario dell'indagine BLS compilato dal datore di lavoro deriva da una registrazione scritta di infortuni e malattie professionali che i datori di lavoro sono tenuti a conservare dall'Occupational Safety and Health Administration (OSHA 200 Log). Sebbene l'OSHA imponga al datore di lavoro di conservare il registro 200 per l'esame da parte di un ispettore dell'OSHA su richiesta, non richiede che i datori di lavoro segnalino regolarmente il contenuto del registro all'OSHA, ad eccezione del campione di datori di lavoro incluso nell'indagine annuale BLS (BLS 1986).

Alcuni punti deboli ben noti limitano gravemente la capacità dell'indagine BLS di fornire un conteggio completo e accurato delle malattie professionali negli Stati Uniti (Pollack e Keimig 1987). I dati sono derivati ​​dal datore di lavoro. Qualsiasi malattia che il dipendente non segnala al datore di lavoro come correlata al lavoro non sarà segnalata dal datore di lavoro nel sondaggio annuale. Tra i lavoratori attivi, tale mancata segnalazione può essere dovuta al timore di conseguenze per il dipendente. Un altro grande ostacolo alla segnalazione è l'incapacità del medico del dipendente di diagnosticare la malattia come correlata al lavoro, in particolare per le malattie croniche. Le malattie professionali che si verificano tra i lavoratori in pensione non sono soggette all'obbligo di notifica BLS. In effetti, è improbabile che il datore di lavoro sia a conoscenza dell'insorgenza di una malattia professionale in un pensionato. Poiché è probabile che molti casi di malattie professionali croniche con lunga latenza, tra cui il cancro e le malattie polmonari, insorgano dopo il pensionamento, un'ampia percentuale di tali casi non verrebbe inclusa nei dati raccolti dal BLS. Queste limitazioni sono state riconosciute dal BLS in un recente rapporto sulla sua indagine annuale (BLS 1993a). In risposta alle raccomandazioni della National Academy of Sciences, il BLS ha riprogettato e implementato una nuova indagine annuale nel 1992.

Secondo l'indagine annuale BLS del 1992, negli Stati Uniti ci sono state 457,400 malattie professionali nell'industria privata (BLS 1994). Ciò ha rappresentato un aumento del 24%, o 89,100 casi, rispetto alle 368,300 malattie registrate nell'indagine annuale BLS del 1991. L'incidenza di nuove malattie professionali è stata di 60.0 per 10,000 lavoratori nel 1992.

I disturbi associati a traumi ripetuti, come la sindrome del tunnel carpale, le tendiniti del polso e del gomito e la perdita dell'udito, dominano le malattie professionali registrate nell'indagine annuale BLS e lo fanno dal 1987 (tabella 2). Nel 1992 rappresentavano il 62% di tutti i casi di malattia registrati nell'indagine annuale. Altre importanti categorie di malattie erano malattie della pelle, malattie polmonari e disturbi associati a traumi fisici.

Tabella 2. Numero di nuovi casi di malattia professionale per categoria di malattia- Indagine annuale del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, 1986 rispetto al 1992.

Categoria di malattia

1986

1992

% Variazione 1986–1992

Malattie della pelle

41,900

62,900

+ 50.1%

Malattie da polvere dei polmoni

3,200

2,800

- 12.5%

Condizioni respiratorie dovute ad agenti tossici

12,300

23,500

+ 91.1%

Avvelenamenti

4,300

7,000

+ 62.8%

Disturbi dovuti ad agenti fisici

9,200

22,200

+ 141.3%

Disturbi associati a traumi ripetuti

45,500

281,800

+ 519.3%

Tutte le altre malattie professionali

20,400

57,300

+ 180.9%

Totale

136,900

457,400

+ 234.4%

Totale esclusi i traumi ripetuti

91,300

175,600

+ 92.3%

Occupazione media annua nel settore privato, Stati Uniti

83,291,200

90,459,600

+ 8.7%

Fonte: Infortuni e malattie professionali negli Stati Uniti per settore, 1991.
US Dipartimento del lavoro, Bureau of Labor Statistics, maggio 1993. Dati non pubblicati,
Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, Bureau of Labor Statistics, dicembre 1994.

Sebbene i disturbi associati a traumi ripetuti rappresentino chiaramente la quota maggiore dell'aumento dei casi di malattia professionale, si è registrato anche un aumento del 50% dell'incidenza registrata di malattie professionali diverse da quelle dovute a traumi ripetuti nei sei anni tra il 1986 e il 1992 , durante il quale l'occupazione negli Stati Uniti è aumentata solo dell'8.7%.

Questi aumenti del numero e dei tassi di malattie professionali registrati dai datori di lavoro e segnalati al BLS negli ultimi anni negli Stati Uniti sono notevoli. Il rapido cambiamento nella registrazione delle malattie professionali negli Stati Uniti è dovuto a un cambiamento nell'insorgenza sottostante della malattia ea un cambiamento nel riconoscimento e nella segnalazione di queste condizioni. In confronto, durante lo stesso periodo di tempo, dal 1986 al 1991, il tasso di infortuni sul lavoro per 100 lavoratori a tempo pieno registrato dal BLS è passato da 7.7 nel 1986 a 7.9 nel 1991, con un aumento di appena il 2.6%. Anche il numero di incidenti mortali registrati sul posto di lavoro non è aumentato drasticamente nella prima metà degli anni '1990.

Sorveglianza basata sul datore di lavoro

Oltre all'indagine BLS, molti datori di lavoro statunitensi effettuano la sorveglianza medica della loro forza lavoro e quindi generano una grande quantità di informazioni mediche rilevanti per la sorveglianza delle malattie professionali. Questi programmi di sorveglianza sono intrapresi per numerosi scopi: conformarsi alle normative OSHA; mantenere una forza lavoro sana attraverso l'individuazione e il trattamento dei disturbi non professionali; garantire che il dipendente sia idoneo a svolgere i compiti del lavoro, inclusa la necessità di indossare un respiratore; e condurre una sorveglianza epidemiologica per scoprire modelli di esposizione e malattia. Queste attività utilizzano risorse considerevoli e potrebbero potenzialmente dare un importante contributo alla sorveglianza sanitaria pubblica delle malattie professionali. Tuttavia, poiché questi dati sono disomogenei, di qualità incerta e in gran parte inaccessibili al di fuori delle aziende in cui sono raccolti, il loro sfruttamento nella sorveglianza della salute sul lavoro è stato realizzato solo su base limitata (Baker, Melius e Millar 1988).

L'OSHA richiede inoltre che i datori di lavoro eseguano test di sorveglianza medica selezionati per i lavoratori esposti a un numero limitato di agenti tossici. Inoltre, per quattordici cancerogeni della vescica e del polmone ben noti, l'OSHA richiede un esame fisico e anamnesi professionale e medica. I dati raccolti in base a queste disposizioni OSHA non vengono regolarmente segnalati alle agenzie governative o ad altre banche dati centralizzate e non sono accessibili ai fini dei sistemi di segnalazione delle malattie professionali.

Sorveglianza dei dipendenti pubblici

I sistemi di segnalazione delle malattie professionali possono differire per i dipendenti pubblici rispetto a quelli privati. Ad esempio, negli Stati Uniti, l'indagine annuale sulle malattie professionali e sugli infortuni condotta dal Dipartimento federale del lavoro (BLS Annual Survey) esclude i dipendenti pubblici. Tali lavoratori sono, tuttavia, una parte importante della forza lavoro, rappresentando circa il 17% (18.4 milioni di lavoratori) della forza lavoro totale nel 1991. Oltre tre quarti di questi lavoratori sono impiegati da governi statali e locali.

Negli Stati Uniti, i dati sulle malattie professionali tra i dipendenti federali sono raccolti dal Federal Occupational Workers' Compensation Program. Nel 1993, ci sono stati 15,500 premi per malattie professionali ai lavoratori federali, con un tasso di 51.7 casi di malattie professionali per 10,000 lavoratori a tempo pieno (Slighter 1994). A livello statale e locale, i tassi e il numero di malattie dovute all'occupazione sono disponibili per stati selezionati. Un recente studio sui dipendenti statali e locali nel New Jersey, uno stato industriale di notevoli dimensioni, ha documentato 1,700 malattie professionali tra dipendenti statali e locali nel 1990, con un'incidenza di 50 per 10,000 lavoratori del settore pubblico (Roche 1993). In particolare, i tassi di malattia professionale tra i lavoratori pubblici federali e non federali sono notevolmente congruenti con i tassi di tale malattia tra i lavoratori del settore privato registrati nell'indagine annuale BLS. La distribuzione delle malattie per tipologia differisce per i lavoratori pubblici rispetto a quelli privati, conseguenza della diversa tipologia di lavoro che ogni settore svolge.

Rapporti retributivi dei lavoratori

I sistemi di compensazione dei lavoratori forniscono uno strumento di sorveglianza intuitivamente attraente nella salute sul lavoro, perché la determinazione del legame con il lavoro della malattia in tali casi è stata presumibilmente sottoposta a revisione da parte di esperti. Condizioni di salute acute e facilmente riconoscibili in origine sono frequentemente registrate dai sistemi di indennizzo dei lavoratori. Gli esempi includono avvelenamenti, inalazione acuta di tossine respiratorie e dermatiti.

Sfortunatamente, l'uso dei registri delle retribuzioni dei lavoratori come fonte credibile per i dati di sorveglianza è soggetto a gravi limitazioni, tra cui la mancanza di standardizzazione dei requisiti di ammissibilità, la carenza di definizioni standard dei casi, i disincentivi per i lavoratori e i datori di lavoro a presentare reclami, la mancanza di riconoscimento medico di malattie professionali croniche con lunghi periodi di latenza e il consueto intervallo di diversi anni tra la prima denuncia e la risoluzione di un sinistro. L'effetto netto di queste limitazioni è che vi è una significativa sottoregistrazione delle malattie professionali da parte dei sistemi di indennizzo dei lavoratori.

Così, in uno studio di Selikoff nei primi anni '1980, meno di un terzo degli isolanti statunitensi resi disabili da malattie correlate all'amianto, tra cui l'asbestosi e il cancro, aveva persino presentato istanza di indennità di indennizzo dei lavoratori, e molti meno hanno avuto successo nel loro rivendicazioni (Selikoff 1982). Allo stesso modo, uno studio del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti sui lavoratori che hanno riportato disabilità per malattia professionale ha rilevato che meno del 5% di questi lavoratori riceveva indennità di lavoro (USDOL 1980). Uno studio più recente nello stato di New York ha rilevato che il numero di persone ricoverate negli ospedali per pneumoconiosi superava di gran lunga il numero delle persone a cui erano stati recentemente assegnati sussidi di compensazione dei lavoratori durante un periodo di tempo simile (Markowitz et al. 1989). Poiché i sistemi di compensazione dei lavoratori registrano eventi sanitari semplici come dermatiti e lesioni muscoloscheletriche molto più facilmente rispetto a malattie complesse di lunga latenza, l'uso di tali dati porta a un quadro distorto della reale incidenza e distribuzione delle malattie professionali.

Rapporti di laboratorio

I laboratori clinici possono essere un'ottima fonte di informazioni sui livelli eccessivi di determinate tossine nei fluidi corporei. I vantaggi di questa fonte sono la segnalazione tempestiva, i programmi di controllo della qualità già in atto e la leva per la conformità fornita dalla licenza di tali laboratori da parte delle agenzie governative. Negli Stati Uniti, numerosi stati richiedono che i laboratori clinici riportino i risultati di determinate categorie di campioni ai dipartimenti sanitari statali. Gli agenti occupazionali soggetti a questo obbligo di segnalazione sono piombo, arsenico, cadmio e mercurio, nonché sostanze che riflettono l'esposizione ai pesticidi (Markowitz 1992).

Negli Stati Uniti, il National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) ha iniziato a riunire i risultati dei test del piombo nel sangue degli adulti nel programma Adult Blood Lead Epidemiology and Surveillance nel 1992 (Chowdhury, Fowler e Mycroft 1994). Entro la fine del 1993, 20 stati, che rappresentavano il 60% della popolazione degli Stati Uniti, stavano segnalando livelli elevati di piombo nel sangue al NIOSH, e altri 10 stati stavano sviluppando la capacità di raccogliere e riferire dati sul piombo nel sangue. Nel 1993, c'erano 11,240 adulti con livelli di piombo nel sangue pari o superiori a 25 microgrammi per decilitro di sangue nei 20 stati dichiaranti. La stragrande maggioranza di questi individui con livelli elevati di piombo nel sangue (oltre il 90%) è stata esposta al piombo sul posto di lavoro. Oltre un quarto (3,199) di questi individui presentava livelli di piombo nel sangue pari o superiori a 40 ug/dl, la soglia oltre la quale l'Amministrazione statunitense per la sicurezza e la salute sul lavoro richiede azioni per proteggere i lavoratori dall'esposizione professionale al piombo.

La segnalazione di livelli elevati di tossine al dipartimento della sanità statale può essere seguita da un'indagine sulla salute pubblica. Interviste riservate di follow-up con le persone interessate consentono l'identificazione tempestiva dei luoghi di lavoro in cui si è verificata l'esposizione, la categorizzazione del caso per occupazione e industria, la stima del numero di altri lavoratori sul posto di lavoro potenzialmente esposti al piombo e la garanzia del follow-up medico (Baser e Mario 1990). Le visite ai luoghi di lavoro sono seguite da raccomandazioni per azioni volontarie volte a ridurre l'esposizione o possono portare a segnalazioni alle autorità con poteri di applicazione della legge.

Rapporti dei medici

Nel tentativo di replicare la strategia utilizzata con successo per il monitoraggio e il controllo delle malattie infettive, un numero crescente di stati degli Stati Uniti richiede ai medici di segnalare una o più malattie professionali (Freund, Seligman e Chorba 1989). Nel 1988, 32 stati richiedevano la segnalazione di malattie professionali, sebbene questi includessero dieci stati in cui è segnalabile solo una malattia professionale, di solito avvelenamento da piombo o pesticidi. In altri stati, come l'Alaska e il Maryland, tutte le malattie professionali sono denunciabili. Nella maggior parte degli stati, i casi segnalati vengono utilizzati solo per contare il numero di persone nello stato affetto dalla malattia. Solo in un terzo degli stati con requisiti di malattia denunciabile la segnalazione di un caso di malattia professionale porta ad attività di follow-up, come l'ispezione sul posto di lavoro (Muldoon, Wintermeyer e Eure 1987).

Nonostante l'evidenza di un crescente interesse recente, la segnalazione medica delle malattie professionali alle autorità governative statali appropriate è ampiamente riconosciuta come inadeguata (Pollack e Keimig 1987; Wegman e Froines 1985). Anche in California, dove un sistema di segnalazione medica è in vigore da diversi anni (Doctor's First Report of Occupational Illness and Injury) e ha registrato quasi 50,000 malattie professionali nel 1988, l'adesione del medico alla segnalazione è considerata incompleta (BLS 1989) .

Una promettente innovazione nella sorveglianza della salute sul lavoro negli Stati Uniti è l'emergere del concetto di fornitore sentinella, parte di un'iniziativa intrapresa dal NIOSH denominata Sentinel Event Notification System for Occupational Risks (SENSOR). Un fornitore sentinella è un medico o un altro fornitore o struttura sanitaria che potrebbe fornire assistenza ai lavoratori con disturbi professionali a causa della specialità del fornitore o della posizione geografica.

Poiché gli operatori sentinella rappresentano un piccolo sottoinsieme di tutti gli operatori sanitari, i dipartimenti sanitari possono organizzare in modo fattibile un sistema attivo di segnalazione delle malattie professionali svolgendo attività di sensibilizzazione, offrendo istruzione e fornendo un feedback tempestivo agli operatori sentinella. In un recente rapporto di tre stati partecipanti al programma SENSOR, le segnalazioni mediche di asma occupazionale sono aumentate drasticamente dopo che i dipartimenti sanitari statali hanno sviluppato programmi educativi e di sensibilizzazione concertati per identificare e reclutare operatori sentinella (Matte, Hoffman e Rosenman 1990).

Strutture cliniche specialistiche di medicina del lavoro

Una nuova risorsa emergente per la sorveglianza della salute sul lavoro è stato lo sviluppo di centri clinici di salute sul lavoro indipendenti dal posto di lavoro e specializzati nella diagnosi e nel trattamento delle malattie professionali. Diverse dozzine di tali strutture esistono attualmente negli Stati Uniti. Questi centri clinici possono svolgere diversi ruoli nel migliorare la sorveglianza della salute sul lavoro (Welch 1989). In primo luogo, le cliniche possono svolgere un ruolo primario nella ricerca dei casi, ovvero nell'identificazione degli eventi di salute sentinella occupazionale, poiché rappresentano una fonte organizzativa unica di competenza nella medicina occupazionale clinica. In secondo luogo, i centri clinici di medicina del lavoro possono fungere da laboratorio per lo sviluppo e il perfezionamento delle definizioni dei casi di sorveglianza per le malattie professionali. In terzo luogo, le cliniche di medicina del lavoro possono fungere da risorsa primaria di riferimento clinico per la diagnosi e la valutazione dei lavoratori che sono impiegati in un luogo di lavoro in cui è stato identificato un caso indice di malattia professionale.

Le cliniche di medicina del lavoro sono state organizzate in un'associazione nazionale negli Stati Uniti (l'Association of Occupational and Environmental Clinics) per aumentare la loro visibilità e collaborare alla ricerca e alle indagini cliniche (Welch 1989). In alcuni stati, come New York, una rete statale di centri clinici è stata organizzata dal dipartimento sanitario statale e riceve un finanziamento stabile da un sovrapprezzo sui premi di compensazione dei lavoratori (Markowitz et al. 1989). I centri clinici nello Stato di New York hanno collaborato allo sviluppo di sistemi informativi, protocolli clinici e formazione professionale e stanno iniziando a generare dati sostanziali sul numero di casi di malattia professionale nello Stato.

Uso di statistiche vitali e altri dati sanitari generali

Certificati di morte

Il certificato di morte è uno strumento potenzialmente molto utile per la sorveglianza delle malattie professionali in molti paesi del mondo. La maggior parte dei paesi ha registri di morte. L'uniformità e la comparabilità sono promosse dall'uso comune della Classificazione Internazionale delle Malattie per identificare la causa di morte. Inoltre, molte giurisdizioni includono informazioni sui certificati di morte riguardanti l'occupazione e l'industria del defunto. Una limitazione importante nell'uso dei certificati di morte per la sorveglianza delle malattie professionali è la mancanza di relazioni univoche tra esposizioni professionali e cause specifiche di morte.

L'uso dei dati sulla mortalità per la sorveglianza delle malattie professionali è particolarmente importante per le malattie causate esclusivamente da esposizioni professionali. Questi includono le pneumoconiosi e un tipo di cancro, il mesotelioma maligno della pleura. La tabella 3 mostra il numero di decessi attribuiti a queste diagnosi come causa iniziale di morte e come una delle molteplici cause di morte elencate nel certificato di morte negli Stati Uniti. La causa di morte sottostante è considerata la principale causa di morte, mentre l'elenco delle cause multiple include tutte le condizioni considerate importanti nel contribuire alla morte.

Tabella 3. Morti dovute a pneumoconiosi e mesotelioma maligno della pleura. Causa sottostante e cause multiple, Stati Uniti, 1990 e 1991

Codice ICD-9

Causa di morte

Numeri di morti

 

Causa sottostante 1991

Molteplici cause 1990

500

Pneumoconiosi dei lavoratori del carbone

693

1,990

501

asbestosi

269

948

502

Silicosi

153

308

503-505

Altre pneumoconiosi

122

450

 

Totale parziale

1,237

3,696

163.0, 163.1, e 163.9

pleura mesotelioma maligno

452

553

 

Totale

1,689

4,249

Fonte: Centro nazionale per le statistiche sanitarie degli Stati Uniti.

Nel 1991, ci sono stati 1,237 decessi dovuti alle malattie da polvere del polmone come causa sottostante, inclusi 693 decessi dovuti a pneumoconiosi dei lavoratori del carbone e 269 decessi dovuti all'asbestosi. Per il mesotelioma maligno, ci sono stati un totale di 452 decessi dovuti al mesotelioma pleurico. Non è possibile identificare il numero di decessi per mesotelioma maligno del peritoneo, causato anche dall'esposizione professionale all'amianto, poiché i codici della classificazione internazionale delle malattie non sono specifici per il mesotelioma maligno di questa sede.

La tabella 3 mostra anche il numero di decessi negli Stati Uniti nel 1990 dovuti a pneumoconiosi e mesotelioma maligno della pleura quando compaiono come una delle molteplici cause di morte sul certificato di morte. Per le pneumoconiosi, il totale in cui compaiono come una delle molteplici cause è importante, poiché le pneumoconiosi spesso coesistono con altre malattie polmonari croniche.

Una questione importante è la misura in cui le pneumoconiosi possono essere sottodiagnosticate e, quindi, mancanti dai certificati di morte. L'analisi più approfondita della sottodiagnosi di una pneumoconiosi è stata eseguita tra gli isolanti negli Stati Uniti e in Canada da Selikoff e colleghi (Selikoff, Hammond e Seidman 1979; Selikoff e Seidman 1991). Tra il 1977 e il 1986, ci sono stati 123 decessi per isolatori attribuiti all'asbestosi sui certificati di morte. Quando gli investigatori hanno esaminato le cartelle cliniche, le radiografie del torace e la patologia dei tessuti, ove disponibili, hanno attribuito 259 dei decessi da isolante verificatisi in questi anni all'asbestosi. Oltre la metà dei decessi per pneumoconiosi sono stati, quindi, persi in questo gruppo noto per avere una forte esposizione all'amianto. Sfortunatamente, non esiste un numero sufficiente di altri studi sulla sottodiagnosi di pneumoconiosi sui certificati di morte per consentire una correzione affidabile delle statistiche di mortalità.

Anche i decessi dovuti a cause che non sono specifiche dell'esposizione professionale sono stati utilizzati come parte della sorveglianza delle malattie professionali quando l'occupazione o l'industria dei discendenti è registrata sui certificati di morte. L'analisi di questi dati in un'area geografica specifica durante un periodo di tempo selezionato può produrre tassi e rapporti di malattia per causa per diverse occupazioni e industrie. Il ruolo dei fattori non professionali nei decessi esaminati non può essere definito da questo approccio. Tuttavia, le differenze nei tassi di malattia nelle diverse occupazioni e industrie suggeriscono che i fattori occupazionali possono essere importanti e fornire indicazioni per studi più dettagliati. Altri vantaggi di questo approccio includono la capacità di studiare occupazioni che di solito sono distribuite tra molti luoghi di lavoro (ad esempio, cuochi o addetti alle lavanderie a secco), l'uso di dati raccolti di routine, un campione di grandi dimensioni, spese relativamente basse e un importante risultato di salute (Baker , Melius e Millar 1988; Dubrow, Sestito e Lalich 1987; Melius, Sestito e Seligman 1989).

Tali studi sulla mortalità professionale sono stati pubblicati negli ultimi decenni in Canada (Gallagher et al. 1989), Gran Bretagna (Registrar General 1986) e Stati Uniti (Guralnick 1962, 1963a e 1963b). Negli ultimi anni, Milham ha utilizzato questo approccio per esaminare la distribuzione occupazionale di tutti gli uomini morti tra il 1950 e il 1979 nello stato di Washington negli Stati Uniti. Ha confrontato la proporzione di tutti i decessi dovuti a qualsiasi causa specifica per un gruppo professionale con la proporzione rilevante per tutte le occupazioni. Si ottengono così rapporti di mortalità proporzionali (Milham 1983). Come esempio del rendimento di questo approccio, Milham ha osservato che 10 occupazioni su 11 con probabile esposizione a campi elettrici e magnetici mostravano un aumento del tasso proporzionale di mortalità per leucemia (Milham 1982). Questo è stato uno dei primi studi sulla relazione tra esposizione professionale a radiazioni elettromagnetiche e cancro ed è stato seguito da numerosi studi che hanno corroborato la scoperta originale (Pearce et al. 1985; McDowell 1983; Linet, Malker e McLaughlin 1988) .

Come risultato di uno sforzo cooperativo tra il NIOSH, il National Cancer Institute e il National Center for Health Statistics durante gli anni '1980, sono state recentemente pubblicate analisi dei modelli di mortalità per occupazione e industria tra il 1984 e il 1988 in 24 stati degli Stati Uniti (Robinson et al. 1995). Questi studi hanno valutato 1.7 milioni di morti. Hanno confermato diverse ben note relazioni esposizione-malattia e riportato nuove associazioni tra occupazioni selezionate e specifiche cause di morte. Gli autori sottolineano che gli studi sulla mortalità professionale possono essere utili per sviluppare nuove piste per ulteriori studi, per valutare i risultati di altri studi e per identificare opportunità per la promozione della salute.

Più recentemente, Figgs e colleghi del National Cancer Institute degli Stati Uniti hanno utilizzato questo database di mortalità professionale di 24 stati per esaminare le associazioni occupazionali con il linfoma non-Hodgkin (NHL) (Figgs, Dosemeci e Blair 1995). Un'analisi caso-controllo che ha coinvolto circa 24,000 decessi per NHL verificatisi tra il 1984 e il 1989 ha confermato i rischi eccessivi precedentemente dimostrati di NHL tra agricoltori, meccanici, saldatori, riparatori, operatori di macchine e una serie di occupazioni dei colletti bianchi.

Dati di dimissione ospedaliera

Le diagnosi dei pazienti ricoverati rappresentano un'ottima fonte di dati per la sorveglianza delle malattie professionali. Recenti studi in diversi stati degli Stati Uniti mostrano che i dati di dimissione ospedaliera possono essere più sensibili dei registri di compensazione dei lavoratori e dei dati delle statistiche vitali nel rilevare casi di malattie che sono specifiche per contesti professionali, come le pneumoconiosi (Markowitz et al. 1989; Rosenmann 1988). Nello Stato di New York, ad esempio, una media annuale di 1,049 persone sono state ricoverate per pneumoconiosi a metà degli anni '1980, rispetto a 193 nuovi casi di risarcimento dei lavoratori e 95 decessi registrati per queste malattie ogni anno durante un intervallo di tempo simile (Markowitz et al. al.1989).

Oltre a fornire un conteggio più accurato del numero di persone affette da gravi malattie professionali selezionate, i dati sulle dimissioni ospedaliere possono essere utilmente seguiti per rilevare e modificare le condizioni sul posto di lavoro che hanno causato la malattia. Pertanto, Rosenman ha valutato i luoghi di lavoro nel New Jersey in cui le persone ricoverate in ospedale per silicosi avevano precedentemente lavorato e ha scoperto che la maggior parte di questi luoghi di lavoro non aveva mai eseguito il campionamento dell'aria per la silice, non era mai stata ispezionata dall'autorità federale di regolamentazione (OSHA) e non aveva eseguito sorveglianza medica per l'individuazione della silicosi (Rosenman 1988).

I vantaggi dell'utilizzo dei dati di dimissione ospedaliera per la sorveglianza delle malattie professionali sono la loro disponibilità, il basso costo, la relativa sensibilità alle malattie gravi e la ragionevole accuratezza. Svantaggi importanti includono la mancanza di informazioni sull'occupazione e l'industria e il controllo di qualità incerto (Melius, Sestito e Seligman 1989; Rosenman 1988). Inoltre, solo gli individui con malattia sufficientemente grave da richiedere il ricovero saranno inclusi nel database e, pertanto, non possono riflettere l'intero spettro di morbilità associato alle malattie professionali. Tuttavia, è probabile che nei prossimi anni i dati sulle dimissioni ospedaliere saranno sempre più utilizzati nella sorveglianza della salute sul lavoro.

Indagini nazionali

Speciali indagini di sorveglianza condotte su base nazionale o regionale possono essere la fonte di informazioni più dettagliate di quelle che possono essere ottenute attraverso l'uso di registri anagrafici di routine. Negli Stati Uniti, il National Center for Health Statistics (NCHS) conduce due indagini sanitarie nazionali periodiche rilevanti per la sorveglianza della salute sul lavoro: il National Health Interview Survey (NHIS) e il National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES). Il National Health Interview Survey è un'indagine nazionale sulle famiglie progettata per ottenere stime della prevalenza delle condizioni di salute da un campione rappresentativo di famiglie che riflette la popolazione civile non istituzionalizzata degli Stati Uniti (USDHHS 1980). Un limite principale di questa indagine è la sua dipendenza dall'autosegnalazione delle condizioni di salute. I dati occupazionali e industriali sugli individui partecipanti sono stati utilizzati nell'ultimo decennio per valutare i tassi di disabilità per occupazione e industria (USDHHS 1980), valutare la prevalenza del fumo di sigaretta per occupazione (Brackbill, Frazier e Shilling 1988) e registrare le opinioni dei lavoratori su i rischi professionali che devono affrontare (Shilling e Brackbill 1987).

Con l'assistenza del NIOSH, nel 1988 è stato incluso un Occupational Health Supplement (NHIS-OHS) al fine di ottenere stime basate sulla popolazione della prevalenza di condizioni selezionate che possono essere associate al lavoro (USDHHS 1993). Nel 50,000 sono state campionate circa 1988 famiglie e sono state intervistate 27,408 persone attualmente occupate. Tra le condizioni di salute affrontate dal NHIS-OHS vi sono gli infortuni sul lavoro, le condizioni dermatologiche, i disturbi da trauma cumulativo, l'irritazione degli occhi, del naso e della gola, la perdita dell'udito e il dolore lombare.

Nella prima analisi completata dal NHIS-OHS, Tanaka e colleghi del NIOSH hanno stimato che la prevalenza nazionale della sindrome del tunnel carpale correlata al lavoro nel 1988 era di 356,000 casi (Tanaka et al. 1995). Delle 675,000 persone stimate con dolore prolungato alla mano e sindrome del tunnel carpale diagnosticata dal punto di vista medico, oltre il 50% ha riferito che il proprio medico aveva dichiarato che la condizione del polso era causata dalle attività sul posto di lavoro. Questa stima non include i lavoratori che non avevano lavorato nei 12 mesi precedenti l'indagine e che potrebbero essere stati disabili a causa della sindrome del tunnel carpale correlata al lavoro.

A differenza del NHIS, il NHANES valuta direttamente la salute di un campione probabilistico di 30,000-40,000 individui negli Stati Uniti eseguendo esami fisici e test di laboratorio oltre a raccogliere informazioni sul questionario. Il NHANES è stato condotto due volte negli anni '1970 e più recentemente nel 1988. Il NHANES II, condotto alla fine degli anni '1970, ha raccolto informazioni limitate sugli indicatori di esposizione al piombo ea pesticidi selezionati. Avviato nel 1988, il NHANES III ha raccolto ulteriori dati sulle esposizioni professionali e sulle malattie, in particolare per quanto riguarda le malattie respiratorie e neurologiche di origine professionale (USDHHS 1994).

In breve

I sistemi di sorveglianza e segnalazione delle malattie professionali sono notevolmente migliorati dalla metà degli anni '1980. La registrazione delle malattie è la migliore per malattie uniche o virtualmente uniche per cause professionali, come le pneumoconiosi e il mesotelioma maligno. L'identificazione e la segnalazione di altre malattie professionali dipende dalla capacità di abbinare le esposizioni professionali con gli esiti di salute. Molte fonti di dati consentono la sorveglianza delle malattie professionali, sebbene tutte presentino importanti carenze in termini di qualità, completezza e accuratezza. Importanti ostacoli al miglioramento della denuncia delle malattie professionali includono la mancanza di interesse per la prevenzione nell'assistenza sanitaria, l'inadeguata formazione degli operatori sanitari in materia di salute sul lavoro ei conflitti intrinseci tra datori di lavoro e lavoratori nel riconoscimento delle malattie professionali. Nonostante questi fattori, è probabile che i miglioramenti nella segnalazione e nella sorveglianza delle malattie professionali continuino in futuro.

 

Di ritorno

Giovedi, 17 marzo 2011 18: 09

Sorveglianza sui rischi professionali

La sorveglianza dei pericoli è il processo di valutazione della distribuzione e delle tendenze secolari nell'uso e nei livelli di esposizione dei pericoli responsabili di malattie e lesioni (Wegman 1992). In un contesto di salute pubblica, la sorveglianza dei rischi identifica processi lavorativi o singoli lavoratori esposti a livelli elevati di rischi specifici in particolari settori e categorie di lavoro. Poiché la sorveglianza dei pericoli non è diretta agli eventi patologici, il suo utilizzo nel guidare l'intervento di sanità pubblica generalmente richiede che sia stata precedentemente stabilita una chiara relazione esposizione-esito. La sorveglianza può quindi essere giustificata dal presupposto che la riduzione dell'esposizione risulterà in una riduzione della malattia. L'uso corretto dei dati di sorveglianza dei rischi consente un intervento tempestivo, consentendo la prevenzione delle malattie professionali. Il suo vantaggio più significativo è quindi l'eliminazione della necessità di attendere che si verifichi una malattia evidente o addirittura la morte prima di adottare misure per proteggere i lavoratori.

Ci sono almeno altri cinque vantaggi della sorveglianza dei rischi che completano quelli forniti dalla sorveglianza delle malattie. In primo luogo, l'identificazione di eventi di pericolo è solitamente molto più semplice rispetto all'identificazione di eventi di malattie professionali, in particolare per malattie come il cancro che hanno lunghi periodi di latenza. In secondo luogo, l'attenzione ai pericoli (piuttosto che alle malattie) ha il vantaggio di dirigere l'attenzione sulle esposizioni che, in definitiva, devono essere controllate. Ad esempio, la sorveglianza del cancro ai polmoni potrebbe concentrarsi sui tassi nei lavoratori dell'amianto. Tuttavia, una parte considerevole del cancro ai polmoni in questa popolazione potrebbe essere dovuta al fumo di sigaretta, indipendentemente o in interazione con l'esposizione all'amianto, quindi potrebbe essere necessario studiare un gran numero di lavoratori per rilevare un piccolo numero di tumori correlati all'amianto. D'altro canto, la sorveglianza dell'esposizione all'amianto potrebbe fornire informazioni sui livelli e sui modelli di esposizione (posti di lavoro, processi o settori) in cui esiste il controllo dell'esposizione più scarso. Quindi, anche senza un conteggio effettivo dei casi di cancro ai polmoni, gli sforzi per ridurre o eliminare l'esposizione sarebbero opportunamente implementati.

In terzo luogo, poiché non tutte le esposizioni provocano malattie, gli eventi di pericolo si verificano con una frequenza molto più elevata rispetto agli eventi di malattia, con conseguente possibilità di osservare un modello emergente o cambiare nel tempo più facilmente che con la sorveglianza della malattia. Collegato a questo vantaggio è l'opportunità di utilizzare maggiormente gli eventi sentinella. Un pericolo sentinella può essere semplicemente la presenza di un'esposizione (ad es. berillio), come indicato dalla misurazione diretta sul posto di lavoro; la presenza di un'esposizione eccessiva, come indicato dal monitoraggio dei biomarcatori (ad esempio, livelli elevati di piombo nel sangue); o un rapporto di un incidente (ad esempio, una fuoriuscita di sostanze chimiche).

Un quarto vantaggio della sorveglianza dei pericoli è che i dati raccolti a tale scopo non violano la privacy di un individuo. La riservatezza delle cartelle cliniche non è a rischio e si evita la possibilità di stigmatizzare un individuo con un'etichetta di malattia. Ciò è particolarmente importante in contesti industriali in cui il lavoro di una persona può essere in pericolo o una potenziale richiesta di risarcimento può influire sulla scelta di opzioni diagnostiche da parte di un medico.

Infine, la sorveglianza dei rischi può trarre vantaggio da sistemi progettati per altri scopi. Esempi di raccolta in corso di informazioni sui pericoli già esistenti includono registri sull'uso di sostanze tossiche o scarichi di materiali pericolosi, registri per sostanze pericolose specifiche e informazioni raccolte dalle agenzie di regolamentazione per l'uso in conformità. Per molti aspetti, l'igienista industriale praticante ha già abbastanza familiarità con gli usi di sorveglianza dei dati sull'esposizione.

I dati sulla sorveglianza dei pericoli possono integrare la sorveglianza delle malattie sia per la ricerca volta a stabilire o confermare un'associazione pericolo-malattia, sia per le applicazioni di sanità pubblica, ei dati raccolti in entrambi i casi possono essere utilizzati per determinare la necessità di rimedi. Diverse funzioni sono servite dai dati di sorveglianza nazionale (come potrebbero essere sviluppati utilizzando i dati del sistema informativo di gestione integrato dell'OSHA statunitense sui risultati dei campioni di conformità all'igiene industriale - vedi sotto) in contrasto con quelli serviti dai dati di sorveglianza dei pericoli a livello di impianto, dove molto più dettagliati focus e analisi sono possibili.

I dati nazionali possono essere estremamente importanti nell'indirizzare le ispezioni per l'attività di conformità o per determinare quale sia la probabile distribuzione dei rischi che si tradurrà in richieste specifiche di servizi medici per una regione. La sorveglianza dei pericoli a livello di impianto, tuttavia, fornisce i dettagli necessari per un attento esame delle tendenze nel tempo. A volte una tendenza si verifica indipendentemente dai cambiamenti nei controlli, ma piuttosto in risposta a cambiamenti di prodotto che non sarebbero evidenti nei dati raggruppati per regione. Sia gli approcci nazionali che quelli a livello di stabilimento possono essere utili per determinare se sono necessari studi scientifici pianificati o programmi educativi per lavoratori e dirigenti.

Combinando i dati di sorveglianza dei rischi provenienti da ispezioni di routine in una vasta gamma di industrie apparentemente non correlate, a volte è possibile identificare gruppi di lavoratori per i quali una forte esposizione potrebbe altrimenti essere trascurata. Ad esempio, l'analisi delle concentrazioni di piombo aerodisperso determinate nelle ispezioni di conformità OSHA dal 1979 al 1985 ha identificato 52 industrie in cui il limite di esposizione consentito (PEL) è stato superato in più di un terzo delle ispezioni (Froines et al. 1990). Queste industrie includevano la fusione primaria e secondaria, la produzione di batterie, la produzione di pigmenti e le fonderie di ottone/bronzo. Poiché si tratta di tutti settori con un'esposizione al piombo storicamente elevata, esposizioni eccessive indicavano uno scarso controllo dei pericoli noti. Tuttavia, alcuni di questi luoghi di lavoro sono piuttosto piccoli, come le operazioni secondarie di fonderia di piombo, ed è improbabile che singoli gestori o operatori di impianti effettuino un campionamento sistematico dell'esposizione e potrebbero quindi non essere a conoscenza di gravi problemi di esposizione al piombo nei propri luoghi di lavoro. Contrariamente agli elevati livelli di esposizione ambientale al piombo che ci si sarebbe potuti aspettare in queste industrie di base del piombo, è stato anche notato che oltre un terzo degli stabilimenti oggetto dell'indagine in cui i PEL sono stati superati derivava da operazioni di verniciatura in un'ampia varietà di impostazioni generali del settore. È noto che i verniciatori di acciaio strutturale sono a rischio di esposizione al piombo, ma poca attenzione è stata rivolta alle industrie che impiegano verniciatori in piccole operazioni di verniciatura di macchinari o parti di macchinari. Questi lavoratori sono a rischio di esposizioni pericolose, ma spesso non sono considerati lavoratori di piombo perché operano in un settore che non è basato sul piombo. In un certo senso, questo sondaggio ha rivelato la prova di un rischio che era noto ma che era stato dimenticato fino a quando non è stato identificato dall'analisi di questi dati di sorveglianza.

Obiettivi della sorveglianza dei rischi

I programmi di sorveglianza dei rischi possono avere una varietà di obiettivi e strutture. In primo luogo, consentono di focalizzare le azioni di intervento e aiutano a valutare i programmi esistenti ea progettarne di nuovi. L'uso attento delle informazioni sulla sorveglianza dei pericoli può portare alla diagnosi precoce di guasti del sistema e richiamare l'attenzione sulla necessità di migliorare i controlli o le riparazioni prima che si verifichino effettivamente esposizioni eccessive o malattie. I dati di tali sforzi possono anche fornire la prova della necessità di una regolamentazione nuova o rivista per un pericolo specifico. In secondo luogo, i dati di sorveglianza possono essere incorporati nelle proiezioni di malattie future per consentire la pianificazione sia della conformità che dell'uso delle risorse mediche. In terzo luogo, utilizzando metodologie di esposizione standardizzate, i lavoratori a vari livelli organizzativi e governativi possono produrre dati che consentono di concentrarsi su una nazione, una città, un'industria, uno stabilimento o persino un lavoro. Con questa flessibilità, la sorveglianza può essere mirata, adattata secondo necessità e perfezionata man mano che nuove informazioni diventano disponibili o quando vengono risolti vecchi problemi o ne compaiono di nuovi. Infine, i dati sulla sorveglianza dei pericoli dovrebbero rivelarsi preziosi nella pianificazione di studi epidemiologici, identificando le aree in cui tali studi sarebbero più fruttuosi.

Esempi di sorveglianza dei rischi

Registro degli agenti cancerogeni: Finlandia. Nel 1979 la Finlandia ha iniziato a richiedere la comunicazione nazionale dell'uso di 50 diversi agenti cancerogeni nell'industria. Le tendenze nei primi sette anni di sorveglianza sono state riportate nel 1988 (Alho, Kauppinen e Sundquist 1988). Oltre due terzi dei lavoratori esposti ad agenti cancerogeni lavoravano solo con tre tipi di agenti cancerogeni: cromati, nichel e composti inorganici o amianto. La sorveglianza dei rischi ha rivelato che un numero sorprendentemente piccolo di composti rappresentava la maggior parte delle esposizioni cancerogene, migliorando così notevolmente l'attenzione per gli sforzi per la riduzione dell'uso tossico e per i controlli dell'esposizione.

Un altro uso importante del registro è stata la valutazione dei motivi per cui gli elenchi "sono usciti" dal sistema, ovvero perché l'uso di un agente cancerogeno è stato segnalato una volta ma non nelle indagini successive. Il 5% delle uscite era dovuto a un'esposizione continua ma non dichiarata. Ciò ha portato all'educazione e al feedback per le industrie di segnalazione sul valore di una segnalazione accurata. Il XNUMX% è uscito perché l'esposizione era cessata, e tra questi oltre la metà è uscita per sostituzione con un non cancerogeno. È possibile che i risultati dei rapporti del sistema di sorveglianza abbiano stimolato la sostituzione. La maggior parte delle uscite rimanenti è derivata dall'eliminazione delle esposizioni mediante controlli tecnici, modifiche ai processi o una notevole riduzione dell'uso o del tempo di esposizione. Solo il XNUMX% delle uscite è derivato dall'uso di dispositivi di protezione individuale. Questo esempio mostra come un registro delle esposizioni può fornire una ricca risorsa per comprendere l'uso di agenti cancerogeni e per tenere traccia del cambiamento nell'uso nel tempo.

Indagine nazionale sull'esposizione professionale (NOES). Il NIOSH statunitense ha condotto due Indagini nazionali sull'esposizione professionale (NOES) a distanza di dieci anni per stimare il numero di lavoratori e luoghi di lavoro potenzialmente esposti a ciascuno di un'ampia varietà di pericoli. Sono state preparate mappe nazionali e statali che mostrano gli elementi esaminati, come il modello di esposizione dei lavoratori e del posto di lavoro alla formaldeide (Frazier, Lalich e Pedersen 1983). Sovrapponendo queste mappe a mappe di mortalità per cause specifiche (es. cancro del seno nasale) si offre l'opportunità di semplici esami ecologici atti a generare ipotesi che possono poi essere indagate da opportuni studi epidemiologici.

Sono stati esaminati anche i cambiamenti tra le due indagini, ad esempio le proporzioni delle strutture in cui c'erano potenziali esposizioni a rumore continuo senza controlli funzionanti (Seta e Sundin 1984). Esaminando per settore, si sono osservati pochi cambiamenti per gli appaltatori generali di costruzioni (dal 92.5% all'88.4%), mentre si è registrato un notevole calo per i prodotti chimici e affini (dall'88.8% al 38.0%) e per i servizi di riparazione vari (dall'81.1% al 21.2%). ). Possibili spiegazioni includevano l'approvazione della legge sulla sicurezza e salute sul lavoro, accordi di contrattazione collettiva, preoccupazioni relative alla responsabilità legale e maggiore consapevolezza dei dipendenti.

Misure di ispezione (esposizione) (OSHA). L'US OSHA ispeziona i luoghi di lavoro per valutare l'adeguatezza dei controlli dell'esposizione da oltre vent'anni. Per la maggior parte del tempo, i dati sono stati inseriti in un database, l'Integrated Management Information System (OSHA/IMIS). Le tendenze secolari generali in casi selezionati sono state esaminate dal 1979 al 1987. Per l'amianto, vi sono buone prove di controlli ampiamente riusciti. Al contrario, mentre il numero di campioni raccolti per esposizioni a silice e piombo è diminuito in quegli anni, entrambe le sostanze hanno continuato a mostrare un numero consistente di sovraesposizioni. I dati hanno anche mostrato che, nonostante il numero ridotto di ispezioni, la percentuale di ispezioni in cui sono stati superati i limiti di esposizione è rimasta sostanzialmente costante. Tali dati potrebbero essere molto istruttivi per l'OSHA durante la pianificazione delle strategie di conformità per silice e piombo.

Un altro utilizzo del database delle ispezioni sul posto di lavoro è stato un esame quantitativo dei livelli di esposizione alla silice per nove industrie e posti di lavoro all'interno di tali industrie (Froines, Wegman e Dellenbaugh 1986). I limiti di esposizione sono stati superati in varia misura, dal 14% (fonderie di alluminio) al 73% (ceramiche). All'interno delle ceramiche, sono stati esaminati lavori specifici e la percentuale di superamento dei limiti di esposizione variava dallo 0% (operai) al 69% (lavoratori di cantine). Il grado in cui i campioni superavano il limite di esposizione variava a seconda del lavoro. Per i lavoratori delle cantine le esposizioni in eccesso erano, in media, il doppio del limite di esposizione, mentre gli spruzzatori di barbottina/smalto avevano esposizioni in eccesso in media di oltre otto volte il limite. Questo livello di dettaglio dovrebbe rivelarsi prezioso per la direzione e i lavoratori impiegati nelle ceramiche, nonché per le agenzie governative responsabili della regolamentazione delle esposizioni professionali.

In breve

Questo articolo ha identificato lo scopo della sorveglianza dei pericoli, ne ha descritto i vantaggi e alcuni dei suoi limiti e ha offerto diversi esempi in cui ha fornito utili informazioni sulla salute pubblica. Tuttavia, la sorveglianza dei pericoli non dovrebbe sostituire la sorveglianza delle malattie non infettive. Nel 1977 una task force del NIOSH ha sottolineato la relativa interdipendenza dei due principali tipi di sorveglianza, affermando:

La sorveglianza dei pericoli e delle malattie non può procedere separatamente l'una dall'altra. La riuscita caratterizzazione dei pericoli associati a diversi settori o occupazioni, unitamente alle informazioni tossicologiche e mediche relative ai pericoli, può suggerire settori o gruppi professionali appropriati per la sorveglianza epidemiologica (Craft et al. 1977).

 

Di ritorno

Giovedi, 17 marzo 2011 18: 11

Sorveglianza nei paesi in via di sviluppo

Si stima che oltre l'80% della popolazione mondiale viva nei paesi in via di sviluppo dell'Africa, del Medio Oriente, dell'Asia e dell'America meridionale e centrale. I paesi in via di sviluppo sono spesso finanziariamente svantaggiati e molti hanno economie prevalentemente rurali e agricole. Tuttavia, sono molto diversi sotto molti aspetti, con aspirazioni, sistemi politici e diversi stadi di crescita industriale. Lo stato di salute delle persone nei paesi in via di sviluppo è generalmente inferiore a quello dei paesi sviluppati, come dimostrano tassi di mortalità infantile più elevati e aspettative di vita inferiori.

Diversi fattori contribuiscono alla necessità di sicurezza sul lavoro e sorveglianza sanitaria nei paesi in via di sviluppo. In primo luogo, molti di questi paesi si stanno rapidamente industrializzando. In termini di dimensioni degli stabilimenti industriali, molte delle nuove industrie sono industrie su piccola scala. In tali situazioni, le strutture sanitarie e di sicurezza sono spesso molto limitate o inesistenti. Inoltre, i paesi in via di sviluppo sono spesso i destinatari del trasferimento di tecnologia dai paesi sviluppati. Alcune delle industrie più pericolose, che hanno difficoltà ad operare in paesi con una legislazione sulla salute sul lavoro più rigorosa e meglio applicata, possono essere "esportate" nei paesi in via di sviluppo.

In secondo luogo, per quanto riguarda la forza lavoro, il livello di istruzione dei lavoratori nei paesi in via di sviluppo è spesso inferiore ei lavoratori possono non essere addestrati a pratiche di lavoro sicure. Il lavoro minorile è spesso più diffuso nei paesi in via di sviluppo. Questi gruppi sono relativamente più vulnerabili ai rischi per la salute sul lavoro. Oltre a queste considerazioni, vi è generalmente un livello di salute preesistente inferiore tra i lavoratori dei paesi in via di sviluppo.

Questi fattori garantirebbero che in tutto il mondo i lavoratori dei paesi in via di sviluppo siano tra coloro che sono più vulnerabili e che affrontano il rischio maggiore di rischi per la salute sul lavoro.

Gli effetti sulla salute sul lavoro sono diversi da quelli osservati nei paesi sviluppati

È importante ottenere dati sugli effetti sulla salute per la prevenzione e per stabilire le priorità degli approcci per risolvere i problemi di salute sul lavoro. Tuttavia, la maggior parte dei dati disponibili sulla morbilità potrebbe non essere applicabile ai paesi in via di sviluppo, poiché provengono dai paesi sviluppati.

Nei paesi in via di sviluppo, la natura degli effetti sulla salute sul lavoro derivanti dai rischi sul posto di lavoro può essere diversa da quella dei paesi sviluppati. Malattie professionali conclamate come gli avvelenamenti chimici e le pneumoconiosi, che sono causate dall'esposizione ad alti livelli di tossine sul posto di lavoro, sono ancora riscontrate in numero significativo nei paesi in via di sviluppo, mentre questi problemi potrebbero essere stati sostanzialmente ridotti nei paesi sviluppati.

Ad esempio, nel caso dell'avvelenamento da pesticidi, gli effetti acuti sulla salute e persino i decessi dovuti a esposizioni elevate sono una preoccupazione immediata maggiore nei paesi agricoli in via di sviluppo, rispetto agli effetti sulla salute a lungo termine derivanti dall'esposizione a basse dosi di pesticidi, che potrebbero essere un problema più questione importante nei paesi sviluppati. In effetti, il carico di morbilità derivante dall'avvelenamento acuto da pesticidi in alcuni paesi in via di sviluppo, come lo Sri Lanka, può persino superare quello dei tradizionali problemi di salute pubblica come la difterite, la pertosse e il tetano.

Pertanto, è richiesta una certa sorveglianza della morbilità della salute sul lavoro da parte dei paesi in via di sviluppo. Le informazioni sarebbero utili per la valutazione dell'entità del problema, l'ordine di priorità dei piani per far fronte ai problemi, l'allocazione delle risorse e per la successiva valutazione dell'impatto degli interventi.

Sfortunatamente, tali informazioni di sorveglianza spesso mancano nei paesi in via di sviluppo. Va riconosciuto che i programmi di sorveglianza nei paesi sviluppati possono essere inappropriati per i paesi in via di sviluppo e tali sistemi probabilmente non possono essere adottati nella loro interezza per i paesi in via di sviluppo a causa dei vari problemi che possono ostacolare le attività di sorveglianza.

Problemi di sorveglianza nei paesi in via di sviluppo

Sebbene nei paesi in via di sviluppo esista la necessità della sorveglianza dei problemi di salute e sicurezza sul lavoro, l'effettiva attuazione della sorveglianza è spesso irta di difficoltà.

Le difficoltà possono sorgere a causa dello scarso controllo dello sviluppo industriale, dell'assenza o di un'infrastruttura inadeguatamente sviluppata per la legislazione ei servizi di salute sul lavoro, di professionisti della medicina del lavoro non sufficientemente formati, di servizi sanitari limitati e di sistemi di segnalazione sanitaria inadeguati. Molto spesso le informazioni sulla forza lavoro e sulla popolazione generale possono essere carenti o inadeguate.

Un altro grave problema è che in molti paesi in via di sviluppo, la salute sul lavoro non ha un'alta priorità nei programmi di sviluppo nazionali.

Attività di sorveglianza della salute e sicurezza sul lavoro

La sorveglianza della sicurezza e della salute sul lavoro può comportare attività quali il monitoraggio di eventi pericolosi sul lavoro, infortuni sul lavoro e decessi sul lavoro. Comprende anche la sorveglianza delle malattie professionali e la sorveglianza dell'ambiente di lavoro. Probabilmente è più facile raccogliere informazioni sugli infortuni sul lavoro e sui decessi accidentali sul lavoro, dal momento che tali eventi sono abbastanza facilmente definibili e riconoscibili. Più difficile è invece la sorveglianza dello stato di salute della popolazione attiva, comprese le malattie professionali e lo stato dell'ambiente di lavoro.

Il resto di questo articolo si occuperà quindi principalmente del tema della sorveglianza delle malattie professionali. I principi e gli approcci discussi possono essere applicati alla sorveglianza degli infortuni sul lavoro e dei decessi, che sono anche cause molto importanti di morbilità e mortalità tra i lavoratori nei paesi in via di sviluppo.

La sorveglianza della salute dei lavoratori nei paesi in via di sviluppo non dovrebbe essere limitata solo alle malattie professionali, ma dovrebbe riguardare anche le malattie generali della popolazione attiva. Questo perché i principali problemi di salute tra i lavoratori in alcuni paesi in via di sviluppo dell'Africa e dell'Asia potrebbero non essere professionali, ma potrebbero includere altre malattie generali come le malattie infettive, ad esempio la tubercolosi o le malattie sessualmente trasmissibili. Le informazioni raccolte sarebbero poi utili per la programmazione e l'allocazione delle risorse sanitarie per la promozione della salute della popolazione attiva.

Alcuni approcci per superare i problemi di sorveglianza

Quali tipi di sorveglianza della salute sul lavoro sono appropriati nei paesi in via di sviluppo? In generale, un sistema con meccanismi semplici, che utilizzi la tecnologia disponibile e appropriata, sarebbe più adatto per i paesi in via di sviluppo. Tale sistema dovrebbe anche tenere conto dei tipi di industrie e dei rischi sul lavoro che sono importanti nel paese.

Utilizzo delle risorse esistenti

Un tale sistema può utilizzare le risorse esistenti come l'assistenza sanitaria primaria ei servizi di salute ambientale. Ad esempio, le attività di sorveglianza della salute sul lavoro possono essere integrate nei compiti attuali del personale sanitario di base, degli ispettori della sanità pubblica e degli ingegneri ambientali.

Perché ciò avvenga, il personale sanitario di base e di sanità pubblica deve essere prima formato per riconoscere le malattie che possono essere correlate al lavoro, e anche per eseguire semplici valutazioni di luoghi di lavoro insoddisfacenti in termini di sicurezza e salute sul lavoro. Tale personale dovrebbe, ovviamente, ricevere una formazione adeguata e appropriata per svolgere questi compiti.

I dati sulle condizioni di lavoro e di malattia derivanti dalle attività lavorative possono essere raccolti mentre tali persone svolgono il loro lavoro ordinario nella comunità. Le informazioni raccolte possono essere convogliate ai centri regionali e, infine, a un'agenzia centrale responsabile del monitoraggio delle condizioni di lavoro e della morbilità della salute sul lavoro, che è anche responsabile di agire su questi problemi.

Registro delle fabbriche e dei processi di lavoro

Potrebbe essere avviato un registro delle fabbriche e dei processi di lavoro, al contrario di un registro delle malattie. Questo registro otterrebbe informazioni dalla fase di registrazione di tutte le fabbriche, compresi i processi di lavoro e i materiali utilizzati. Le informazioni dovrebbero essere aggiornate periodicamente quando vengono introdotti nuovi processi di lavoro o materiali. Laddove, infatti, tale registrazione è richiesta dalla legislazione nazionale, essa deve essere applicata in modo completo.

Tuttavia, per le industrie su piccola scala, tale registrazione viene spesso aggirata. Semplici indagini sul campo e valutazioni dei tipi di industria e dello stato delle condizioni di lavoro potrebbero fornire informazioni di base. Le persone che potrebbero eseguire valutazioni così semplici potrebbero essere ancora una volta il personale sanitario di base e della sanità pubblica.

Laddove tale registro sia effettivamente operativo, vi è anche la necessità di un aggiornamento periodico dei dati. Questo potrebbe essere reso obbligatorio per tutte le fabbriche registrate. In alternativa, potrebbe essere desiderabile richiedere un aggiornamento alle fabbriche in vari settori ad alto rischio.

Notifica delle malattie professionali

Potrebbe essere introdotta una legislazione per la notifica di determinati disturbi della salute sul lavoro. Sarebbe importante pubblicizzare ed educare le persone su questo argomento prima dell'attuazione della legge. Questioni come quali malattie dovrebbero essere segnalate e chi dovrebbero essere le persone responsabili della notifica dovrebbero essere prima risolte. Ad esempio, in un paese in via di sviluppo come Singapore, i medici che sospettano le malattie professionali elencate nella tabella 1 devono notificarlo al Ministero del Lavoro. Tale elenco deve essere adattato ai tipi di industria in un paese ed essere rivisto e aggiornato periodicamente. Inoltre, le persone incaricate della notifica dovrebbero essere formate a riconoscere, o almeno a sospettare, l'insorgenza delle malattie.

Tabella 1. Esempio di elenco delle malattie professionali soggette a denuncia

Avvelenamento da anilina

Dermatite industriale

Antrace

Avvelenamento da piombo

Avvelenamento da arsenico

Angiosarcoma epatico

asbestosi

Avvelenamento da manganese

barotrauma

Avvelenamento da mercurio

Avvelenamento da berillio

Mesotelioma

Bissinosi

Sordità indotta dal rumore

Avvelenamento da cadmio

Asma professionale

Avvelenamento da solfuro di carbonio

Avvelenamento da fosforo

Ulcerazione da cromo

Silicosi

Avvelenamento cronico da benzene

Anemia tossica

Malattia dell'aria compressa

Epatite tossica

 

Per garantire il successo di tali sistemi di notifica sono necessarie azioni di follow-up e applicazione continue. In caso contrario, una grave sottostima ne limiterebbe l'utilità. Ad esempio, nel 1985 a Singapore l'asma occupazionale è stata dichiarata soggetta a notifica e risarcibile. È stata inoltre istituita una clinica per malattie polmonari occupazionali. Nonostante questi sforzi, sono stati confermati un totale di soli 17 casi di asma professionale. Ciò può essere contrastato con i dati della Finlandia, dove solo nel 179 sono stati segnalati 1984 casi di asma occupazionale. La popolazione finlandese di 5 milioni è solo circa il doppio di quella di Singapore. Questa grave sottostima dell'asma professionale è probabilmente dovuta alla difficoltà nella diagnosi della condizione. Molti medici non hanno familiarità con le cause e le caratteristiche dell'asma professionale. Pertanto, anche con l'attuazione della notifica obbligatoria, è importante continuare a educare gli operatori sanitari, i datori di lavoro ei dipendenti.

Quando il sistema di notifica sarà inizialmente implementato, sarà possibile effettuare una valutazione più accurata della prevalenza della malattia professionale. Ad esempio, il numero di notifiche di ipoacusia causata dal rumore a Singapore è aumentato di sei volte dopo l'introduzione delle visite mediche obbligatorie per tutti i lavoratori esposti al rumore. Successivamente, se la notifica è abbastanza completa e accurata, e se si può ottenere una popolazione al denominatore soddisfacente, può anche essere possibile stimare l'incidenza della condizione e il relativo rischio.

Come in molti sistemi di notifica e sorveglianza, il ruolo importante della notifica è quello di allertare le autorità per indicizzare i casi sul posto di lavoro. Ulteriori indagini e interventi sul posto di lavoro, se necessario, sono necessarie attività di follow-up. In caso contrario, gli sforzi di notifica sarebbero vani.

Altre fonti di informazione

Le informazioni sanitarie ospedaliere e ambulatoriali sono spesso sottoutilizzate nella sorveglianza dei problemi di salute sul lavoro in un paese in via di sviluppo. Gli ospedali e gli ambulatori possono e devono essere incorporati nel sistema di notifica per malattie specifiche, come intossicazioni acute e infortuni sul lavoro. I dati provenienti da queste fonti fornirebbero anche un'idea dei problemi di salute comuni tra i lavoratori e potrebbero essere utilizzati per la pianificazione delle attività di promozione della salute sul luogo di lavoro.

Tutte queste informazioni vengono solitamente raccolte regolarmente e sono necessarie poche risorse extra per indirizzare i dati alle autorità per la salute e la sicurezza sul lavoro in un paese in via di sviluppo.

Un'altra possibile fonte di informazioni sarebbero le cliniche oi tribunali di compensazione. Infine, se le risorse sono disponibili, potrebbero essere attivati ​​anche alcuni consultori regionali di medicina del lavoro. Queste cliniche potrebbero essere gestite da professionisti della medicina del lavoro più qualificati e indagherebbero su qualsiasi sospetta malattia correlata al lavoro.

Dovrebbero essere utilizzate anche le informazioni provenienti dai registri delle malattie esistenti. In molte grandi città dei paesi in via di sviluppo esistono registri sul cancro. Sebbene la storia occupazionale ottenuta da questi registri possa non essere completa e accurata, è utile per il monitoraggio preliminare di ampi gruppi occupazionali. I dati di tali registri saranno ancora più preziosi se i registri dei lavoratori esposti a rischi specifici saranno disponibili per il confronto incrociato.

Il ruolo del collegamento dei dati

Anche se questo può sembrare attraente ed è stato impiegato con un certo successo in alcuni paesi sviluppati, questo approccio potrebbe non essere appropriato o addirittura possibile nei paesi in via di sviluppo al momento. Questo perché l'infrastruttura necessaria per un tale sistema spesso non è disponibile nei paesi in via di sviluppo. Ad esempio, i registri delle malattie ei registri dei luoghi di lavoro potrebbero non essere disponibili o, se esistono, potrebbero non essere informatizzati e facilmente collegati.

Aiuto dalle agenzie internazionali

Agenzie internazionali come l'Organizzazione internazionale del lavoro, l'Organizzazione mondiale della sanità e organismi come la Commissione internazionale per la salute sul lavoro possono contribuire con la loro esperienza e competenza al superamento dei problemi comuni di sorveglianza della salute e della sicurezza sul lavoro in un paese. Inoltre, possono essere sviluppati o offerti corsi di formazione e opportunità di formazione per le persone di assistenza primaria.

Anche la condivisione di informazioni provenienti da paesi regionali con industrie simili e problemi di salute sul lavoro è spesso utile.

In breve

I servizi di sicurezza e salute sul lavoro sono importanti nei paesi in via di sviluppo. Ciò è particolarmente vero in considerazione della rapida industrializzazione dell'economia, della popolazione attiva vulnerabile e dei rischi per la salute scarsamente controllati affrontati sul lavoro.

Nello sviluppo e nella fornitura di servizi di medicina del lavoro in questi paesi, è importante disporre di un qualche tipo di sorveglianza della malattia sul lavoro. Ciò è necessario per la giustificazione, la pianificazione e la definizione delle priorità della legislazione e dei servizi di medicina del lavoro e per la valutazione dell'esito di tali misure.

Sebbene i sistemi di sorveglianza siano in atto nei paesi sviluppati, tali sistemi potrebbero non essere sempre appropriati per i paesi in via di sviluppo. I sistemi di sorveglianza nei paesi in via di sviluppo dovrebbero tenere conto del tipo di industria e dei rischi che sono importanti nel paese. Semplici meccanismi di sorveglianza, che impiegano tecnologie disponibili e appropriate, sono spesso le migliori opzioni per i paesi in via di sviluppo.

 

Di ritorno

I sistemi di sorveglianza degli infortuni e delle malattie sul lavoro costituiscono una risorsa fondamentale per la gestione e la riduzione degli infortuni e delle malattie professionali. Forniscono dati essenziali che possono essere utilizzati per identificare i problemi sul posto di lavoro, sviluppare strategie correttive e quindi prevenire futuri infortuni e malattie. Per raggiungere questi obiettivi in ​​modo efficace, è necessario costruire sistemi di sorveglianza che catturino le caratteristiche degli infortuni sul lavoro in modo molto dettagliato. Per essere di massimo valore, un tale sistema dovrebbe essere in grado di fornire risposte a domande come quali luoghi di lavoro sono i più pericolosi, quali infortuni producono la maggior parte del tempo perso dal lavoro e persino quale parte del corpo è ferita più frequentemente.

Questo articolo descrive lo sviluppo di un sistema di classificazione esaustivo da parte del Bureau of Labor Statistics del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti (BLS). Il sistema è stato sviluppato per soddisfare le esigenze di una varietà di collegi elettorali: analisti politici statali e federali, ricercatori in materia di sicurezza e salute, datori di lavoro, organizzazioni dei dipendenti, professionisti della sicurezza, settore assicurativo e altri coinvolti nella promozione della sicurezza e della salute sul posto di lavoro.

sfondo

Per un certo numero di anni, il BLS ha raccolto tre tipi fondamentali di informazioni riguardanti un infortunio o una malattia professionale:

  • settore, posizione geografica dell'incidente ed eventuali giornate lavorative perse associate
  • caratteristiche del dipendente interessato, come l'età, il sesso e l'occupazione
  • come si è verificato l'incidente o l'esposizione, gli oggetti o le sostanze coinvolte, la natura della lesione o della malattia e la parte del corpo colpita.

 

Il precedente sistema di classificazione, sebbene utile, era alquanto limitato e non soddisfaceva pienamente le esigenze sopra descritte. Nel 1989 si decise che fosse necessaria una revisione del sistema esistente che meglio si adattasse alle esigenze dei vari utenti.

Il sistema di classificazione

Una task force BLS è stata organizzata nel settembre 1989 per stabilire i requisiti per un sistema che "descrivesse accuratamente la natura del problema di sicurezza e salute sul lavoro" (OSHA 1970). Questo team ha lavorato in consultazione con specialisti della sicurezza e della salute dei settori pubblico e privato, con l'obiettivo di sviluppare un sistema di classificazione rinnovato e ampliato.

Sono stati stabiliti diversi criteri che disciplinano le singole strutture del codice. Il sistema deve avere una disposizione gerarchica per consentire la massima flessibilità per i vari utenti dei dati sugli infortuni e le malattie professionali. Il sistema dovrebbe essere, per quanto possibile, compatibile con la classificazione internazionale delle malattie, nona revisione, modificazione clinica (ICD-9-CM) dell'OMS (9). Il sistema dovrebbe soddisfare le esigenze di altre agenzie governative coinvolte nell'arena della sicurezza e della salute. Infine, il sistema deve rispondere alle diverse caratteristiche dei casi fatali e non fatali.

Le bozze delle strutture di classificazione caratteristiche del caso sono state prodotte e rilasciate per un commento nel 1989 e di nuovo nel 1990. Il sistema includeva la natura dell'infortunio o della malattia, la parte del corpo colpita, la fonte dell'infortunio o della malattia, le strutture dell'evento o dell'esposizione e la fonte secondaria. I commenti sono stati ricevuti e incorporati dal personale dell'ufficio, dalle agenzie statali, dalla Occupational Safety and Health Administration, dall'Employment Standards Administration e dal NIOSH, dopodiché il sistema era pronto per un test in loco.

In quattro stati sono stati condotti test pilota delle strutture per la compilazione di dati per infortuni e malattie non mortali, nonché l'applicazione operativa nel Censimento degli infortuni mortali sul lavoro. I risultati dei test furono analizzati e le revisioni completate entro l'autunno del 1991.

La versione finale del 1992 del sistema di classificazione è costituita da cinque strutture di codici caratteristici dei casi, una struttura di codici professionali e una struttura di codici di settore. Lo Standard Industrial Classification Manual viene utilizzato per classificare l'industria (OMB 1987) e l'Indice alfabetico delle occupazioni del Bureau of the Census per codificare l'occupazione (Bureau of the Census 1992). Il BLS Occupational Injury and Illness Classification System (1992) viene utilizzato per codificare le seguenti cinque caratteristiche:

  • natura dell'infortunio o della malattia
  • parte del corpo interessata
  • evento o esposizione
  • fonte di infortunio o malattia
  • fonte secondaria di infortunio o malattia.

Oltre ai codici numerici che rappresentano condizioni o circostanze specifiche, ogni struttura di codice include ausili per assistere nell'identificazione e nella selezione del codice appropriato. Questi aiuti includono: definizioni, regole di selezione, paragrafi descrittivi, elenchi alfabetici e criteri di modifica per ciascuna delle strutture. Le regole di selezione offrono una guida per scegliere uniformemente il codice appropriato quando sono possibili due o più selezioni di codice. I paragrafi descrittivi forniscono informazioni aggiuntive sui codici, ad esempio cosa è incluso o escluso in un particolare codice. Ad esempio, il codice per occhio include il bulbo oculare, il cristallino, la retina e le ciglia. Gli elenchi alfabetici possono essere utilizzati per trovare rapidamente il codice numerico per una caratteristica specifica, come la terminologia medica o macchinari specializzati. Infine, i criteri di modifica sono strumenti di garanzia della qualità che possono essere utilizzati per determinare quali combinazioni di codice non sono corrette prima della selezione finale.

Natura dei codici di infortunio o malattia

Il natura dell'infortunio o della malattia la struttura del codice descrive la principale caratteristica fisica dell'infortunio o della malattia del lavoratore. Questo codice serve come base per tutte le altre classificazioni dei casi. Una volta identificata la natura dell'infortunio o della malattia, le restanti quattro classificazioni rappresentano le circostanze associate a quel particolare esito. La struttura di classificazione per la natura della lesione o della malattia contiene sette divisioni:

  • lesioni e disturbi traumatici
  • malattie o disturbi sistemici
  • malattie infettive e parassitarie
  • neoplasie, tumori e cancro
  • sintomi, segni e condizioni mal definite
  • altre condizioni o disturbi
  • molteplici malattie, condizioni o disturbi.

 

Prima di finalizzare questa struttura, due sistemi di classificazione simili sono stati valutati per una possibile adozione o emulazione. Poiché lo standard Z16.2 (ANSI 1963) dell'American National Standards Institute (ANSI) è stato sviluppato per l'uso nella prevenzione degli incidenti, non contiene un numero sufficiente di categorie di malattie perché molte agenzie possano svolgere le loro missioni.

L'ICD-9-CM, progettato per classificare le informazioni su morbilità e mortalità e utilizzato da gran parte della comunità medica, fornisce i codici dettagliati richiesti per le malattie. Tuttavia, le conoscenze tecniche e i requisiti di formazione per gli utenti e i compilatori di queste statistiche hanno reso questo sistema proibitivo.

La struttura finale raggiunta è un ibrido che combina il metodo di applicazione e le regole di selezione dell'ANSI Z16.2 con l'organizzazione divisionale di base dell'ICD-9-CM. Con poche eccezioni, le divisioni nella struttura BLS possono essere mappate direttamente all'ICD-9-CM. Ad esempio, la divisione BLS che identifica le malattie infettive e parassitarie corrisponde direttamente al Capitolo 1, Malattie infettive e parassitarie, dell'ICD-9-CM.

La prima divisione nella struttura BLS della natura dell'infortunio o della malattia classifica lesioni e disturbi traumatici, effetti di agenti esterni e avvelenamento e corrisponde al capitolo 17 dell'ICD-9-CM. Gli esiti in questa divisione sono generalmente il risultato di un singolo incidente, evento o esposizione e includono condizioni come fratture, contusioni, tagli e ustioni. Nell'ambiente lavorativo, questa divisione rappresenta la grande maggioranza dei casi segnalati.

Diverse situazioni hanno richiesto un'attenta considerazione quando si stabiliscono regole per selezionare i codici in questa divisione. La revisione dei casi mortali ha rivelato difficoltà nella codifica di alcuni tipi di lesioni mortali. Ad esempio, le fratture fatali di solito comportano danni mortali diretti o indiretti a un organo vitale, come il cervello o la colonna vertebrale. Sono state richieste specifiche categorie di codifica e istruzioni per annotare il danno mortale associato a questo tipo di lesioni.

Le ferite da arma da fuoco costituiscono una categoria separata con istruzioni speciali per quei casi in cui tali ferite hanno provocato anche amputazioni o paralisi. In linea con una filosofia generale di codifica delle lesioni più gravi, la paralisi e le amputazioni hanno la precedenza sui danni meno gravi causati da una ferita da arma da fuoco.

Le risposte alle domande sui moduli di segnalazione del datore di lavoro riguardanti l'accaduto al lavoratore infortunato o malato non sempre descrivono adeguatamente l'infortunio o la malattia. Se il documento di origine indica solo che il dipendente "si è fatto male alla schiena", non è corretto presumere che si tratti di distorsione, stiramento, dorsopatia o qualsiasi altra condizione specifica. Per risolvere il problema, sono stati stabiliti codici individuali per descrizioni non specifiche di lesioni o malattie come "dolore", "dolore" e "dolore".

Infine, questa divisione ha una sezione di codici per classificare le combinazioni di condizioni che si verificano più frequentemente che derivano dallo stesso incidente. Ad esempio, un lavoratore può subire sia graffi che lividi a causa di un singolo incidente.

Cinque delle restanti divisioni di questa struttura di classificazione erano dedicate all'identificazione di malattie e disturbi professionali. Queste sezioni presentano codici per condizioni specifiche che sono di fondamentale interesse per la comunità della sicurezza e della salute. Negli ultimi anni, un numero crescente di malattie e disturbi sono stati collegati all'ambiente di lavoro ma raramente erano rappresentati nelle strutture di classificazione esistenti. La struttura ha un elenco molto esteso di malattie e disturbi specifici come la sindrome del tunnel carpale, la legionellosi, le tendiniti e la tubercolosi.

Parte del corpo colpita

Il parte del corpo interessata la struttura di classificazione specifica la parte del corpo che è stata direttamente colpita dall'infortunio o dalla malattia. Quando è collegato con il natura dell'infortunio o della malattia codice, fornisce un quadro più completo del danno subito: dito amputato, cancro ai polmoni, mascella fratturata. Questa struttura è composta da otto divisioni:

  • capo
  • collo, compresa la gola
  • tronco
  • estremità superiori
  • estremità più basse
  • sistemi corporei
  • più parti del corpo
  • altre parti del corpo.

 

Tre problemi sono emersi durante la valutazione delle opzioni di riprogettazione per questa parte teoricamente semplice e diretta del sistema di classificazione. Il primo è stato il merito di codificare la posizione esterna (braccio, tronco, gamba) della lesione o della malattia rispetto al sito interno interessato (cuore, polmoni, cervello).

I risultati dei test hanno indicato che la codifica della parte interna del corpo interessata era appropriata per malattie e disturbi, ma estremamente confusa se applicata a molte lesioni traumatiche come tagli o contusioni. Il BLS ha sviluppato una politica di codifica della posizione esterna per la maggior parte delle lesioni traumatiche e codifica delle posizioni interne, ove appropriato, per le malattie.

Il secondo problema era come gestire le malattie che colpiscono più di un sistema corporeo contemporaneamente. Ad esempio, l'ipotermia, una condizione di bassa temperatura corporea dovuta all'esposizione al freddo, può colpire il sistema nervoso ed endocrino. Poiché è difficile per il personale non medico determinare quale sia la scelta appropriata, ciò potrebbe portare a un'enorme quantità di tempo di ricerca senza una chiara risoluzione. Pertanto, il sistema BLS è stato progettato con una singola voce, sistemi corporei, che classifica uno o più sistemi corporei.

L'aggiunta di dettagli per identificare combinazioni tipiche di parti nelle estremità superiori e inferiori è stato il terzo importante miglioramento di questa struttura di codice. Queste combinazioni, come mano e polso, si sono rivelate supportate dai documenti di origine.

Evento o esposizione

La struttura del codice dell'evento o dell'esposizione descrive il modo in cui la lesione o la malattia è stata inflitta o prodotta. Le seguenti otto divisioni sono state create per identificare il metodo principale di lesione o esposizione a una sostanza o situazione dannosa:

  • contatto con oggetti e attrezzature
  • cadute
  • reazione e sforzo corporeo
  • esposizione a sostanze o ambienti nocivi
  • incidenti di trasporto
  • incendi ed esplosioni
  • aggressioni e atti violenti
  • altri eventi o esposizioni.

Gli incidenti che producono lesioni sono spesso composti da una serie di eventi. Per illustrare, si consideri cosa accade in un incidente stradale: un'auto colpisce un guard-rail, attraversa la fascia mediana e si scontra con un camion. Il conducente ha riportato diverse ferite per aver urtato parti dell'auto e per essere stato colpito da vetri rotti. Se i micro-eventi, come colpire il parabrezza o essere colpiti da vetri volanti, fossero stati codificati, il fatto generale che la persona ha avuto un incidente stradale potrebbe non essere compreso.

In queste istanze di eventi multipli, il BLS ha designato diversi eventi da considerare eventi primari e per avere la precedenza su altri micro-eventi ad essi associati. Questi eventi primari includevano:

  • aggressioni e atti violenti
  • incidenti di trasporto
  • incendi
  • esplosioni.

Anche all'interno di questi gruppi è stato stabilito un ordine di precedenza perché spesso si sovrappongono: ad esempio, un incidente stradale può comportare un incendio. Questo ordine di precedenza è l'ordine in cui appaiono nell'elenco precedente. Agli assalti e agli atti violenti veniva assegnata la precedenza. I codici all'interno di questa divisione generalmente descrivono il tipo di violenza, mentre l'arma è indirizzata nel codice sorgente. Gli incidenti di trasporto hanno la precedenza, seguiti da incendi ed esplosioni.

Questi ultimi due eventi, incendi ed esplosioni, sono riuniti in un'unica divisione. Poiché i due si verificano spesso contemporaneamente, è stato necessario stabilire un ordine di precedenza tra i due. In accordo con la Classificazione Supplementare ICD-9 delle Cause Esterne, gli incendi avevano la precedenza sulle esplosioni (USPHS 1989).

La selezione dei codici da includere in questa struttura è stata influenzata dall'emergere di disturbi senza contatto associati alle attività e all'ergonomia del lavoro. Questi casi in genere comportano danni ai nervi, ai muscoli o ai legamenti causati da sforzi, movimenti ripetitivi e persino semplici movimenti del corpo come quando la schiena del lavoratore "si spegne" quando si allunga per raccogliere un oggetto. È ormai ampiamente riconosciuto che la sindrome del tunnel carpale è legata ad azioni ripetitive come l'inserimento di chiavi, la digitazione, il taglio di azioni e persino l'utilizzo di un registratore di cassa. La divisione reazione corporea e sforzo identifica questi incidenti senza contatto o senza impatto.

La divisione eventi “esposizione a sostanze o ambienti nocivi” distingue la specifica modalità di esposizione a sostanze tossiche o nocive: inalazione, contatto con la pelle, ingestione o iniezione. È stata sviluppata una categoria separata per identificare la trasmissione di un agente infettivo attraverso una puntura dell'ago. Sono inclusi in questa divisione anche altri incidenti senza impatto in cui il lavoratore è stato danneggiato dall'energia elettrica o da condizioni ambientali, come il freddo estremo.

Il contatto con oggetti e attrezzature e le cadute sono le divisioni che cattureranno la maggior parte degli eventi di impatto che feriscono i lavoratori.

Fonte di infortunio o malattia

Il codice di classificazione della fonte della lesione o della malattia identifica l'oggetto, la sostanza, il movimento corporeo o l'esposizione che ha prodotto o causato direttamente la lesione o la malattia. Se un lavoratore viene ferito alla testa da un mattone che cade, il mattone è la fonte della ferita. Esiste una relazione diretta tra la fonte e la natura dell'infortunio o della malattia. Se un operaio scivola sull'olio e cade a terra, rompendosi un gomito, la frattura si produce colpendo il pavimento, quindi il pavimento è fonte di lesioni. Questo sistema di codice contiene dieci divisioni:

  • prodotti chimici e prodotti chimici
  • contenitori
  • mobili e arredi
  • macchinario
  • parti e materiali
  • persone, piante, animali e minerali
  • strutture e superfici
  • utensili, strumenti e attrezzature
  • veicoli
  • altre fonti.

Le definizioni generali e i concetti di codifica per la nuova struttura di classificazione della sorgente BLS sono stati ripresi dal sistema di classificazione ANSI Z16.2. Tuttavia, il compito di sviluppare un elenco di codici più completo e gerarchico era inizialmente scoraggiante, poiché praticamente qualsiasi oggetto o sostanza al mondo può essere considerato una fonte di lesioni o malattie. Non solo ogni cosa nel mondo può qualificarsi come fonte, ma anche pezzi o parti di ogni cosa nel mondo. Per aumentare la difficoltà, tutti i candidati per l'inclusione nei codici sorgente dovevano essere raggruppati in sole dieci categorie divisionali.

L'esame dei dati storici sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie ha individuato le aree in cui la precedente struttura del codice era inadeguata o obsoleta. Le sezioni macchine e strumenti necessitavano di ampliamento e aggiornamento. Non c'era codice per i computer. La tecnologia più recente aveva reso obsoleto l'elenco degli utensili elettrici e molti articoli elencati come strumenti non alimentati ora erano quasi sempre alimentati: cacciaviti, martelli e così via. C'era una richiesta da parte degli utenti di espandere e aggiornare l'elenco delle sostanze chimiche nella nuova struttura. L'Occupational Safety and Health Administration degli Stati Uniti ha richiesto maggiori dettagli per una varietà di articoli, tra cui diversi tipi di impalcature, carrelli elevatori e macchine edili e forestali.

L'aspetto più difficile nello sviluppo della struttura delle fonti è stato organizzare gli elementi richiesti per l'inclusione in divisioni e gruppi distinti all'interno della divisione. Per aumentare la difficoltà, le categorie del codice sorgente dovevano escludersi a vicenda. Ma indipendentemente dalle categorie sviluppate, c'erano molti elementi che logicamente rientravano in due o più divisioni. Ad esempio, vi è stato un accordo generale sulla necessità di categorie separate per i veicoli e per le macchine. Tuttavia, i revisori non erano d'accordo sul fatto che determinate attrezzature come finitrici stradali o carrelli elevatori appartenessero a macchine o veicoli.

Un'altra area di dibattito si è sviluppata su come raggruppare le macchine all'interno della divisione macchine. Le opzioni prevedevano l'associazione delle macchine a un processo oa un settore (ad esempio, macchine agricole o da giardino), raggruppandole per funzione (macchine da stampa, macchine per il riscaldamento e il raffreddamento) o per tipologia di oggetto lavorato (macchine per la lavorazione dei metalli, per la lavorazione del legno). Non riuscendo a trovare un'unica soluzione praticabile per tutti i tipi di macchine, il BLS è sceso a un compromesso con un elenco che utilizza una funzione di settore per alcuni gruppi (macchine agricole, macchine edili e per il taglio del legname), una funzione generale per altri gruppi (macchine per la movimentazione dei materiali, macchine per ufficio macchine) e alcuni raggruppamenti funzionali specifici per materiale (lavorazione dei metalli, lavorazione del legno). Laddove si verificava la possibilità di sovrapposizione, come una macchina per la lavorazione del legno utilizzata per lavori di costruzione, la struttura definiva la categoria a cui apparteneva, per mantenere i codici mutuamente esclusivi.

Sono stati aggiunti codici speciali per acquisire informazioni su infortuni e malattie che si verificano nel settore sanitario, che è emerso come uno dei più grandi settori occupazionali negli Stati Uniti e uno con gravi problemi di sicurezza e salute. Ad esempio, molte delle agenzie statali partecipanti hanno raccomandato l'inclusione di un codice per i pazienti e i residenti delle strutture sanitarie, poiché gli infermieri e gli assistenti sanitari possono subire lesioni mentre tentano di sollevare, spostare o prendersi cura in altro modo dei loro pazienti.

Fonte secondaria di infortunio o malattia

Il BLS e altri utilizzatori di dati hanno riconosciuto che la struttura di classificazione della fonte di infortunio e malattia sul lavoro cattura l'oggetto che ha prodotto l'infortunio o la malattia, ma a volte non riesce a identificare altri importanti contributori all'evento. Nel sistema precedente, ad esempio, se un operaio veniva colpito da un pezzo di legno che volava via da una sega inceppata, il legno era la fonte della ferita; il fatto che fosse coinvolta una sega elettrica è andato perduto. Se un lavoratore veniva ustionato da un incendio, la fiamma veniva scelta come fonte della ferita; non è stato possibile identificare anche la fonte dell'incendio.

Per compensare questa potenziale perdita di informazioni, il BLS ha sviluppato una fonte secondaria di lesione o malattia che "identifica l'oggetto, la sostanza o la persona che ha generato la fonte o la lesione o la malattia o che ha contribuito all'evento o all'esposizione". All'interno delle specifiche regole di selezione per questo codice, l'accento è posto sull'identificazione di macchine, strumenti, attrezzature o altre sostanze che generano energia (come i liquidi infiammabili) che non sono identificate attraverso la classificazione della fonte. Nel primo esempio sopra citato, la sega elettrica sarebbe la fonte secondaria, poiché ha gettato via il pezzo di legno. In quest'ultimo esempio, la sostanza che ha preso fuoco (grasso, benzina e così via) verrebbe indicata come fonte secondaria.

Requisiti di implementazione: revisione, verifica e convalida

Stabilire un sistema di classificazione completo è solo un passo per garantire che informazioni accurate relative a infortuni e malattie sul lavoro siano acquisite e disponibili per l'uso. È importante che i lavoratori sul campo comprendano come applicare il sistema di codifica in modo accurato, uniforme e secondo il progetto del sistema.

Il primo passo nell'assicurazione della qualità è stato quello di formare a fondo coloro che assegneranno i codici del sistema di classificazione. Sono stati sviluppati corsi di base, intermedi e avanzati per assistere nelle tecniche di codifica uniforme. Un piccolo gruppo di istruttori è stato incaricato di tenere questi corsi al personale interessato negli Stati Uniti.

I controlli di modifica elettronici sono stati ideati per assistere nel processo di revisione, verifica e convalida delle caratteristiche del caso e delle stime demografiche. Sono stati identificati i criteri di ciò che può e non può essere combinato ed è stato messo in atto un sistema automatizzato per identificare tali combinazioni come errori. Questo sistema dispone di oltre 550 gruppi di controlli incrociati che verificano che i dati in entrata soddisfino i controlli di qualità. Ad esempio, un caso che ha identificato la sindrome del tunnel carpale che colpisce il ginocchio sarebbe considerato un errore. Questo sistema automatizzato identifica anche i codici non validi, cioè i codici che non esistono nella struttura di classificazione.

Chiaramente, questi controlli di modifica non possono essere sufficientemente rigorosi per acquisire tutti i dati sospetti. I dati dovrebbero essere esaminati per la ragionevolezza complessiva. Ad esempio, nel corso degli anni di raccolta di dati simili per la parte del corpo, quasi il 25% dei casi ha indicato la schiena come area interessata. Ciò ha fornito al personale di revisione un punto di riferimento per la convalida dei dati. Una revisione delle tabulazioni incrociate per la sensibilità generale fornisce anche informazioni su quanto bene è stato applicato il sistema di classificazione. Infine, dovrebbero essere convalidati eventi speciali rari, come la tubercolosi correlata al lavoro. Un elemento importante di un sistema di convalida completo potrebbe comportare il ricontatto del datore di lavoro per assicurare l'accuratezza del documento di origine, sebbene ciò richieda risorse aggiuntive.

Esempi

Esempi selezionati da ciascuno dei quattro sistemi di codificazione di classificazione delle malattie e degli infortuni sono mostrati nella tabella 1 per illustrare il livello di dettaglio e la ricchezza risultante del sistema finale. La potenza del sistema nel suo complesso è dimostrata nella tabella 2, che mostra una varietà di caratteristiche che sono state tabulate per una serie di tipi di lesioni correlate: le cadute. Oltre alle cadute totali, i dati sono ulteriormente suddivisi in cadute allo stesso livello, cadute a un livello inferiore e salti a un livello inferiore. Si può vedere, ad esempio, che le cadute erano più probabili per i lavoratori di età compresa tra 25 e 34 anni, per gli operatori, i fabbricanti e gli operai, per i lavoratori delle industrie manifatturiere e per i lavoratori con meno di cinque anni di servizio alla loro attuale datore di lavoro (dati non riportati). L'incidente è stato più spesso associato al lavoro su un pavimento o su una superficie del terreno e la lesione successiva era molto probabilmente una distorsione o uno stiramento alla schiena, con il risultato che il lavoratore trascorreva più di un mese lontano dal lavoro.

 


Tabella 1. Codice della natura dell'infortunio o della malattia: esempi

 

Codice della natura dell'infortunio o della malattia-Esempi

0* Lesioni e disturbi traumatici

08* Lesioni e disturbi traumatici multipli

080 Lesioni e disturbi traumatici multipli, non specificati

081 Tagli, abrasioni, contusioni

082 Distorsioni e contusioni

083 Fratture e ustioni

084 Fratture e altre lesioni

085 Ustioni e altre lesioni

086 Lesioni intracraniche e lesioni agli organi interni

089 Altre combinazioni di lesioni e disturbi traumatici, nca

Codice evento o esposizione-Esempi

1* Cade

11* Scendi al livello inferiore

113 Caduta dalla scala

114 Caduta da materiale impilato o accatastato

115* Caduta dal tetto

1150 Caduta dal tetto, non specificato

1151 Caduta attraverso l'apertura del tetto esistente

1152 Caduta attraverso la superficie del tetto

1153 Caduta attraverso il lucernario

1154 Caduta dal bordo del tetto

1159 Caduta dal tetto, nec

116 Caduta dal patibolo, messa in scena

117 Caduta da travi edili o altro acciaio strutturale

118 Caduta da veicolo fermo

119 Cadere al livello inferiore, nec

Fonte di codice di infortunio o malattia-Esempi

7*Strumenti, strumenti e attrezzature

72* Utensili manuali alimentati

722* Utensili manuali da taglio, motorizzati

7220 Utensili manuali da taglio, motorizzati, non specificati

7221 Motoseghe a motore

7222 Scalpelli, motorizzati

7223 Coltelli motorizzati

7224 Seghe a motore, escluse le motoseghe

7229 Utensili manuali da taglio, motorizzati, nec

723* Utensili manuali per battere e inchiodare, motorizzati

7230 Utensili a percussione manuali, motorizzati, non specificati

7231 Martelli motorizzati

7232 Martelli pneumatici, motorizzati

7233 Punzoni motorizzati

Parte del corpo colpita dal codice-Esempi

2 * Tronco

23* Schiena, inclusa colonna vertebrale, midollo spinale

230 Dorso, compresa colonna vertebrale, midollo spinale, non specificato

231 regione lombare

232 regione toracica

233 Regione sacrale

234 Regione coccigea

238 Più regioni posteriori

239 Dorso, compresa colonna vertebrale, midollo spinale, nec

* = divisione, gruppo principale o titoli di gruppo; nec = non classificato altrove.


 

Tabella 2. Numero e percentuale di infortuni sul lavoro non mortali e malattie professionali con giorni di assenza dal lavoro che hanno comportato cadute, per lavoratore selezionato e caratteristiche del caso, USA 19931

Caratteristica

Tutti gli eventi

Tutto cade

Cadere al livello inferiore

Salta al livello inferiore

Cadere allo stesso livello

 

Numero

%

Numero

%

Numero

%

Numero

%

Numero

%

Totale

2,252,591

100.0

370,112

100.0

111,266

100.0

9,433

100.0

244,115

100.0

Sesso:

Uomo

1,490,418

66.2

219,199

59.2

84,868

76.3

8,697

92.2

121,903

49.9

Donna

735,570

32.7

148,041

40.0

25,700

23.1

645

6.8

120,156

49.2

Età:

14 a 15 anni

889

0.0

246

0.1

118

0.1

-

-

84

0.0

16 a 19 anni

95,791

4.3

15,908

4.3

3,170

2.8

260

2.8

12,253

5.0

20 a 24 anni

319,708

14.2

43,543

11.8

12,840

11.5

1,380

14.6

28,763

11.8

25 a 34 anni

724,355

32.2

104,244

28.2

34,191

30.7

3,641

38.6

64,374

26.4

35 a 44 anni

566,429

25.1

87,516

23.6

27,880

25.1

2,361

25.0

56,042

23.0

45 a 54 anni

323,503

14.4

64,214

17.3

18,665

16.8

1,191

12.6

43,729

17.9

55 a 64 anni

148,249

6.6

37,792

10.2

9,886

8.9

470

5.0

27,034

11.1

65 anni e oltre

21,604

1.0

8,062

2.2

1,511

1.4

24

0.3

6,457

2.6

Occupazione:

Manageriale e professionale

123,596

5.5

26,391

7.1

6,364

5.7

269

2.9

19,338

7.9

Supporto tecnico, commerciale e amministrativo

344,402

15.3

67,253

18.2

16,485

14.8

853

9.0

49,227

20.2

Servizi

414,135

18.4

85,004

23.0

13,512

12.1

574

6.1

70,121

28.7

Agricoltura, silvicoltura e pesca

59,050

2.6

9,979

2.7

4,197

3.8

356

3.8

5,245

2.1

Produzione di precisione, artigianato e riparazione

366,112

16.3

57,254

15.5

27,805

25.0

1,887

20.0

26,577

10.9

Operatori, fabbricanti e operai

925,515

41.1

122,005

33.0

42,074

37.8

5,431

57.6

72,286

29.6

Natura delle lesioni, malattia:

Distorsioni, stiramenti

959,163

42.6

133,538

36.1

38,636

34.7

5,558

58.9

87,152

35.7

fratture

136,478

6.1

55,335

15.0

21,052

18.9

1,247

13.2

32,425

13.3

Tagli, lacerazioni punture

202,464

9.0

10,431

2.8

2,350

2.1

111

1.2

7,774

3.2

Lividi, contusioni

211,179

9.4

66,627

18.0

17,173

15.4

705

7.5

48,062

19.7

Lesioni multiple

73,181

3.2

32,281

8.7

11,313

10.2

372

3.9

20,295

8.3

Con fratture

13,379

0.6

4,893

1.3

2,554

2.3

26

0.3

2,250

0.9

Con distorsioni

26,969

1.2

15,991

4.3

4,463

4.0

116

1.2

11,309

4.6

Dolore, Dolore

127,555

5.7

20,855

5.6

5,614

5.0

529

5.6

14,442

5.9

Mal di schiena

58,385

2.6

8,421

2.3

2,587

2.3

214

2.3

5,520

2.3

Tutti gli altri

411,799

18.3

50,604

13.7

15,012

13.5

897

9.5

33,655

13.8

Parte del corpo colpita:

Head

155,504

6.9

13,880

3.8

2,994

2.7

61

0.6

10,705

4.4

Occhio

88,329

3.9

314

0.1

50

0.0

11

0.1

237

0.1

Collo

40,704

1.8

3,205

0.9

1,097

1.0

81

0.9

1,996

0.8

Tronco

869,447

38.6

118,369

32.0

33,984

30.5

1,921

20.4

80,796

33.1

Di ritorno

615,010

27.3

72,290

19.5

20,325

18.3

1,523

16.1

49,461

20.3

Spalla

105,881

4.7

16,186

4.4

4,700

4.2

89

0.9

11,154

4.6

Fonte della malattia da infortunio:

Prodotti chimici, prodotti chimici

43,411

1.9

22

0.0

-

-

-

-

16

0.0

Tecnologie Container

330,285

14.7

7,133

1.9

994

0.9

224

2.4

5,763

2.4

Arredamento e infissi

88,813

3.9

7,338

2.0

881

0.8

104

1.1

6,229

2.6

Macchinario

154,083

6.8

4,981

1.3

729

0.7

128

14

4,035

1.7

Parti e materiali

249,077

11.1

6,185

1.7

1,016

0.9

255

2.7

4,793

2.0

Movimento o posizione del lavoratore

331,994

14.7

-

-

-

-

-

-

-

-

Pavimento, superfici del terreno

340,159

15.1

318,176

86.0

98,207

88.3

7,705

81.7

208,765

85.5

Utensili manuali

105,478

4.7

727

0.2

77

0.1

41

0.4

600

0.2

Veicoli

157,360

7.0

9,789

2.6

3,049

2.7

553

5.9

6,084

2.5

Paziente sanitario

99,390

4.4

177

0.0

43

0.0

8

0.1

90

0.0

Tutti gli altri

83,813

3.7

15,584

4.2

6,263

5.6

414

4.4

7,741

3.2

Divisione industria:

Agricoltura, silvicoltura e pesca2

44,826

2.0

8,096

2.2

3,636

3.3

301

3.2

3,985

1.6

Siti di estrazione mineraria3

21,090

0.9

3,763

1.0

1,757

1.6

102

1.1

1,874

0.8

Edilizia

204,769

9.1

41,787

11.3

23,748

21.3

1,821

19.3

15,464

6.3

Produzione

583,841

25.9

63,566

17.2

17,693

15.9

2,161

22.9

42,790

17.5

Trasporti e servizi pubblici3

232,999

10.3

38,452

10.4

14,095

12.7

1,797

19.0

21,757

8.9

Commercio all'ingrosso

160,934

7.1

22,677

6.1

8,119

7.3

1,180

12.5

12,859

5.3

Commercio al dettaglio

408,590

18.1

78,800

21.3

15,945

14.3

1,052

11.1

60,906

24.9

Finanza, assicurazioni e immobiliare

60,159

2.7

14,769

4.0

5,353

4.8

112

1.2

9,167

3.8

Servizi

535,386

23.8

98,201

26.5

20,920

18.8

907

9.6

75,313

30.9

Numero di giorni di assenza dal lavoro:

Casi che coinvolgono 1 giorno

366,054

16.3

48,550

13.1

12,450

11.2

1,136

12.0

34,319

14.1

Casi che coinvolgono 2 giorni

291,760

13.0

42,912

11.6

11,934

10.7

1,153

12.2

29,197

12.0

Casi che coinvolgono 3-5 giorni

467,001

20.7

72,156

19.5

20,167

18.1

1,770

18.8

49,329

20.2

Casi che coinvolgono 6-10 giorni

301,941

13.4

45,375

12.3

13,240

11.9

1,267

13.4

30,171

12.4

Casi che coinvolgono 11-20 giorni

256,319

11.4

44,228

11.9

13,182

11.8

1,072

11.4

29,411

12.0

Casi che coinvolgono 21-30 giorni

142,301

6.3

25,884

7.0

8,557

7.7

654

6.9

16,359

6.7

Casi che coinvolgono 31 o più giorni

427,215

19.0

91,008

24.6

31,737

28.5

2,381

25.2

55,329

22.7

Giorni medi di assenza dal lavoro

6 giorni

 

7 giorni

 

10 giorni

 

8 giorni

 

7 giorni

 

 1 I giorni di assenza dal lavoro includono quelli che comportano giorni di assenza dal lavoro con o senza attività lavorativa limitata.

2 Sono escluse le aziende agricole con meno di 11 dipendenti.

3 I dati conformi alle definizioni OSHA per gli operatori minerari nell'estrazione di carbone, metalli e non metalli e per i datori di lavoro nel trasporto ferroviario sono forniti a BLS dalla Mine Safety and Health Administration, US Department of Labor; la Federal Railroad Administration e il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti. Gli appaltatori minerari indipendenti sono esclusi dalle industrie minerarie del carbone, dei metalli e dei non metalli.

NOTA: a causa dell'arrotondamento e dell'esclusione dei dati delle risposte non classificabili, i dati potrebbero non sommarsi ai totali. I trattini indicano i dati che non soddisfano le linee guida per la pubblicazione. Le stime dell'indagine sugli infortuni e le malattie professionali si basano su un campione di datori di lavoro selezionato scientificamente. Il campione utilizzato era uno dei tanti campioni possibili, ciascuno dei quali avrebbe potuto produrre stime diverse. L'errore standard relativo è una misura della variazione nelle stime del campione tra tutti i possibili campioni che avrebbero potuto essere selezionati. La percentuale di errori standard relativi per le stime qui incluse varia da meno dell'1% al 58%.
Survey of Occupational Injuries and Illnesses, Bureau of Labor Statistics, US Department of Labor, aprile 1995.


 

È chiaro che dati come questi possono avere un impatto importante sullo sviluppo di programmi per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie. Anche così, non indicano quali occupazioni o industrie siano le più pericolose, dal momento che alcune occupazioni molto pericolose possono avere un piccolo numero di lavoratori. La determinazione dei livelli di rischio associati a particolari occupazioni e industrie è spiegata nell'articolo allegato "Analisi del rischio di infortuni e malattie non mortali sul lavoro".

 

Di ritorno

Il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti classifica abitualmente gli infortuni e le malattie non mortali sul lavoro in base alle caratteristiche del lavoratore e del caso, utilizzando i dati dell'indagine statunitense sugli infortuni e le malattie professionali. Sebbene questi conteggi identifichino gruppi di lavoratori che subiscono un gran numero di infortuni sul lavoro, non misurano il rischio. Così un particolare gruppo può subire molti infortuni sul lavoro semplicemente a causa del gran numero di lavoratori in quel gruppo, e non perché i lavori svolti sono particolarmente pericolosi.

Per quantificare il rischio effettivo, i dati sugli infortuni sul lavoro devono essere correlati a una misura di esposizione al rischio, come il numero di ore lavorate, una misura dell'offerta di lavoro che può essere disponibile da altre indagini. Il tasso di infortuni sul lavoro non mortali per un gruppo di lavoratori può essere calcolato dividendo il numero di infortuni registrati per quel gruppo per il numero di ore lavorate durante lo stesso periodo di tempo. Il tasso così ottenuto rappresenta il rischio di infortunio per ora di lavoro:

Un modo conveniente per confrontare il rischio di lesioni tra vari gruppi di lavoratori è calcolare il rischio relativo:

Il gruppo di riferimento può essere un gruppo speciale di lavoratori, come tutti i lavoratori specializzati manageriali e professionali. In alternativa, potrebbe essere composto da tutti i lavoratori. In ogni caso, il rischio relativo (RR) corrisponde al rate ratio comunemente utilizzato negli studi epidemiologici (Rothman 1986). È algebricamente equivalente alla percentuale di tutti gli infortuni che si verificano nel gruppo speciale divisa per la percentuale di ore contabilizzate dal gruppo speciale. Quando il RR è maggiore di 1.0, indica che i membri del gruppo selezionato hanno maggiori probabilità di subire infortuni rispetto ai membri del gruppo di riferimento; quando il RR è inferiore a 1.0, indica che, in media, i membri di questo gruppo subiscono meno infortuni all'ora.

Le tabelle seguenti mostrano come gli indici di rischio relativo per diversi gruppi di lavoratori possono identificare quelli a maggior rischio di infortuni sul lavoro. I dati sugli infortuni sono del 1993 Indagine sulle lesioni e sulle malattie professionali (BLS 1993b) e misurare il numero di infortuni e malattie con giorni di assenza dal lavoro. Il calcolo si basa su stime delle ore lavorate annuali tratte dai file di microdati dell'US Bureau of the Census Current Population Surveys per il 1993, ottenute da indagini sulle famiglie (Bureau of the Census 1993).

La tabella 1 presenta i dati per professione sulla quota di infortuni sul lavoro, la quota di ore lavorate e il loro rapporto, che è il RR per infortuni e malattie con giorni di assenza dal lavoro. Il gruppo di riferimento è considerato "Tutte le occupazioni dell'industria privata non agricola" con lavoratori di età pari o superiore a 15 anni, che comprende il 100%. Ad esempio, il gruppo “Operatori, fabbricanti e operai” ha registrato il 41.64% di tutti gli infortuni e le malattie, ma ha contribuito solo al 18.37% delle ore totali lavorate dalla popolazione di riferimento. Pertanto, il RR per "Operatori, fabbricanti e operai" è 41.64/18.37 = 2.3. In altre parole, i lavoratori in questo gruppo di occupazioni hanno in media 2.3 volte il tasso di infortuni/malattia di tutti i lavoratori dell'industria privata non agricola messi insieme. Inoltre, hanno circa 11 volte più probabilità di subire un infortunio grave rispetto ai dipendenti in una specialità manageriale o professionale.

Tabella 1. Rischio di infortuni e malattie professionali

Occupazione

Percentuale1

Indice
di rischio relativo

 

Casi di infortunio e malattia

Ore lavorate

 

Tutte le occupazioni dell'industria privata non agricola

100.00

100.00

1.0

Specialità manageriale e professionale

5.59

24.27

0.2

Esecutivo, amministrativo e gestionale

2.48

13.64

0.2

Specialità professionale

3.12

10.62

0.3

Supporto tecnico, commerciale e amministrativo

15.58

32.19

0.5

Tecnici e relativo supporto

2.72

3.84

0.7

Professioni di vendita

5.98

13.10

0.5

Supporto amministrativo, anche d'ufficio

6.87

15.24

0.5

Occupazioni di servizio2  

18.73

11.22

1.7

Servizio di protezione3

0.76

0.76

1.0

Occupazioni di servizio, eccetto servizio protettivo

17.97

10.46

1.7

Agricoltura, silvicoltura e attività di pesca4

1.90

0.92

2.1

Produzione di precisione, artigianato e riparazione

16.55

13.03

1.3

Meccanici e riparatori

6.30

4.54

1.4

Costruzione / Commerci

6.00

4.05

1.5

Occupazioni estrattive

0.32

0.20

1.6

Occupazioni di produzione di precisione

3.93

4.24

0.9

Operatori, fabbricanti e operai

41.64

18.37

2.3

Operatori di macchina, assemblatori e ispettori

15.32

8.62

1.8

Mestieri di trasporto e movimentazione materiali

9.90

5.16

1.9

Manipolatori, pulitori di attrezzature, aiutanti e operai

16.42

4.59

3.6

1 Percentuale di infortuni e malattie, ore lavorate e indice di rischio relativo per infortuni e malattie professionali con giorni di assenza dal lavoro, per occupazione, dipendenti dell'industria privata non agricola statunitense di età pari o superiore a 15 anni, 1993.
2 Sono esclusi i lavoratori domestici privati ​​e gli addetti ai servizi di protezione nel settore pubblico
3 Esclude i lavoratori dei servizi di protezione nel settore pubblico
4 Sono esclusi i lavoratori delle industrie di produzione agricola
Fonti: Indagine BLS sugli infortuni e le malattie professionali, 1993; Indagine sulla popolazione attuale, 1993.

 

I vari gruppi professionali possono essere classificati in base al grado di rischio semplicemente confrontando i loro indici RR. Il RR più alto nella tabella (3.6) è associato a “manipolatori, addetti alla pulizia delle attrezzature, aiutanti e operai”, mentre il gruppo a rischio più basso è quello dei lavoratori specializzati manageriali e professionali (RR = 0.2). Si possono fare interpretazioni più raffinate. Mentre la tabella suggerisce che i lavoratori con livelli di competenze inferiori svolgono lavori con maggiori rischi di infortunio e malattia, anche tra le occupazioni operaie il tasso di infortuni e malattie è più elevato per gli operatori, i fabbricanti e gli operai meno qualificati rispetto alla produzione di precisione, all'artigianato e riparatori.

Nella discussione di cui sopra, i RR sono stati basati su tutti gli infortuni e le malattie con giorni di assenza dal lavoro, poiché questi dati sono stati a lungo facilmente disponibili e compresi. Utilizzando la struttura di codifica estesa e recentemente sviluppata dell'Indagine sugli infortuni e le malattie professionali, i ricercatori possono ora esaminare in dettaglio lesioni e malattie specifiche.

A titolo di esempio, la tabella 2 mostra il RR per lo stesso insieme di raggruppamenti occupazionali, ma limitato al singolo risultato "Condizioni di movimento ripetitivo" (codice evento 23) con giorni di assenza dal lavoro, per occupazione e genere. Le condizioni di movimento ripetitivo includono la sindrome del tunnel carpale, tendinite e alcuni stiramenti e distorsioni. Il gruppo più gravemente colpito da questo tipo di infortunio è chiaramente quello delle donne operatrici di macchine, assemblatrici e ispettore (RR = 7.3), seguite da donne manipolatrici, addette alle pulizie, aiutanti e operaie (RR = 7.1).

Tabella 2. Indice di rischio relativo per condizioni di movimento ripetitivo con giorni di assenza dal lavoro, per occupazione e sesso, dipendenti dell'industria privata non agricola statunitense di età pari o superiore a 15 anni, 1993

Occupazione

Tutti

Uomo

Donna

Tutte le occupazioni dell'industria privata non agricola

1.0

0.6

1.5

Specialità manageriale e professionale

0.2

0.1

0.3

Esecutivo, amministrativo e gestionale

0.2

0.0

0.3

Specialità professionale

0.2

0.1

0.3

Supporto tecnico, commerciale e amministrativo

0.8

0.3

1.1

Tecnici e relativo supporto

0.6

0.3

0.8

Professioni di vendita

0.3

0.1

0.6

Supporto amministrativo, anche d'ufficio

1.2

0.7

1.4

Occupazioni di servizio1

0.7

0.3

0.9

Servizio di protezione2

0.1

0.1

0.4

Occupazioni di servizio, eccetto servizio protettivo

0.7

0.4

0.9

Agricoltura, silvicoltura e attività di pesca3

0.8

0.6

1.8

Produzione di precisione, artigianato e riparazione

1.0

0.7

4.2

Meccanici e riparatori

0.7

0.6

2.4

Costruzione / Commerci

0.6

0.6

-

Occupazioni estrattive

0.1

0.1

-

Occupazioni di produzione di precisione

1.8

1.0

4.6

Operatori, fabbricanti e operai

2.7

1.4

6.9

Operatori di macchina, assemblatori e ispettori

4.1

2.3

7.3

Mestieri di trasporto e movimentazione materiali

0.5

0.5

1.6

Manipolatori, pulitori di attrezzature, aiutanti e operai

2.4

1.4

7.1

1 Sono esclusi i lavoratori domestici privati ​​e gli addetti ai servizi di protezione nel settore pubblico
2 Esclude i lavoratori dei servizi di protezione nel settore pubblico
3 Sono esclusi i lavoratori delle industrie di produzione agricola
Nota: trattini lunghi: indicano che i dati non soddisfano le linee guida per la pubblicazione.
Fonte: calcolata dall'indagine BLS sugli infortuni e le malattie professionali, 1993, e dall'indagine sulla popolazione attuale, 1993.

 

La tabella mostra notevoli differenze nel rischio di condizioni di movimento ripetitivo che dipendono dal sesso del lavoratore. Complessivamente, una donna ha una probabilità 2.5 volte maggiore rispetto a un uomo di perdere il lavoro a causa della malattia da movimento ripetitivo (2.5 = 1.5/0.6). Tuttavia, questa differenza non riflette semplicemente una differenza nelle occupazioni di uomini e donne. Le donne sono a rischio più elevato in tutti i principali gruppi occupazionali, così come nei gruppi occupazionali meno aggregati riportati nella tabella. Il loro rischio rispetto agli uomini è particolarmente elevato nelle vendite e nelle occupazioni operaie. Le donne hanno una probabilità sei volte maggiore rispetto agli uomini di perdere tempo sul lavoro a causa di lesioni da movimento ripetitivo nelle vendite e nelle occupazioni di produzione di precisione, artigianato e riparazione.

 

Di ritorno

Il tedesco Berufsgenossenschaften (BG)

Nell'ambito del sistema di previdenza sociale in Germania, l'assicurazione legale contro gli infortuni copre le conseguenze degli infortuni sul lavoro e gli infortuni durante il tragitto da e verso il lavoro, nonché le malattie professionali. Questa assicurazione legale contro gli infortuni è organizzata in tre settori:

  • assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (rappresentata dai GB)
  • assicurazione contro gli infortuni agricoli
  • assicurazione contro gli infortuni del settore pubblico.

 

Le 35 Berufsgenossenschaften (BG) coprono i vari rami dell'economia industriale in Germania. Sono responsabili di 39 milioni di dipendenti assicurati in 2.6 milioni di imprese. Ogni persona che svolge un lavoro, un servizio o una posizione di formazione è assicurata, indipendentemente dall'età, dal sesso o dal livello di reddito. La loro organizzazione ombrello è la Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG).

Per legge, il BG è responsabile dell'utilizzo di tutti i mezzi adeguati per prevenire gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, per fornire un primo soccorso efficace e un'ottimale riabilitazione medica, occupazionale e sociale, e per pagare le prestazioni agli infortunati, ai malati e ai superstiti. Così prevenzione, riabilitazione e risarcimento sono tutti sotto lo stesso tetto.

I premi per finanziare queste prestazioni sono pagati esclusivamente dai datori di lavoro. Nel 1993 tutti i datori di lavoro industriali pagavano in media 1.44 DM alla BG per ogni 100 DM di salario, ovvero l'1.44%. In tutto, i premi ammontavano a 16 miliardi di DM (miliardi di dollari utilizzati, mille milioni), di cui circa l'80% è stato speso per la riabilitazione e le pensioni. Il resto è stato utilizzato principalmente per programmi di prevenzione.

Sicurezza sul lavoro e tutela della salute

Il datore di lavoro è responsabile della salute e della sicurezza del lavoratore durante il lavoro. L'ambito legale di questa responsabilità è fissato dal governo in leggi e ordinanze, e nei regolamenti di protezione del lavoro delle BG industriali, che completano e concretizzano la legge governativa di protezione del lavoro per ogni ramo dell'industria. Il sistema di prevenzione dei GB si distingue per il suo orientamento alla pratica concreta, il suo costante adattamento alle esigenze del settore e allo stato della tecnologia, nonché per il suo efficace supporto del datore di lavoro e del lavoratore.

I compiti di prevenzione dei BG, che sono principalmente svolti dal Servizio di controllo tecnico (TAD) del BG e dal Servizio di medicina del lavoro (AMD), comprendono:

  • consigliare e motivare il datore di lavoro
  • supervisione delle misure di protezione professionale industriale
  • assistenza medica del lavoro
  • informare e formare il personale aziendale
  • controlli di sicurezza su apparecchi e attrezzature
  • avviare, svolgere e finanziare la ricerca.

 

La responsabilità dell'attuazione della protezione professionale sul lavoro spetta al datore di lavoro, che è legalmente obbligato ad assumere personale adeguatamente qualificato per assistere nella protezione professionale. Si tratta di specialisti della sicurezza sul lavoro (addetti alla sicurezza, tecnici della sicurezza e ingegneri della sicurezza) e medici aziendali. Nelle aziende con più di 20 dipendenti devono essere assunti uno o più rappresentanti per la sicurezza. L'ambito della responsabilità dell'azienda per gli specialisti della sicurezza sul lavoro e per i medici aziendali è stabilito da regolamenti delle associazioni di categoria specifici per settore di attività e grado di pericolosità. Nelle aziende in cui opera uno specialista per la sicurezza sul lavoro o un medico aziendale, il datore di lavoro deve istituire un comitato per la sicurezza sul lavoro, composto da un rappresentante aziendale, due rappresentanti dei lavoratori, il medico competente, specialisti e rappresentanti per la sicurezza sul lavoro. All'organizzazione aziendale per la sicurezza sul lavoro appartiene anche il personale di primo soccorso, la cui formazione è curata dal BG.

La medicina del lavoro ha un significato speciale. Ogni dipendente che è a rischio per un tipo specifico di minaccia per la salute sul posto di lavoro viene esaminato in modo uniforme e i risultati dell'esame sono valutati secondo le linee guida stabilite. Nel 1993 circa quattro milioni di visite mediche preventive sul lavoro sono state effettuate da medici appositamente abilitati. Problemi di salute duraturi sono stati accertati in meno dell'1% degli esami.

I dipendenti che lavorano con materiali pericolosi/cancerogeni hanno anche il diritto di essere visitati dal medico anche dopo che l'attività pericolosa è stata completata. I BG hanno istituito servizi per poter esaminare questi dipendenti. Ora ci sono tre di questi servizi:

  • Servizio organizzativo per gli esami in itinere (ODIN)
  • Servizio di registrazione centrale per i dipendenti a rischio di polvere di amianto (ZA)
  • Ufficio centrale di assistenza Wismut (ZeBWis).

 

I tre servizi si sono presi cura di circa 600,000 persone nel 1993. La raccolta dei dati degli esami aiuta nella cura individuale e aiuta anche a migliorare la ricerca scientifica per la diagnosi precoce dei casi di cancro.

Statistiche sugli infortuni sul lavoro

Goal. L'obiettivo principale della raccolta di statistiche sugli infortuni sul lavoro è migliorare la sicurezza sul lavoro valutando e interpretando i dati sugli incidenti. Tali dati sono ricavati dalle segnalazioni sugli infortuni sul lavoro; Dal 5% al ​​10% degli incidenti (circa 100,000 incidenti) viene indagato ogni anno dai servizi di ispezione tecnica dei BG.

Responsabilità di segnalazione dei datori di lavoro. Ogni datore di lavoro è obbligato a denunciare un infortunio sul lavoro al proprio BG responsabile entro tre giorni se l'infortunio comporta un'incapacità al lavoro per tre giorni di calendario o causa la morte dell'assicurato ("infortunio sul lavoro legalmente denunciabile"). Ciò include gli infortuni in corso o dal luogo di lavoro. Gli infortuni che causano solo danni materiali o impediscono all'infortunato di lavorare per meno di tre giorni non devono essere denunciati. Per gli infortuni sul lavoro denunciabili, il datore di lavoro presenta un modulo “Notifica di infortunio” (figura 1). Il tempo di assenza dal lavoro è il fattore rilevante ai fini della rendicontazione, indipendentemente dalla gravità dell'infortunio. Gli infortuni apparentemente innocui devono essere denunciati se l'infortunato non può lavorare per più di tre giorni. Questo requisito di tre giorni facilita il perseguimento di reclami successivi. La mancata o tardiva denuncia di infortunio costituisce violazione delle norme sanzionata dalla Bg con la sanzione pecuniaria fino a DM 5,000.

Figura 1. Un esempio di modulo di notifica di incidente

REC60F1A

Notifica da parte del medico curante. Per ottimizzare la riabilitazione medica e determinare per quanto tempo il dipendente è inabile al lavoro, l'infortunato viene curato da un medico specialista selezionato per questo lavoro. Il medico è pagato dalla BG industriale responsabile. Pertanto, il BG riceve anche la notifica di infortuni sul lavoro denunciabili dal medico se il datore di lavoro non ha presentato (tempestivamente) una denuncia di infortunio. Il GB può quindi richiedere al datore di lavoro di presentare una notifica di infortunio sul lavoro. Questo doppio sistema di segnalazione (datore di lavoro e medico) assicura al BG di essere a conoscenza di praticamente tutti gli infortuni sul lavoro segnalabili.

Utilizzando le informazioni contenute nella denuncia di infortunio e nel referto medico, il GB verifica se l'infortunio sia, in senso giuridico, un infortunio sul lavoro di propria competenza giurisdizionale. Sulla base della diagnosi medica, il BG può, se necessario, procedere immediatamente a garantire un trattamento ottimale.

Una descrizione corretta e completa delle circostanze dell'incidente è particolarmente importante per la prevenzione. Ciò consente al servizio di ispezione tecnica del BG di trarre conclusioni su macchinari e attrezzature difettosi che richiedono un'azione immediata per evitare ulteriori incidenti simili. In caso di infortuni sul lavoro gravi o mortali, la normativa impone al datore di lavoro di darne immediata comunicazione all'BG. Questi eventi vengono immediatamente indagati dagli esperti di sicurezza sul lavoro del BG.

Nel calcolare il premio di un'azienda, il BG tiene conto del numero e del costo degli infortuni sul lavoro verificatisi presso tale azienda. Nel calcolo viene utilizzata una procedura bonus/malus prevista dalla legge e una quota del premio aziendale è determinata dall'andamento infortunistico aziendale. Ciò può comportare un premio più alto o più basso, creando così incentivi finanziari per i datori di lavoro affinché mantengano luoghi di lavoro sicuri.

Collaborazione dei rappresentanti dei lavoratori e dei rappresentanti per la sicurezza. L'eventuale denuncia di infortunio deve essere firmata anche dal consiglio dei lavoratori (Betriebsrat) e dai rappresentanti per la sicurezza (se presenti). Lo scopo di tale norma è quello di informare il consiglio dei lavoratori ei rappresentanti per la sicurezza sulla situazione infortunistica complessiva dell'azienda, affinché possano esercitare efficacemente i loro diritti collaborativi in ​​materia di sicurezza sul lavoro.

Elaborazione di statistiche sugli infortuni sul lavoro. Sulla base delle informazioni che il BG riceve sull'infortunio sul lavoro dalla denuncia di infortunio e dalla denuncia del medico, i conti vengono tradotti in codici statistici. La codifica copre tre aree, tra le altre:

  • descrizione dell'infortunato (età, sesso, lavoro)
  • descrizione della lesione (sede della lesione, tipo di lesione)
  • descrizione dell'incidente (luogo, oggetto che ha causato l'incidente e circostanze dell'incidente).

 

La codifica viene eseguita da specialisti di dati altamente qualificati che hanno familiarità con l'organizzazione delle industrie BG, utilizzando un elenco di codici di incidenti e infortuni che contiene oltre 10,000 voci. Al fine di ottenere statistiche della massima qualità, le classificazioni vengono regolarmente rielaborate, ad esempio per adattarle ai nuovi sviluppi tecnologici. Inoltre, il personale addetto alla codifica viene periodicamente riqualificato ei dati sono sottoposti a test logico-formali e sensibili al contenuto.

Usi delle statistiche sugli infortuni sul lavoro

Un compito importante di queste statistiche è quello di descrivere le circostanze dell'infortunio sul lavoro. Tabella 1 illustra l'andamento degli infortuni sul lavoro denunciabili, dei nuovi casi di pensione per infortunio e degli infortuni mortali sul lavoro tra il 1981 e il 1993. La colonna 3 ("Nuovi casi di pensione") mostra i casi per i quali, a causa della gravità dell'infortunio, è stato effettuato un GB industriali nell'anno in questione.

Tabella 1. Occorrenze di infortuni sul lavoro, Germania, 1981-93

Anno

Incidenti sul lavoro

 

Incidenti segnalabili

Nuovi casi pensionistici

morti

1981

1,397,976

40,056

1,689

1982

1,228,317

39,478

1,492

1983

1,144,814

35,119

1,406

1984

1,153,321

34,749

1,319

1985

1,166,468

34,431

1,204

1986

1,212,064

33,737

1,069

1987

1,211,517

32,537

1,057

1988

1,234,634

32,256

1,130

1989

1,262,374

30,840

1,098

1990

1,331,395

30,142

1,086

1991

1,587,177

30,612

1,062

1992

1,622,732

32,932

1,310

1993

1,510,745

35,553

1,414

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Per giudicare il rischio di infortunio medio di un assicurato, il numero di infortuni sul lavoro viene diviso per il tempo effettivo lavorato, per produrre un tasso di infortunio. Il tasso per milione di ore lavorate viene utilizzato per il confronto a livello internazionale e per anni. La figura 2 mostra come questo tasso è variato tra il 1981 e il 1993.

Figura 2. Frequenza degli infortuni sul lavoro

REC060F2

Statistiche sugli incidenti specifici del settore. Oltre a descrivere le tendenze generali, le statistiche sul posto di lavoro possono essere suddivise per settore. Ad esempio, ci si potrebbe chiedere: “Quanti incidenti sul lavoro con smerigliatrici portatili nel settore della lavorazione dei metalli ci sono stati negli ultimi anni; come e dove si sono svolti; e quali lesioni ne sono derivate? Tali analisi possono essere utili a molte persone e istituzioni, come ministeri, funzionari di vigilanza, istituti di ricerca, università, imprese ed esperti di sicurezza sul lavoro (tabella 2).

Tabella 2. Incidenti sul lavoro con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli, Germania, 1984-93

Anno

Incidenti segnalabili

Nuove pensioni infortuni

1984

9,709

79

1985

10,560

62

1986

11,505

76

1987

11,852

75

1988

12,436

79

1989

12,895

76

1990

12,971

78

1991

19,511

70

1992

17,180

54

1993

17,890

70

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Ad esempio, la tabella 2 mostra che gli infortuni sul lavoro denunciabili con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli sono aumentati in modo continuo dalla metà degli anni '1980 al 1990. Dal 1990 al 1991 è da notare un notevole aumento degli infortuni. Si tratta di un artefatto derivante dall'inserimento, a partire dal 1991, di figure che abbracciano i nuovi confini della Germania riunificata. (Le cifre precedenti riguardano solo la Repubblica federale di Germania.)

Altri dati raccolti dai rapporti sugli incidenti rivelano che non tutti gli incidenti con le smerigliatrici portatili per la lavorazione dei metalli si verificano principalmente nelle aziende del settore della lavorazione dei metalli. Le smerigliatrici portatili, che ovviamente vengono spesso utilizzate come smerigliatrici angolari per tagliare tubi, barre di ferro e altri oggetti, sono spesso impiegate nei cantieri. Di conseguenza, quasi un terzo degli infortuni si concentra nelle imprese del settore edile. Lavorare con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli provoca principalmente lesioni alla testa e alle mani. Le lesioni alla testa più comuni colpiscono gli occhi e l'area intorno agli occhi, che sono feriti da pezzi rotti, schegge e scintille volanti. L'utensile ha una mola che gira velocemente e si verificano lesioni alle mani quando la persona che utilizza la macchina portatile ne perde il controllo. L'elevato numero di lesioni agli occhi dimostra che all'interno delle aziende è necessario sottolineare l'importanza e l'obbligo di indossare occhiali protettivi durante la molatura del metallo con questa macchina portatile.

Confronto dei tassi di infortuni all'interno e tra le industrie. Anche se nel 1993 si sono verificati quasi 18,000 infortuni sul lavoro con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli, rispetto ai soli 2,800 incidenti sul lavoro con motoseghe manuali nella lavorazione del legno, non si può automaticamente concludere che questo macchinario rappresenti un rischio maggiore per i metalmeccanici. Per valutare il rischio di incidenti per settori specifici, il numero di incidenti deve essere prima correlato a una misura dell'esposizione al pericolo, come le ore lavorate (vedere "Analisi del rischio di infortuni e malattie non mortali sul lavoro" [REC05AE]). Tuttavia, queste informazioni non sono sempre disponibili. Pertanto, viene derivato un tasso surrogato come la proporzione che gli incidenti gravi fanno di tutti gli incidenti segnalabili. Confrontando le percentuali di lesioni gravi per le smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli e le seghe circolari portatili nella lavorazione del legno, si dimostra che le seghe circolari portatili hanno un tasso di gravità degli incidenti dieci volte superiore rispetto alle smerigliatrici portatili. Per dare la priorità alle misure di sicurezza sul posto di lavoro, questa è una scoperta importante. Questo tipo di analisi comparativa dei rischi è una componente importante di una strategia globale di prevenzione degli incidenti industriali.

Statistiche sulle malattie professionali

Definizione e reportistica

In Germania una malattia professionale è legalmente definita come una malattia la cui causa può essere ricondotta all'attività professionale della persona colpita. Esiste un elenco ufficiale delle malattie professionali. Pertanto, valutare se una malattia costituisca una malattia professionale è una questione sia medica che legale ed è deferita dal diritto pubblico al BG. Se si sospetta una malattia professionale, non è sufficiente dimostrare che il dipendente soffra, ad esempio, di un eczema. Sono necessarie ulteriori conoscenze sulle sostanze utilizzate sul lavoro e sul loro potenziale di danneggiare la pelle.

Compilazione di statistiche sulle malattie professionali. Poiché i GB sono responsabili dell'indennizzo dei lavoratori con malattie professionali nonché della fornitura di riabilitazione e prevenzione, hanno un notevole interesse nell'applicazione delle statistiche derivate dai rapporti sulle malattie professionali. Queste applicazioni includono il targeting di misure preventive sulla base di industrie e occupazioni ad alto rischio identificate e la divulgazione delle loro scoperte al pubblico, alla comunità scientifica e alle autorità politiche.

A supporto di queste attività, i BG hanno introdotto nel 1975 una serie di statistiche sulle malattie professionali, che contengono i dati su ogni denuncia di malattia professionale e la sua determinazione finale - riconosciuta o negata - comprese le motivazioni della decisione a livello di singolo caso. Questa banca dati contiene dati anonimi su:

  • la persona, come sesso, anno di nascita, nazionalità
  • diagnosi
  • esposizioni pericolose
  • la decisione legale, compreso l'esito della richiesta, la determinazione della disabilità e qualsiasi ulteriore azione intrapresa dai GB.

 

Risultati delle statistiche sulle malattie professionali. Una funzione importante delle statistiche sulle malattie professionali è monitorare l'incidenza delle malattie professionali nel tempo. La tabella 3 riporta le notifiche di malattia professionale sospetta, il numero di casi di malattia professionale riconosciuti complessivamente e il pagamento delle pensioni, nonché il numero di casi mortali tra il 1980 e il 1993. Occorre avvertire che questi dati non sono di facile interpretazione, poiché definizioni e criteri differiscono ampiamente. Inoltre, durante questo periodo di tempo il numero di malattie professionali ufficialmente designate è passato da 55 a 64. Inoltre, le cifre del 1991 comprendono i nuovi confini della Germania riunificata, mentre quelli precedenti riguardano solo la Repubblica federale di Germania.

Tabella 3. Occorrenze di malattie professionali, Germania, 1980-93

Anno

Notifiche
di sospetta malattia professionale

Casi di malattia professionale riconosciuti

Di quelli con
pensione

Morti per malattie professionali

1980

40,866

12,046

5,613

1,932

1981

38,303

12,187

5,460

1,788

1982

33,137

11,522

4,951

1,783

1983

30,716

9,934

4,229

1,557

1984

31,235

8,195

3,805

1,558

1985

32,844

6,869

3,439

1,299

1986

39,706

7,317

3,317

1,548

1987

42,625

7,275

3,321

1,455

1988

46,280

7,367

3,660

1,363

1989

48,975

9,051

3,941

1,281

1990

51,105

9,363

4,008

1,391

1991

61,156

10,479

4,570

1,317

1992

73,568

12,227

5,201

1,570

1993

92,058

17,833

5,668

2,040

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Esempio: malattie infettive. La tabella 4 mostra la diminuzione del numero di casi riconosciuti di malattie infettive nel periodo dal 1980 al 1993. Essa individua specificamente l'epatite virale, per la quale si può vedere chiaramente che una tendenza fortemente decrescente si è sviluppata a partire dalla metà degli anni '1980 in Germania, quando i dipendenti a rischio nel servizio sanitario sono stati sottoposti a vaccinazioni preventive. In questo modo le statistiche sulle malattie professionali possono servire non solo a rilevare tassi elevati di malattie, ma possono anche documentare i successi delle misure di protezione. Il calo dei tassi di malattia può ovviamente avere altre spiegazioni. In Germania, ad esempio, la riduzione del numero di casi di silicosi negli ultimi due decenni è principalmente il risultato della diminuzione del numero di posti di lavoro nel settore minerario.

Tabella 4. Malattie infettive riconosciute come malattie professionali, Germania, 1980-93

Anno

Totale casi riconosciuti

Di quelli: epatite virale

1980

1173

857

1981

883

736

1982

786

663

1983

891

717

1984

678

519

1985

417

320

1986

376

281

1987

224

152

1988

319

173

1989

303

185

1990

269

126

1991

224

121

1992

282

128

1993

319

149

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Fonti di informazione

L'HVBG, in quanto organizzazione ombrello per i BG, centralizza le statistiche comuni e produce analisi e opuscoli. Inoltre, l'HVBG considera le informazioni statistiche come un aspetto delle informazioni complessive che devono essere disponibili per svolgere l'ampia gamma di responsabilità del sistema di assicurazione contro gli infortuni. Per questo motivo, nel 1978 è stato costituito il Sistema Informativo Centrale dei GB (ZIGUV), che prepara la documentazione pertinente e la mette a disposizione dei GB.

La sicurezza sul lavoro come approccio interdisciplinare e completo richiede un accesso ottimale alle informazioni. I BG in Germania hanno deciso di intraprendere questa strada, contribuendo così in modo significativo all'efficienza del sistema di sicurezza sul lavoro in Germania.

 

Di ritorno

Sviluppo storico

I monti Erz sono stati estratti dal XII secolo e, a partire dal 1470, l'estrazione dell'argento ha portato l'area alla ribalta. Intorno all'anno 1500 compaiono negli scritti di Agricola le prime notizie di una specifica malattia tra i minatori. Nel 1879 questa malattia fu riconosciuta da Haerting e Hesse come cancro ai polmoni, ma a quel tempo non era chiaro cosa lo causasse. Nel 1925 il “cancro del polmone di Schneeberg” fu aggiunto all'elenco delle malattie professionali.

Il materiale da cui Marie Curie isolò gli elementi radio e polonio proveniva dal mucchio di scorie di Joachimstal (Jachymov) in Boemia. Nel 1936 le misurazioni del radon di Rajewsky vicino a Schneeberg confermarono la connessione già ipotizzata tra il radon nei pozzi minerari e il cancro ai polmoni.

Nel 1945 l'Unione Sovietica intensificò il suo programma di ricerca sulle armi atomiche. La ricerca dell'uranio fu estesa ai Monti Metalliferi, poiché lì le condizioni per l'estrazione erano migliori che nei depositi sovietici. Dopo le prime indagini, l'intera area fu posta sotto l'amministrazione militare sovietica e dichiarata zona ristretta.

Dal 1946 al 1990 la Soviet Wismut Company (SAG), poi Soviet-German Wismut Company (SDAG), ha effettuato l'estrazione dell'uranio in Turingia e Sassonia (figura 1). A quel tempo l'Unione Sovietica era sotto pressione per ottenere quantità sufficienti di uranio per costruire la prima bomba atomica sovietica. Non era disponibile un'attrezzatura adeguata, quindi il raggiungimento del livello necessario di produzione di uranio era possibile solo ignorando le misure di sicurezza. Le condizioni di lavoro erano particolarmente pessime negli anni dal 1946 al 1954. Secondo un rapporto sanitario del SAG Wismut, solo nella seconda metà del 1,281 20,000 minatori ebbero incidenti mortali e 1949 subirono lesioni o altri effetti dannosi per la loro salute.

Figura 1. Aree minerarie di SDAG Wismut nella Germania dell'Est

REC100F1

Nella Germania del dopoguerra, l'Unione Sovietica considerava l'estrazione dell'uranio una forma di riparazione. Furono mobilitati prigionieri, coscritti e "volontari", ma all'inizio non c'era quasi personale qualificato. In tutto, Wismut impiegava tra le 400,000 e le 500,000 persone (figura 2).

Figura 2. Dipendenti Wismut 1946-90

REC100T1

Le cattive condizioni di lavoro, la mancanza di una tecnologia adeguata e l'intensa pressione lavorativa hanno portato a un numero estremamente elevato di infortuni e malattie. Le condizioni di lavoro migliorarono gradualmente a partire dal 1953, quando iniziò la partecipazione tedesca alla società sovietica.

La perforazione a secco, che produceva alti livelli di polvere, fu impiegata dal 1946 al 1955. Non era disponibile alcuna ventilazione artificiale, con conseguenti elevate concentrazioni di radon. Inoltre, la salute dei lavoratori risentiva negativamente del lavoro estremamente gravoso dovuto alla mancanza di attrezzature, alla mancanza di dispositivi di sicurezza e ai lunghi turni di lavoro (200 ore al mese).

Figura 3. Record di esposizione dell'ex SDAG Wismut

REC100T2

Il livello di esposizione variava nel tempo e da pozzo a pozzo. Anche la misurazione sistematica dell'esposizione è avvenuta in diverse fasi, come mostrato in figura 3. Le esposizioni a radiazioni ionizzanti (rappresentate in Working Level Month (WLM)) possono essere fornite solo in modo molto approssimativo (tabella 1). Oggi, i confronti con le situazioni di esposizione alle radiazioni in altri paesi, le misurazioni effettuate in condizioni sperimentali e le valutazioni delle registrazioni scritte consentono una dichiarazione più precisa del livello di esposizione.

Tabella 1. Stime dell'esposizione alle radiazioni (livello di lavoro mesi/anno) nelle miniere di Wismut

Anno

WLM/Anno

1946-1955

30-300

1956-1960

10-100

1961-1965

5-50

1966-1970

3-25

1971-1975

2-10

1976-1989

1-4

 

Oltre all'intensa esposizione alla polvere di roccia, erano presenti altri fattori rilevanti per le malattie, come la polvere di uranio, l'arsenico, l'amianto e le emissioni di esplosivi. C'erano effetti fisici da rumore, vibrazioni mano-braccio e vibrazioni di tutto il corpo. In queste condizioni, le silicosi ei carcinomi bronchiali da radiazioni dominano il registro delle malattie professionali dal 1952 al 1990 (tabella 2).

Tabella 2. Panoramica completa delle malattie professionali conosciute nelle miniere di uranio di Wismut 1952-90

 

Elenco n. BKVO 1

Numero assoluto

%

Malattie dovute al quarzo

40

14,733

47.8

Tumori maligni o pretumori da radiazioni ionizzanti

92

5,276

17.1

Malattie dovute a vibrazioni parziali del corpo

54

-

-

Malattie dei tendini e delle articolazioni delle estremità

71-72

4,950

16.0

Udito compromesso a causa del rumore

50

4,664

15.1

Malattie della pelle

80

601

1.9

Altro

-

628

2.1

Totale

 

30,852

100

1 Classificazione delle malattie professionali dell'ex RDT.
Fonte: Rapporti Annuali Sistema Sanitario Wismut.

 

Sebbene nel corso del tempo i servizi sanitari di SAG/SDAG Wismut abbiano fornito livelli crescenti di assistenza completa ai minatori, compresi esami medici annuali, gli effetti sulla salute dell'estrazione del minerale non sono stati analizzati in modo sistematico. Le condizioni di produzione e di lavoro erano tenute rigorosamente segrete; le società Wismut erano autonome e organizzativamente costituivano uno “stato nello stato”.

L'intera portata degli eventi divenne nota solo nel 1989-90 con la fine della Repubblica Democratica Tedesca (RDT). Nel dicembre 1990 l'estrazione dell'uranio è stata interrotta in Germania. Dal 1991 le Berufsgenossenschaften (associazioni industriali e di categoria per la prevenzione, la registrazione e l'indennizzo), in quanto compagnia assicurativa legale contro gli infortuni, sono responsabili della registrazione e dell'indennizzo di tutti gli infortuni e le malattie professionali relativi all'ex operazione Wismut. Ciò significa che le associazioni sono responsabili di fornire alle persone colpite la migliore assistenza medica possibile e di raccogliere tutte le informazioni pertinenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Nel 1990 erano ancora pendenti presso il sistema previdenziale Wismut circa 600 denunce per carcinoma bronchiale; circa 1,700 casi di cancro ai polmoni erano stati respinti negli anni precedenti. Dal 1991 questi reclami sono stati perseguiti o riaperti dal responsabile Berufsgenossenschaften. Sulla base di proiezioni scientifiche (Jacobi, Henrichs e Barclay 1992; Wichmann, Brüske-Hohlfeld e Mohner 1995), si stima che nei prossimi dieci anni tra i 200 e i 300 casi di carcinoma bronchiale all'anno saranno riconosciuti come derivanti da lavoro a Wismut.

Il presente: dopo il cambiamento

Le condizioni di produzione e di lavoro presso SDAG Wismut hanno lasciato il segno sia sui dipendenti che sull'ambiente in Turingia e Sassonia. In conformità con la legge della Repubblica federale di Germania, il governo federale si è assunto la responsabilità di ripulire l'ambiente nella regione colpita. I costi di queste attività per il periodo 1991-2005 sono stati stimati a 13 miliardi di DM.

Dopo che la DDR è entrata a far parte della Repubblica federale di Germania nel 1990, le Berufsgenossenschaften, in qualità di assicuratori legali contro gli infortuni, sono diventate responsabili della gestione delle malattie professionali nell'ex DDR. Alla luce delle particolari condizioni di Wismut, il Berufsgenossenschaften ha deciso di costituire un'unità speciale per gestire la sicurezza e la salute sul lavoro per il complesso di Wismut. Per quanto possibile, nel rispetto delle norme legali che tutelano la riservatezza dei dati personali, le Berufsgenossenschaften hanno protetto le registrazioni delle precedenti condizioni di lavoro. Pertanto, in caso di scioglimento della società per motivi economici, non andrebbero persi tutti gli elementi che potessero eventualmente servire a fondare le pretese dei dipendenti in caso di malattia. Il "Wismut Central Care Office" (ZeBWis) è stato istituito dalla Federazione il 1° gennaio 1992 ed è responsabile del trattamento medico professionale, della diagnosi precoce e della riabilitazione.

Dall'obiettivo di ZeBWis di fornire un'assistenza medica professionale adeguata agli ex dipendenti delle miniere di uranio, sono emersi quattro compiti essenziali di sorveglianza sanitaria:

  • organizzare esami di screening di massa per la diagnosi precoce e il trattamento delle malattie
  • documentare i risultati dello screening e collegarli con i dati delle procedure di rilevamento delle malattie professionali
  • analizzare scientificamente i dati
  • sostegno alla ricerca sulla diagnosi precoce e il trattamento delle malattie.

 

Lo screening è fornito ai lavoratori esposti al fine di assicurare una diagnosi precoce ove possibile. Gli aspetti etici, scientifici ed economici di tali procedure di screening richiedono una discussione approfondita che esula dallo scopo di questo articolo.

È stato sviluppato un programma di medicina del lavoro, basato sui fondati principi dell'associazione di categoria per esami speciali di medicina del lavoro. Integrati in questo c'erano metodi di esame noti dall'estrazione mineraria e dalla protezione dalle radiazioni. Le parti componenti del programma derivano dai principali agenti di esposizione: polvere, radiazioni e altri materiali pericolosi.

La continua sorveglianza medica degli ex dipendenti Wismut è finalizzata principalmente alla diagnosi precoce e al trattamento dei carcinomi bronchiali derivanti dall'esposizione a radiazioni o altri materiali cancerogeni. Mentre le connessioni tra radiazioni ionizzanti e tumori polmonari sono dimostrate con adeguata certezza, gli effetti sulla salute dell'esposizione a radiazioni a lungo termine ea basso dosaggio sono stati meno studiati. Le conoscenze attuali si basano su estrapolazioni di dati dai sopravvissuti ai bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki, nonché su dati ottenuti da altri studi internazionali sui minatori di uranio.

La situazione in Turingia e Sassonia è eccezionale in quanto molte più persone sono state sottoposte a una gamma molto più ampia di esposizioni. Pertanto, da questa esperienza è possibile acquisire una ricchezza di conoscenze scientifiche. In che misura le radiazioni agiscano in sinergia con l'esposizione ad agenti cancerogeni come l'arsenico, l'amianto o le emissioni dei motori diesel nel causare il cancro ai polmoni dovrebbe essere esaminato scientificamente utilizzando nuovi dati ottenuti. La diagnosi precoce dei carcinomi bronchiali attraverso l'introduzione di tecniche di esame all'avanguardia dovrebbe essere una parte importante della futura ricerca scientifica.

Dati disponibili dal Wismut Health System

In risposta agli estremi incidenti e problemi di salute che ha dovuto affrontare, Wismut ha istituito un proprio servizio sanitario, che ha fornito, tra le altre cose, esami medici annuali di screening, comprese le radiografie del torace. Negli anni successivi sono state istituite ulteriori unità di esame delle malattie professionali. Poiché il servizio sanitario Wismut ha assunto non solo la medicina del lavoro, ma anche l'assistenza medica completa per i dipendenti e le persone a loro carico, nel 1990 SDAG Wismut aveva raccolto informazioni sanitarie complete su molti ex e attuali dipendenti Wismut. Oltre alle informazioni complete sulle visite di medicina del lavoro e all'archivio completo delle malattie professionali, esiste un archivio radiografico completo con oltre 792,000 radiografie.

A Stollberg il sistema sanitario di Wismut disponeva di un reparto centrale di patologia in cui veniva raccolto materiale istologico e patologico completo dai minatori, oltre che dagli abitanti della zona. Nel 1994 questo materiale è stato consegnato al Centro tedesco per la ricerca sul cancro (DKFZ) di Heidelberg a scopo di custodia e ricerca. Una parte dei registri dell'ex sistema sanitario è stata inizialmente rilevata dal sistema legale di assicurazione contro gli infortuni. A tale scopo, ZeBWis ha istituito un archivio temporaneo presso il pozzo 371 a Hartenstein (Sassonia).

Questi registri sono utilizzati per l'elaborazione delle richieste di risarcimento, per la preparazione e la gestione dell'assistenza medica professionale e per lo studio scientifico. Oltre ad essere utilizzate dalle Berufsgenossenschaften, le registrazioni sono a disposizione degli esperti e dei medici autorizzati nell'ambito del loro lavoro clinico e della gestione di ciascun ex dipendente.

Il nucleo di questi archivi è costituito dalle schede complete delle malattie professionali (45,000) che sono state acquisite, insieme alle corrispondenti schede di tracciamento delle malattie professionali (28,000), le schede di tracciamento per il monitoraggio delle persone a rischio di polvere (200,000), nonché le schede mirate documentazione documentale con i risultati degli esami di idoneità medica e di sorveglianza sul lavoro. Inoltre, in questo archivio ZeBWis sono conservati i registri dell'autopsia di Stollberg Pathology.

Queste ultime schede, così come le schede di tracciabilità delle malattie professionali, sono state nel frattempo predisposte per l'elaborazione dei dati. Entrambe queste forme di documentazione saranno utilizzate per estrarre i dati per uno studio epidemiologico completo di 60,000 persone da parte del ministero federale dell'ambiente.

Oltre ai dati sull'esposizione al radon e ai sottoprodotti del radon, le registrazioni sull'esposizione degli ex dipendenti ad altri agenti sono di particolare interesse per il Berufsgenossenschaften. L'odierna Wismut GmbH dispone quindi di risultati di misura consultabili, sotto forma di elenco, dai primi anni '1970 ad oggi per polveri silicogeniche, polveri di amianto, polveri di metalli pesanti, polveri di legno, polveri esplosive, vapori tossici, fumi di saldatura, polveri di motori diesel emissioni, rumore, vibrazioni parziali e corpo intero e lavoro fisico pesante. Per gli anni dal 1987 al 1990 le singole misure sono archiviate su supporti elettronici.

Si tratta di informazioni importanti per l'analisi retrospettiva delle esposizioni nelle operazioni di estrazione dell'uranio di Wismut. Costituisce inoltre la base per la costruzione di una matrice delle esposizioni lavorative che assegna le esposizioni alle mansioni per scopi di ricerca.

A completare il quadro, presso il reparto che tutela i dati sanitari della Wismut GmbH sono conservate ulteriori registrazioni, tra cui: cartelle cliniche ex ambulatoriali, denunce di infortunio della ex azienda e da ispezioni di sicurezza sul lavoro, cartelle cliniche di medicina del lavoro, esposizione biologica esami, riabilitazione medico-occupazionale e referti di malattie neoplastiche.

Tuttavia, non tutti gli archivi Wismut, principalmente file cartacei, sono stati progettati per la valutazione centralizzata. Così, con lo scioglimento di SDAG Wismut il 31 dicembre 1990, e lo scioglimento del sistema sanitario aziendale Wismut, si è posta la questione di cosa fare di questi record unici.

Digressione: incorporare le partecipazioni

Il primo compito per ZeBWis è stato quello di definire le persone che lavoravano sottoterra o negli impianti di preparazione e di determinare la loro posizione attuale. Le aziende comprendono circa 300,000 persone. Pochi dei registri della società erano in una forma che potesse essere utilizzata nell'elaborazione dei dati. Quindi era necessario percorrere il faticoso percorso di vedere una carta alla volta. Dovevano essere raccolti i file delle carte da quasi 20 località.

Il passo successivo è stato quello di raccogliere le statistiche vitali e gli indirizzi di queste persone. Le informazioni dal vecchio personale e dai registri salariali non sono state utili per questo. I vecchi indirizzi spesso non erano più validi, anche perché dopo la firma del trattato di unificazione avveniva una ridenominazione generalizzata di strade, piazze e strade. Anche il Registro centrale degli abitanti dell'ex RDT non era utile, poiché a quel punto le informazioni non erano più complete.

Trovare queste persone è stato infine reso possibile con l'assistenza dell'Associazione delle assicurazioni pensionistiche tedesche, attraverso la quale sono stati raccolti gli indirizzi di quasi 150,000 persone per comunicare l'offerta di cure mediche gratuite sul lavoro.

Per dare al medico esaminatore un'idea dei pericoli e dell'esposizione a cui era soggetto il paziente dalla cosiddetta anamnesi occupazionale o lavorativa è stata costruita una matrice di esposizione lavorativa.

Assistenza medica sul lavoro

Per gli esami sono stati reclutati circa 125 medici del lavoro appositamente formati con esperienza nella diagnosi di malattie causate da polvere e radiazioni. Lavorano sotto la direzione di ZeBWis e sono diffusi in tutta la Repubblica Federale per garantire che le persone interessate possano ottenere l'esame indicato vicino al loro attuale luogo di residenza. Grazie all'intensa formazione dei medici partecipanti, vengono eseguiti esami standard di alta qualità in tutte le sedi di esame. Distribuendo in anticipo moduli di documentazione uniformi, si garantisce che tutte le informazioni rilevanti vengano raccolte secondo gli standard stabiliti e inserite nei data center di ZeBWis. Ottimizzando il numero di file, ogni medico esaminatore svolge un numero adeguato di esami ogni anno e rimane così praticato ed esperto nel programma di esami. Attraverso il regolare scambio di informazioni e la formazione continua, i medici hanno sempre accesso alle informazioni aggiornate. Tutti i medici esaminatori sono esperti nella valutazione delle radiografie del torace in conformità con le linee guida ILO del 1980 (International Labour Organization 1980).

Il pool di dati, che sta crescendo a seguito degli esami in corso, è orientato a fornire ai medici e agli esperti di valutazione del rischio nel programma di rilevamento delle malattie professionali i risultati preliminari rilevanti. Fornisce inoltre una base per affrontare specifici sintomi o malattie che compaiono in determinate situazioni di rischio.

Il futuro

Confrontando il numero di persone che lavoravano per Wismut nel sottosuolo e/o negli impianti di preparazione con il numero di persone impiegate nell'estrazione dell'uranio nel mondo occidentale, è evidente che, pur con grandi lacune, i dati a disposizione presentano una base straordinaria per guadagnare nuova comprensione scientifica. Considerando che la panoramica del 1994 di Lubin et al. (1994) sul rischio di cancro ai polmoni copriva circa 60,000 individui affetti e circa 2,700 casi di cancro ai polmoni in 11 studi, i dati di circa 300,000 ex dipendenti Wismut sono ora disponibili. Almeno 6,500 sono morti fino ad oggi per cancro ai polmoni causato dalle radiazioni. Wismut, inoltre, non ha mai raccolto informazioni sull'esposizione di un gran numero di persone esposte a radiazioni ionizzanti o ad altri agenti.

Informazioni quanto più precise possibili sull'esposizione sono necessarie per una diagnosi ottimale delle malattie professionali e per la ricerca scientifica. Di questo si tiene conto in due progetti di ricerca sponsorizzati o realizzati dal Berufsgenossenschaften. È stata preparata una matrice di esposizione del lavoro consolidando le misurazioni del sito disponibili, analizzando i dati geologici, utilizzando le informazioni sui dati di produzione e, in alcuni casi, ricostruendo le condizioni di lavoro nei primi anni di Wismut. Dati di questo tipo sono un prerequisito per sviluppare una migliore comprensione, attraverso studi di coorte o studi caso-controllo, della natura e dell'entità delle malattie che derivano dall'estrazione dell'uranio. In questo modo si potrebbe anche migliorare la comprensione dell'effetto di dosi di radiazioni a lungo termine e di basso livello e degli effetti cumulativi di radiazioni, polvere e altri materiali cancerogeni. Gli studi su questo stanno ora iniziando o sono in fase di pianificazione. Con l'aiuto di campioni biologici raccolti negli ex laboratori di patologia di Wismut, è possibile ottenere conoscenze scientifiche anche sul tipo di cancro ai polmoni e anche sugli effetti interattivi tra polveri silicogeniche e radiazioni, nonché altri materiali pericolosi cancerogeni che vengono inalati o ingerito. Tali piani sono perseguiti in questo momento dalla DKFZ. La collaborazione su questo tema è ora in corso tra le strutture di ricerca tedesche e altri gruppi di ricerca come il NIOSH statunitense e il National Cancer Institute (NCI). Anche gruppi di lavoro corrispondenti in paesi come la Repubblica ceca, la Francia e il Canada stanno collaborando allo studio dei dati sull'esposizione.

Fino a che punto tumori maligni diversi dal cancro ai polmoni possono svilupparsi dall'esposizione alle radiazioni durante l'estrazione del minerale di uranio è poco noto. Su richiesta delle associazioni di categoria, ne è stato sviluppato un modello (Jacobi e Roth 1995) per stabilire in quali condizioni tumori della bocca e della gola, del fegato, dei reni, della pelle o delle ossa possono essere causati da condizioni di lavoro come quelle della Wismut .

 

Di ritorno

Altri articoli in questo capitolo presentano i principi generali della sorveglianza medica delle malattie professionali e della sorveglianza dell'esposizione. Questo articolo delinea alcuni principi di metodi epidemiologici che possono essere utilizzati per soddisfare le esigenze di sorveglianza. L'applicazione di questi metodi deve tenere conto dei principi di base della misurazione fisica e della pratica standard di raccolta dei dati epidemiologici.

L'epidemiologia è in grado di quantificare l'associazione tra esposizione professionale e non lavorativa a fattori stressanti chimico-fisici o comportamentali ed esiti di malattia, e può quindi fornire informazioni per sviluppare interventi e programmi di prevenzione (Coenen 1981; Coenen ed Engels 1993). La disponibilità dei dati e l'accesso al posto di lavoro e ai registri del personale di solito dettano la progettazione di tali studi. Nelle circostanze più favorevoli, le esposizioni possono essere determinate attraverso misurazioni di igiene industriale che vengono effettuate in un'officina o fabbrica operativa e vengono utilizzati esami medici diretti dei lavoratori per accertare i possibili effetti sulla salute. Tali valutazioni possono essere effettuate prospetticamente per un periodo di mesi o anni per stimare i rischi di malattie come il cancro. Tuttavia, è più frequente che le esposizioni passate debbano essere ricostruite storicamente, proiettando all'indietro rispetto ai livelli attuali o utilizzando misurazioni registrate nel passato, che potrebbero non soddisfare completamente le esigenze informative. Questo articolo presenta alcune linee guida e limitazioni per le strategie di misurazione e la documentazione che influenzano la valutazione epidemiologica dei rischi per la salute sul posto di lavoro.

Misure

Le misurazioni dovrebbero essere quantitative ove possibile, piuttosto che qualitative, perché i dati quantitativi sono soggetti a tecniche statistiche più potenti. I dati osservabili sono comunemente classificati come nominali, ordinali, di intervallo e di rapporto. I dati a livello nominale sono descrittori qualitativi che differenziano solo i tipi, come diversi reparti all'interno di una fabbrica o diversi settori. Le variabili ordinali possono essere disposte da "basso" a "alto" senza trasmettere ulteriori relazioni quantitative. Un esempio è "esposto" rispetto a "non esposto", o classificare la storia del fumo come non fumatore (= 0), fumatore leggero (= 1), fumatore medio (= 2) e fumatore accanito (= 3). Più alto è il valore numerico, più forte è l'intensità del fumo. La maggior parte dei valori di misurazione sono espressi come rapporti o scale di intervallo, in cui una concentrazione di 30 mg/m3 è il doppio della concentrazione di 15 mg/m3. Le variabili di rapporto possiedono uno zero assoluto (come l'età) mentre le variabili di intervallo (come il QI) no.

Strategia di misurazione

La strategia di misurazione prende in considerazione le informazioni sul sito di misurazione, le condizioni circostanti (ad es. umidità, pressione atmosferica) durante la misurazione, la durata della misurazione e la tecnica di misurazione (Hansen e Whitehead 1988; Ott 1993).

I requisiti legali spesso impongono la misurazione delle medie ponderate nel tempo (TWA) di otto ore dei livelli di sostanze pericolose. Tuttavia, non tutti gli individui lavorano sempre turni di otto ore e i livelli di esposizione possono variare durante il turno. Un valore misurato per il lavoro di una persona potrebbe essere considerato rappresentativo di un valore di turno di otto ore se la durata dell'esposizione è superiore a sei ore durante il turno. Come criterio pratico, dovrebbe essere ricercata una durata del campionamento di almeno due ore. Con intervalli di tempo troppo brevi, il campionamento in un periodo di tempo può mostrare concentrazioni più alte o più basse, sovrastimando o sottostimando così la concentrazione durante il turno (Rappaport 1991). Pertanto, può essere utile combinare più misurazioni o misurazioni su più turni in un'unica media ponderata nel tempo, oppure utilizzare misurazioni ripetute con durate di campionamento più brevi.

Validità della misura

I dati di sorveglianza devono soddisfare criteri ben definiti. La tecnica di misurazione non deve influenzare i risultati durante il processo di misurazione (reattività). Inoltre, la misurazione dovrebbe essere obiettiva, affidabile e valida. I risultati non devono essere influenzati né dalla tecnica di misurazione utilizzata (obiettività di esecuzione) né dalla lettura o dalla documentazione da parte del tecnico di misurazione (obiettività della valutazione). Gli stessi valori di misurazione dovrebbero essere ottenuti nelle stesse condizioni (affidabilità); la cosa prevista dovrebbe essere misurata (validità) e le interazioni con altre sostanze o esposizioni non dovrebbero influenzare indebitamente i risultati.

Qualità dei dati sull'esposizione

Fonti dei dati. Un principio fondamentale dell'epidemiologia è che le misurazioni effettuate a livello individuale sono preferibili a quelle effettuate a livello di gruppo. Pertanto, la qualità dei dati di sorveglianza epidemiologica diminuisce nel seguente ordine:

    1. misurazioni dirette effettuate su persone; informazioni sui livelli di esposizione e sulla progressione temporale
    2. misurazioni dirette effettuate di gruppi; informazioni sui livelli di esposizione attuali per gruppi specifici di lavoratori (a volte espressi come matrici di esposizione lavorativa) e la loro variazione nel tempo
    3. misurazioni estratte o ricostruite per individui; stima dell'esposizione da registri aziendali, liste acquisti, descrizioni di linee di prodotto, interviste ai dipendenti
    4. misurazioni astratte o ricostruite per gruppi; stima storica degli indici di esposizione di gruppo.

           

          In linea di principio, si dovrebbe sempre ricercare la determinazione più precisa dell'esposizione, utilizzando valori di misurazione documentati nel tempo. Sfortunatamente, le esposizioni misurate indirettamente o ricostruite storicamente sono spesso gli unici dati disponibili per stimare le relazioni esposizione-risultato, anche se esistono notevoli deviazioni tra le esposizioni misurate e i valori di esposizione ricostruiti dai registri aziendali e dalle interviste (Ahrens et al. 1994; Burdorf 1995). La qualità dei dati declina nella misurazione dell'esposizione dell'ordine, nell'indice di esposizione correlato all'attività, nelle informazioni aziendali, nelle interviste ai dipendenti.

          Scale di esposizione. La necessità di dati di monitoraggio quantitativo nella sorveglianza e nell'epidemiologia va molto oltre i ristretti requisiti legali dei valori soglia. L'obiettivo di un'indagine epidemiologica è accertare le relazioni dose-effetto, tenendo conto delle variabili potenzialmente confondenti. Dovrebbero essere utilizzate le informazioni più precise possibili, che in genere possono essere espresse solo con un livello di scala elevato (ad esempio, livello di scala del rapporto). La separazione in valori di soglia più grandi o più piccoli, o la codifica in frazioni di valori di soglia (ad esempio, 1/10, 1/4, 1/2 valore di soglia) come talvolta avviene, si basa essenzialmente su dati misurati su una scala ordinale statisticamente più debole.

          Requisiti di documentazione. Oltre alle informazioni sulle concentrazioni, sul materiale e sul tempo di misurazione, devono essere documentate le condizioni di misurazione esterne. Ciò dovrebbe includere una descrizione dell'attrezzatura utilizzata, della tecnica di misurazione, del motivo della misurazione e di altri dettagli tecnici pertinenti. Lo scopo di tale documentazione è quello di garantire l'uniformità delle misurazioni nel tempo e da uno studio all'altro e di consentire confronti tra studi.

          I dati sull'esposizione e sugli esiti di salute raccolti per le persone sono generalmente soggetti a leggi sulla privacy che variano da un paese all'altro. La documentazione dell'esposizione e delle condizioni di salute deve essere conforme a tali leggi.

          Requisiti epidemiologici

          Gli studi epidemiologici si sforzano di stabilire un nesso causale tra esposizione e malattia. In questa sezione vengono presi in considerazione alcuni aspetti delle misure di sorveglianza che influenzano questa valutazione epidemiologica del rischio.

          Tipo di malattia. Un punto di partenza comune per gli studi epidemiologici è l'osservazione clinica di un aumento di una particolare malattia in un'azienda o in un'area di attività. Ne conseguono ipotesi su potenziali fattori causali biologici, chimici o fisici. A seconda della disponibilità dei dati, questi fattori (esposizioni) vengono studiati utilizzando un disegno retrospettivo o prospettico. Anche il tempo che intercorre tra l'inizio dell'esposizione e l'insorgenza della malattia (latenza) influisce sul disegno dello studio. L'intervallo di latenza può essere considerevole. Le infezioni da alcuni enterovirus hanno tempi di latenza/incubazione da 2 a 3 ore, mentre per i tumori sono tipiche latenze da 20 a 30 anni. Pertanto, i dati sull'esposizione per uno studio sul cancro devono coprire un periodo di tempo notevolmente più lungo rispetto a un focolaio di malattia infettiva. Le esposizioni iniziate in un lontano passato possono continuare fino all'inizio della malattia. Altre malattie associate all'età, come le malattie cardiovascolari e l'ictus, possono comparire nel gruppo esposto dopo l'inizio dello studio e devono essere trattate come cause concorrenti. È anche possibile che le persone classificate come “non malate” siano semplicemente persone che non hanno ancora manifestato malattia clinica. Pertanto, deve essere mantenuta una sorveglianza medica continua delle popolazioni esposte.

          Potere statistico. Come affermato in precedenza, le misurazioni dovrebbero essere espresse su un livello di dati il ​​più alto possibile (livello di scala del rapporto) al fine di ottimizzare il potere statistico per produrre risultati statisticamente significativi. La potenza a sua volta è influenzata dalla dimensione della popolazione totale dello studio, dalla prevalenza dell'esposizione in quella popolazione, dal tasso di malattia di fondo e dall'entità del rischio della malattia causata dall'esposizione oggetto di studio.

          Classificazione obbligatoria delle malattie. Sono disponibili diversi sistemi per codificare le diagnosi mediche. I più comuni sono ICD-9 (Classificazione internazionale delle malattie) e SNOMED (Nomenclatura sistematica della medicina). ICD-O (oncologia) è una particolarità dell'ICD per codificare i tumori. La documentazione per la codifica dell'ICD è obbligatoria per legge in molti sistemi sanitari in tutto il mondo, specialmente nei paesi occidentali. Tuttavia, la codifica SNOMED può anche codificare possibili fattori causali e condizioni esterne. Molti paesi hanno sviluppato sistemi di codifica specializzati per classificare lesioni e malattie che includono anche le circostanze dell'incidente o dell'esposizione. (Vedi gli articoli “Case study: Protezione dei lavoratori e statistiche sugli infortuni e le malattie professionali—HVBG, Germania” e “Sviluppo e applicazione di un sistema di classificazione degli infortuni e delle malattie professionali”, altrove in questo capitolo.)

          Le misurazioni effettuate per scopi scientifici non sono vincolate dai requisiti legali che si applicano alle attività di sorveglianza obbligatorie, come la determinazione del superamento dei limiti di soglia in un determinato luogo di lavoro. È utile esaminare le misure e le registrazioni dell'esposizione in modo da verificare eventuali escursioni. (Vedi, ad esempio, l'articolo "Sorveglianza sui rischi professionali" in questo capitolo.)

          Trattamento delle esposizioni miste. Le malattie hanno spesso diverse cause. Pertanto è necessario registrare nel modo più completo possibile i sospetti fattori causali (esposizioni/fattori confondenti) al fine di poter distinguere gli effetti di sospetti agenti pericolosi l'uno dall'altro e dagli effetti di altri fattori contribuenti o confondenti, come la sigaretta fumare. Le esposizioni professionali sono spesso miste (p. es., miscele di solventi; fumi di saldatura come nichel e cadmio; e nelle miniere, polveri sottili, quarzo e radon). Ulteriori fattori di rischio per i tumori includono il fumo, il consumo eccessivo di alcol, la cattiva alimentazione e l'età. Oltre alle esposizioni chimiche, le esposizioni a fattori di stress fisico (vibrazioni, rumore, campi elettromagnetici) sono possibili fattori scatenanti di malattie e devono essere considerate come potenziali fattori causali negli studi epidemiologici.

          Le esposizioni a più agenti o fattori di stress possono produrre effetti di interazione, in cui l'effetto di un'esposizione viene amplificato o ridotto da un'altra che si verifica contemporaneamente. Un tipico esempio è il legame tra amianto e cancro ai polmoni, che è molte volte più pronunciato tra i fumatori. Un esempio della combinazione di esposizioni chimiche e fisiche è la sclerodermia sistemica progressiva (PSS), che è probabilmente causata da un'esposizione combinata a vibrazioni, miscele di solventi e polvere di quarzo.

          Considerazione del pregiudizio. Il bias è un errore sistematico nel classificare le persone nei gruppi “esposti/non esposti” o “malati/non malati”. Dovrebbero essere distinti due tipi di bias: bias di osservazione (informazione) e bias di selezione. Con il bias di osservazione (informazione), possono essere usati criteri diversi per classificare i soggetti nei gruppi malati/non malati. A volte viene creato quando l'obiettivo di uno studio include persone impiegate in occupazioni note per essere pericolose e che potrebbero essere già sotto sorveglianza medica aumentata rispetto a una popolazione di confronto.

          Nel bias di selezione dovrebbero essere distinte due possibilità. Gli studi caso-controllo iniziano separando le persone con la malattia di interesse da quelle senza quella malattia, quindi esaminano le differenze nell'esposizione tra questi due gruppi; gli studi di coorte determinano i tassi di malattia in gruppi con esposizioni diverse. In entrambi i tipi di studio, il bias di selezione esiste quando le informazioni sull'esposizione influenzano la classificazione dei soggetti come malati o non malati, o quando le informazioni sullo stato della malattia influenzano la classificazione dei soggetti come esposti o non esposti. Un esempio comune di bias di selezione negli studi di coorte è l'"effetto lavoratore sano", che si riscontra confrontando i tassi di malattia nei lavoratori esposti con quelli della popolazione generale. Ciò può comportare una sottostima del rischio di malattia perché le popolazioni lavoratrici sono spesso selezionate dalla popolazione generale sulla base del mantenimento di una buona salute, spesso basata su esami medici, mentre la popolazione generale comprende i malati e gli infermi.

          Confondenti. Il confondimento è il fenomeno per cui una terza variabile (il confondente) altera la stima di un'associazione tra un presunto fattore antecedente e una malattia. Può verificarsi quando la selezione dei soggetti (casi e controlli in uno studio caso-controllo o esposti e non esposti in uno studio di coorte) dipende in qualche modo dalla terza variabile, possibilmente in modo sconosciuto allo sperimentatore. Le variabili associate solo all'esposizione o alla malattia non sono fattori di confusione. Per essere un confondente una variabile deve soddisfare tre condizioni:

          • Deve essere un fattore di rischio per la malattia.
          • Deve essere associato all'esposizione nella popolazione dello studio.
          • Non deve trovarsi nel percorso causale dall'esposizione alla malattia.

           

          Prima che i dati vengano raccolti per uno studio, a volte è impossibile prevedere se una variabile sia o meno un probabile confondente. Una variabile che è stata trattata come fattore di confondimento in uno studio precedente potrebbe non essere associata all'esposizione in un nuovo studio all'interno di una popolazione diversa e pertanto non costituirebbe un fattore di confondimento nel nuovo studio. Ad esempio, se tutti i soggetti sono simili rispetto a una variabile (ad esempio, il sesso), allora quella variabile non può essere un fattore di confusione in quel particolare studio. Il confondimento dovuto a una particolare variabile può essere considerato ("controllato") solo se la variabile viene misurata insieme all'esposizione e agli esiti della malattia. Il controllo statistico del confondimento può essere effettuato grossolanamente utilizzando la stratificazione per variabile confondente, o più precisamente utilizzando la regressione o altre tecniche multivariate.

          In breve

          I requisiti della strategia di misurazione, della tecnologia di misurazione e della documentazione per i luoghi di lavoro industriali sono talvolta definiti per legge in termini di sorveglianza dei valori limite di soglia. Le norme sulla protezione dei dati si applicano anche alla protezione dei segreti aziendali e dei dati personali. Questi requisiti richiedono risultati di misurazione e condizioni di misurazione comparabili e una tecnologia di misurazione obiettiva, valida e affidabile. Ulteriori requisiti proposti dall'epidemiologia si riferiscono alla rappresentatività delle misurazioni e alla possibilità di stabilire collegamenti tra le esposizioni per gli individui ei conseguenti esiti sanitari. Le misurazioni possono essere rappresentative per determinati compiti, ossia possono riflettere l'esposizione tipica durante determinate attività o in settori specifici o l'esposizione tipica di gruppi definiti di persone. Sarebbe auspicabile che i dati di misurazione fossero attribuiti direttamente ai soggetti dello studio. Ciò renderebbe necessario includere nella documentazione di misurazione informazioni sulle persone che lavorano nel luogo di lavoro interessato durante la misurazione o istituire un registro che consenta tale attribuzione diretta. I dati epidemiologici raccolti a livello individuale sono solitamente preferibili a quelli ottenuti a livello di gruppo.

           

          Di ritorno

          Per comprendere l'entità dei problemi di salute sul lavoro in Cina, il Ministero della sanità pubblica (MOPH) ha organizzato una serie di indagini a livello nazionale, tra cui le seguenti:

          • un'indagine sulle esposizioni professionali a benzene, piombo, mercurio, TNT e organofosfati (1979-81)
          • un'indagine epidemiologica retrospettiva sui tumori professionali nei lavoratori esposti a otto sostanze chimiche (1983-85)
          • un'indagine epidemiologica sulle pneumoconiosi (1952-86)
          • un'indagine sui problemi di salute sul lavoro della piccola industria e le relative strategie di intervento (1984-85, 1990-92).

           

          I risultati di queste indagini sono serviti come base molto importante per la formulazione di politiche e normative nazionali. Allo stesso tempo, il MOPH ha istituito un sistema nazionale di segnalazione della salute sul lavoro. Il rapporto annuale sulla situazione sanitaria sul lavoro nazionale è stato pubblicato dal 1983. I dati vengono compilati e analizzati dal Centro nazionale di segnalazione della salute sul lavoro (NCOHR) e quindi comunicati al MOPH. Esistono uffici di segnalazione locali negli istituti di medicina del lavoro (OHI) o nelle stazioni sanitarie per la prevenzione delle epidemie (HEPS) a tutti i livelli dalla contea alla provincia. La segnalazione segue annualmente una procedura "dal basso verso l'alto", ma, se si è verificato un incidente di avvelenamento acuto che ha comportato tre o più casi di avvelenamento o un decesso, deve essere segnalato all'OHI locale e anche direttamente al MOPH entro 24 ore da le istituzioni mediche di contatto primario. Le informazioni che devono essere comunicate ogni anno comprendono: i nuovi casi registrati di malattie professionali risarcibili, i risultati degli esami sanitari dei lavoratori e il monitoraggio degli ambienti di lavoro (MOPH 1991). La Cina sta attualmente promuovendo l'informatizzazione del sistema di segnalazione e della sua rete informatica. Attualmente si estende dalla sede nazionale alle sedi provinciali.

           

          Di ritorno

          " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

          Contenuti