Mercoledì, Febbraio 16 2011 18: 06

Depressione

Vota questo gioco
(0 voti )

La depressione è un argomento di enorme importanza nell'area della salute mentale sul posto di lavoro, non solo in termini di impatto che la depressione può avere sul posto di lavoro, ma anche per il ruolo che il posto di lavoro può svolgere come agente eziologico del disturbo.

In uno studio del 1990, Greenberg et al. (1993a) stimarono che il peso economico della depressione negli Stati Uniti quell'anno fosse di circa 43.7 miliardi di dollari. Di quel totale, il 28% era attribuibile ai costi diretti delle cure mediche, ma il 55% derivava da una combinazione di assenteismo e diminuzione della produttività sul lavoro. In un altro articolo, gli stessi autori (1993b) notano:

“due caratteristiche distintive della depressione sono che è altamente curabile e non ampiamente riconosciuta. Il NIMH ha notato che tra l'80% e il 90% degli individui che soffrono di un disturbo depressivo maggiore possono essere curati con successo, ma che solo uno su tre con la malattia cerca mai un trattamento... A differenza di altre malattie, una quota molto ampia del totale i costi della depressione ricadono sui datori di lavoro. Ciò suggerisce che i datori di lavoro come gruppo potrebbero avere un particolare incentivo a investire in programmi che potrebbero ridurre i costi associati a questa malattia”.

Eventi

Tutti si sentono tristi o "depressi" di tanto in tanto, ma un grave episodio depressivo, secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 4a edizione (DSM IV) (American Psychiatric Association 1994), richiede che siano soddisfatti diversi criteri. Una descrizione completa di questi criteri va oltre lo scopo di questo articolo, ma parti del criterio A, che descrive i sintomi, possono dare un'idea di come sia una vera depressione maggiore:

A. Cinque (o più) dei seguenti sintomi sono stati presenti durante lo stesso periodo di 2 settimane e rappresentano un cambiamento rispetto al funzionamento precedente; almeno uno dei sintomi è il numero 1 o 2.

  1. umore depresso per gran parte della giornata, quasi ogni giorno
  2. interesse o piacere marcatamente diminuito in tutte, o quasi, le attività per la maggior parte della giornata, quasi ogni giorno
  3. significativa perdita di peso quando non si è a dieta o aumento di peso, o diminuzione o aumento dell'appetito quasi ogni giorno
  4. insonnia o ipersonnia quasi ogni giorno
  5. agitazione o ritardo psicomotorio quasi ogni giorno
  6. affaticamento o perdita di energia quasi ogni giorno
  7. sentimenti di inutilità o di colpa eccessivi o inappropriati quasi ogni giorno
  8. ridotta capacità di pensare o concentrarsi, o indecisione quasi ogni giorno
  9. ricorrenti pensieri di morte, ricorrenti idee suicide, con o senza un piano, o un tentativo di suicidio.

 

Oltre a dare un'idea del disagio sofferto da una persona depressa, una revisione di questi criteri mostra anche i molti modi in cui la depressione può avere un impatto negativo sul posto di lavoro. È anche importante notare l'ampia variazione dei sintomi. Una persona depressa può presentarsi a malapena in grado di muoversi per alzarsi dal letto, mentre altri possono essere così ansiosi da riuscire a malapena a stare fermi e descriversi come striscianti fuori dalla loro pelle o impazziti. A volte più dolori fisici e dolori senza una spiegazione medica possono essere un accenno di depressione.

Prevalenza

Il seguente passaggio da Salute mentale sul posto di lavoro (Kahn 1993) descrive la pervasività (e l'aumento) della depressione sul posto di lavoro:

“La depressione… è uno dei problemi di salute mentale più comuni sul posto di lavoro. Recenti ricerche... suggeriscono che nei paesi industrializzati l'incidenza della depressione è aumentata ad ogni decennio dal 1910, e l'età in cui è probabile che qualcuno diventi depresso è diminuita ad ogni generazione nata dopo il 1940. Le malattie depressive sono comuni e gravi, prendendo un tremendo tributo sia ai lavoratori che al posto di lavoro. Due lavoratori su dieci possono aspettarsi una depressione durante la loro vita, e le donne hanno una probabilità e mezzo in più rispetto agli uomini di diventare depresse. Un lavoratore su dieci svilupperà una depressione clinica abbastanza grave da richiedere una pausa dal lavoro.

Pertanto, oltre agli aspetti qualitativi della depressione, gli aspetti quantitativi/epidemiologici della malattia ne fanno una delle principali preoccupazioni sul posto di lavoro.

Malattie correlate

Il disturbo depressivo maggiore è solo una di una serie di malattie strettamente correlate, tutte sotto la categoria dei "disturbi dell'umore". Il più noto di questi è la malattia bipolare (o "maniaco-depressiva"), in cui il paziente ha periodi alternati di depressione e mania, che includono una sensazione di euforia, un ridotto bisogno di sonno, energia eccessiva e linguaggio rapido, e può progredire in irritabilità e paranoia.

Esistono diverse versioni del disturbo bipolare, a seconda della frequenza e della gravità degli episodi depressivi e maniacali, della presenza o assenza di caratteristiche psicotiche (deliri, allucinazioni) e così via. Allo stesso modo, ci sono diverse variazioni sul tema della depressione, a seconda della gravità, della presenza o assenza di psicosi e dei tipi di sintomo più evidenti. Ancora una volta, va oltre lo scopo di questo articolo delineare tutto ciò, ma il lettore è nuovamente rimandato al DSM IV per un elenco completo di tutte le diverse forme di disturbo dell'umore.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale della depressione maggiore coinvolge tre aree principali: altri disturbi medici, altri disturbi psichiatrici e sintomi indotti da farmaci.

Altrettanto importante del fatto che molti pazienti con depressione si presentino per la prima volta ai loro medici generici con disturbi fisici è il fatto che molti pazienti che inizialmente si presentano a un medico di salute mentale con disturbi depressivi possono avere una malattia medica non diagnosticata che causa i sintomi. Alcune delle malattie più comuni che causano sintomi depressivi sono endocrine (ormonali), come ipotiroidismo, problemi surrenali o cambiamenti legati alla gravidanza o al ciclo mestruale. In particolare nei pazienti più anziani, le malattie neurologiche, come la demenza, l'ictus o il morbo di Parkinson, diventano più importanti nella diagnosi differenziale. Altre malattie che possono presentarsi con sintomi depressivi sono la mononucleosi, l'AIDS, la sindrome da affaticamento cronico e alcuni tumori e malattie articolari.

Dal punto di vista psichiatrico, i disturbi che condividono molte caratteristiche comuni con la depressione sono i disturbi d'ansia (compresa l'ansia generalizzata, il disturbo di panico e il disturbo da stress post-traumatico), la schizofrenia e l'abuso di droghe e alcol. L'elenco dei farmaci che possono causare sintomi depressivi è piuttosto lungo e comprende antidolorifici, alcuni antibiotici, molti antipertensivi e farmaci per il cuore, steroidi e agenti ormonali.

Per ulteriori dettagli su tutte e tre le aree della diagnosi differenziale della depressione, si rimanda il lettore a Kaplan e Sadock Sinossi di psichiatria (1994), o il più dettagliato Manuale completo di Psichiatria (Kaplan e Sadock 1995).

Eziologie del posto di lavoro

Molto può essere trovato altrove in questo Enciclopedia per quanto riguarda lo stress sul posto di lavoro, ma ciò che è importante in questo articolo è il modo in cui alcuni aspetti dello stress possono portare alla depressione. Ci sono molte scuole di pensiero sull'eziologia della depressione, comprese quelle biologiche, genetiche e psicosociali. È nel regno psicosociale che si possono trovare molti fattori relativi al posto di lavoro.

Problemi di perdita o minaccia di perdita possono portare alla depressione e, nel clima odierno di ridimensionamento, fusioni e mutevoli descrizioni delle mansioni, sono problemi comuni nell'ambiente di lavoro. Un altro risultato del cambiamento frequente delle mansioni lavorative e della costante introduzione di nuove tecnologie è quello di lasciare i lavoratori incompetenti o inadeguati. Secondo la teoria psicodinamica, con l'aumentare del divario tra l'attuale immagine di sé e il "sé ideale", ne consegue la depressione.

Un modello sperimentale animale noto come "impotenza appresa" può anche essere utilizzato per spiegare il legame ideologico tra ambienti di lavoro stressanti e depressione. In questi esperimenti, gli animali sono stati esposti a scosse elettriche da cui non potevano sfuggire. Quando hanno appreso che nessuna delle azioni che hanno intrapreso ha avuto alcun effetto sul loro destino finale, hanno mostrato comportamenti sempre più passivi e depressivi. Non è difficile estrapolare questo modello al posto di lavoro di oggi, dove così tanti sentono una quantità nettamente inferiore di controllo sia sulle loro attività quotidiane che sui piani a lungo termine.

Trattamento

Alla luce del legame eziologico del posto di lavoro con la depressione sopra descritto, un utile modo di guardare al trattamento della depressione sul posto di lavoro è il modello primario, secondario e terziario di prevenzione. La prevenzione primaria, o il tentativo di eliminare la causa principale del problema, comporta la realizzazione di cambiamenti organizzativi fondamentali per migliorare alcuni dei fattori di stress sopra descritti. La prevenzione secondaria, o il tentativo di "immunizzare" l'individuo dal contrarre la malattia, includerebbe interventi come la formazione sulla gestione dello stress e cambiamenti nello stile di vita. La prevenzione terziaria, ovvero l'aiuto al recupero della salute dell'individuo, comprende sia il trattamento psicoterapeutico che quello psicofarmacologico.

C'è una gamma crescente di approcci psicoterapeutici a disposizione del clinico oggi. Le terapie psicodinamiche guardano alle lotte e ai conflitti del paziente in un formato vagamente strutturato che consente l'esplorazione di qualunque materiale possa emergere in una seduta, per quanto marginale possa inizialmente apparire. Sono state apportate alcune modifiche a questo modello, con limiti fissati in termini di numero di sedute o ampiezza di focus, per creare molte delle nuove forme di terapia breve. La terapia interpersonale si concentra più esclusivamente sui modelli delle relazioni del paziente con gli altri. Una forma di terapia sempre più popolare è la terapia cognitiva, guidata dal precetto “Ciò che pensi è come ti senti”. Qui, in un formato molto strutturato, i “pensieri automatici” del paziente in risposta a determinate situazioni vengono esaminati, interrogati e poi modificati per produrre una risposta emotiva meno disadattativa.

Con la stessa rapidità con cui si sono sviluppate le psicoterapie, l'armamentario psicofarmacologico è probabilmente cresciuto ancora più velocemente. Nei pochi decenni prima degli anni '1990, i farmaci più comunemente usati per trattare la depressione erano i triciclici (imipramina, amitriptilina e nortriptilina sono esempi) e gli inibitori delle monoaminossidasi (Nardil, Marplan e Parnate). Questi farmaci agiscono sui sistemi di neurotrasmettitori ritenuti coinvolti nella depressione, ma influenzano anche molti altri recettori, provocando una serie di effetti collaterali. All'inizio degli anni '1990 sono stati introdotti diversi nuovi farmaci (fluoxetina, sertralina, Paxil, Effexor, fluvoxamina e nefazodone). Questi farmaci hanno goduto di una rapida crescita perché sono "più puliti" (si legano più specificamente ai siti dei neurotrasmettitori correlati alla depressione) e possono quindi trattare efficacemente la depressione causando molti meno effetti collaterali.

In breve

La depressione è estremamente importante nel mondo della salute mentale sul posto di lavoro, sia per l'impatto della depressione sul posto di lavoro, sia per l'impatto del posto di lavoro sulla depressione. È una malattia molto diffusa e molto curabile; ma purtroppo spesso passa inosservato e non curato, con gravi conseguenze sia per l'individuo che per il datore di lavoro. Pertanto, una maggiore individuazione e trattamento della depressione può aiutare a ridurre la sofferenza individuale e le perdite organizzative.

 

Di ritorno

Leggi 5357 volte Ultima modifica Mercoledì, Giugno 15 2011 13: 51
Altro in questa categoria: Ansia legata al lavoro »

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sulla salute mentale

Associazione psichiatrica americana (APA). 1980. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM III). 3a edizione. Washington, DC: APA Press.

—. 1994. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM IV). 4a edizione. Washington, DC: APA Press.

Ballenger, J. 1993. La comorbilità e l'eziologia dell'ansia e della depressione. Aggiornamento sulla depressione. Officina Smith-Kline Beecham. Marina del Rey, California, 4 aprile.

Barchas, JD, JM Stolk, RD Ciaranello e DA Hamberg. 1971. Agenti neuroregolatori e valutazione psicologica. In Advances in Psychological Assessment, a cura di P McReynolds. Palo Alto, California: libri di scienza e comportamento.

Beaton, R, S Murphy, K Pike e M Jarrett. 1995. Fattori dei sintomi di stress nei vigili del fuoco e nei paramedici. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di S Sauter e L Murphy. Washington, DC: APA Press.

Beiser, M, G Bean, D Erickson, K Zhan, WG Iscono e NA Rettore. 1994. Predittori biologici e psicosociali delle prestazioni lavorative a seguito di un primo episodio di psicosi. Am J Psychiatr 151(6):857-863.

Bental, RP. 1990. L'illusione o la realtà: una revisione e integrazione della ricerca psicologica sulle allucinazioni. Psychol Bull 107(1):82-95.

Braverman, M. 1992a. Intervento di crisi post-trauma sul posto di lavoro. In Stress and Well-Being at Work: Assessments and Interventions for Occupational Mental Health, a cura di JC Quick, LR Murphy e JJ Hurrell. Washington, DC: APA Press.

—. 1992 b. Un modello di intervento per la riduzione dello stress legato ai traumi sul lavoro. Cond Lavoro Dig 11(2).

—. 1993a. Prevenire le perdite legate allo stress: gestire le conseguenze psicologiche degli infortuni sul lavoro. Compens Benefits Manage 9(2) (Primavera).

—. 1993 b. Affrontare il trauma sul posto di lavoro. Compens Benefits Manage 9(2) (Primavera).

Brodskij, CM. 1984. Stress da lavoro a lungo termine. Psicomatica 25 (5): 361-368.

Buono, A e J Bowditch. 1989. Il lato umano di fusioni e acquisizioni. San Francisco: Jossey-Bass.

Charney, EA e MW Weissman. 1988. Epidemiologia delle sindromi depressive e maniacali. In Depression and Mania, a cura di A Georgotas e R Cancro. New York: Elsevier.

Comer, NL, L Madow e JJ Dixon. 1967. Osservazione della deprivazione sensoriale in una situazione di pericolo di vita. Am J Psychiatr 124:164-169.

Cooper, C e R Payne. 1992. Prospettive internazionali sulla ricerca sul lavoro, il benessere e la gestione dello stress. In Stress and Well-Being at Work, a cura di J Quick, L Murphy e J Hurrell. Washington, DC: APA Press.

Dartigues, JF, M Gagnon, L Letenneur, P Barberger-Gateau, D Commenges, M Evaldre e R Salamon. 1991. Principale occupazione a vita e deterioramento cognitivo in una coorte di anziani francesi (Paquid). Am J Epidemiol 135:981-988.

Deutschmann, C. 1991. La sindrome dell'ape operaia in Giappone: un'analisi delle pratiche dell'orario di lavoro. In Working Time in Transition: The Political Economy of Working Hours in Industrial Nations, a cura di K Hinrichs, W Roche e C Sirianni. Filadelfia: Temple Univ. Premere.

DeWolf, CJ. 1986. Problemi metodologici negli studi sullo stress. In The Psychology of Work and Organizations, a cura di G Debus e HW Schroiff. Olanda Settentrionale: Elsevier Science.

Drinkwater, J. 1992. Morte per superlavoro. Lancetta 340: 598.

Eaton, WW, JC Anthony, W Mandel e R Garrison. 1990. Occupazioni e prevalenza del disturbo depressivo maggiore. J Occup Med 32(111):1079-1087.

Entin, AD. 1994. Il posto di lavoro come famiglia, la famiglia come posto di lavoro. Documento inedito presentato all'American Psychological Association, Los Angeles, California.

Eysenck, HJ. 1982. La definizione e la misurazione dello psicoticismo. Personalità Indiv Diff 13(7):757-785.

Farmer, ME, SJ Kittner, DS Rae, JJ Bartko e DA Regier. 1995. Educazione e cambiamento nella funzione cognitiva. Lo studio epidemiologico del bacino di utenza. Ann Epidemiol 5:1-7.

Freudenberger, HJ. 1975. La sindrome del burn-out del personale nelle istituzioni alternative. Teoria Psicoterica, Res Pract 12:1.

—. 1984a. Burnout e insoddisfazione lavorativa: impatto sulla famiglia. In Perspectives on Work and Family, a cura di JC Hammer e SH Cramer. Rockville, Maryland: Aspen.

—. 1984b. Abuso di sostanze sul posto di lavoro. Cont Drug Prob 11(2):245.

Freudenberger, HJ e G Nord. 1986. Burnout delle donne: come individuarlo, come invertirlo e come prevenirlo. New York: libri dei pinguini.

Freudenberger, HJ e G. Richelson. 1981. Burnout: come battere l'alto costo del successo. New York: libri Bantam.

Friedman, M e RH Rosenman. 1959. Associazione di specifici modelli di comportamento palese con reperti ematici e cardiovascolari. J Am Med Assoc 169:1286-1296.

Greenberg, PE, LE Stiglin, SN Finkelstein e ER Berndt. 1993a. L'onere economico della depressione nel 1990. J Clin Psychiatry 54(11):405-418.

—. 1993 b. Depressione: una grave malattia trascurata. J Clin Psychiatry 54(11):419-424.

Gründemann, RWM, ID Nijboer e AJM Schellart. 1991. Il legame con il lavoro dell'abbandono del lavoro per motivi medici. Den Haag: Ministero degli affari sociali e del lavoro.

Hayano, J, S Takeuchi, S Yoshida, S Jozuka, N Mishima e T Fujinami. 1989. Modello di comportamento di tipo A nei dipendenti giapponesi: confronto interculturale dei principali fattori nelle risposte al Jenkins Activity Survey (JAS). J Behav Med 12(3):219-231.

Himmerstein, JS e GS Pransky. 1988. Medicina del lavoro: idoneità dei lavoratori e valutazioni dei rischi. vol. 3. Filadelfia: Hanley e Belfus.

Hines, LL, TW Durham e GR Geoghegan. 1991. Lavoro e concetto di sé: lo sviluppo di una scala. J Soc Behav Personal 6:815-832.

Hobfoll, NOI. 1988. L'ecologia dello stress. New York: Emisfero.

Olanda, JL. 1973. Fare scelte professionali: una teoria delle carriere. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Houtman, ILD e MAJ Kompier. 1995. Fattori di rischio e gruppi di rischio professionale per lo stress da lavoro nei Paesi Bassi. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di SL Sauter e LR Murphy. Washington, DC: APA Press.

Houtman, I, A Goudswaard, S Dhondt, M van der Grinten, V Hildebrandt e M Kompier. 1995.
Valutazione del Monitor sullo Stress e sul Carico Fisico. L'Aia: VUGA.

Iniziativa per il capitale umano (HCI). 1992. Cambiare natura del lavoro. Numero speciale dell'osservatore APS.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1995. Rapporto mondiale sul lavoro. N. 8. Ginevra: OIL.

Jeffreys, J. 1995. Affrontare il cambiamento del posto di lavoro: affrontare la perdita e il dolore. Menlo Park, California: croccante.

Jorgensen, P. 1987. Corso sociale ed esito della psicosi delirante. Acta Psychiatr Scand 75:629-634.

Kahn, JP. 1993. Salute mentale sul posto di lavoro - Una guida psichiatrica pratica. New York: Van Nostrand Reinhold.

Kaplan, HI e BJ Sadock. 1994. Sinossi di Psichiatria—Psichiatria clinica delle scienze comportamentali. Baltimora: Williams & Wilkins.

Kaplan, HI e BJ Sadock. 1995. Libro di testo completo di psichiatria. Baltimora: Williams & Wilkins.

Karasek, R. 1979. Richieste di lavoro, latitudine decisionale sul lavoro e tensione mentale: implicazioni per la riprogettazione del lavoro. Adm Sci Q 24:285-307.

Karasek, R e T Theorell. 1990. Lavoro sano. Londra: opere di base.
Katon, W, A Kleinman e G Rosen. 1982. Depressione e somatizzazione: una rassegna. Am J Med 72:241-247.

Kobasa, S, S Maddi e S Kahn. 1982. Robustezza e salute: uno studio prospettico. J Personal Soc Psychol 45:839-850.

Kompier, M, E de Gier, P Smulders e D Draaisma. 1994. Regolamenti, politiche e pratiche in materia di stress da lavoro in cinque paesi europei. Stress da lavoro 8(4):296-318.

Krumboltz, JD. 1971. Corredi di esperienza di lavoro. Chicago: Associati di ricerca scientifica.

Kuhnert, K ​​e R Vance. 1992. Il precariato e moderatori del rapporto tra precariato e adattamento del lavoratore. In Stress and Well-Being at Work, a cura di J Quick, L Murphy e J Hurrell Jr. Washington, DC: APA Press.

Labig, CE. 1995. Prevenire la violenza sul posto di lavoro. New York: AMACON.

Lazzaro, RS. 1991. Lo stress psicologico sul posto di lavoro. J Soc Behav Personal 6(7):114.

Lemen, R. 1995. Saluti di benvenuto e di apertura. Presentato alla conferenza Lavoro, stress e salute '95: creazione di luoghi di lavoro più sani, 15 settembre 1995, Washington, DC.

Levi, L, M Frandenhaeuser, e B Gardell. 1986. Le caratteristiche del posto di lavoro e la natura delle sue esigenze sociali. In Occupational Stress: Health and Performance at Work, a cura di SG Wolf e AJ Finestone. Littleton, Massa: PSG.

Link, BP, PB Dohrenwend e AE Skodol. 1986. Stato socio-economico e schizofrenia: caratteristiche occupazionali rumorose come fattore di rischio. Am Soc Rev 51 (aprile):242-258.

Link, BG e A Stueve. 1994. Sintomi psicotici e comportamento violento/illegale dei pazienti mentali rispetto ai controlli della comunità. In Violence and Mental Disorders: Development in Risk Assessment, a cura di J Mohnhan e HJ Steadman. Chicago, Illinois: Univ. di Chicago.

Basso, RL. 1993. Consulenza e psicoterapia delle disfunzioni lavorative. Washington, DC: APA Press.

MacLean, AA. 1986. Kit di sopravvivenza ad alta tecnologia: gestire lo stress. New York: John Wiley & Figli.

Mandler, G. 1993. Pensiero, memoria e apprendimento: effetti dello stress emotivo. In Handbook of Stress: Theoretical and Clinical Aspects, a cura di L Goldberger e S Breznitz. New York: Stampa libera.

Margolis, BK e WH Kroes. 1974. Stress e tensione sul lavoro. In Occupational Stress, a cura di A McLean. Springfield, Ill: Charles C. Thomas.

Massel, HK, RP Liberman, J Mintz, HE Jacobs, RV Rush, CA Giannini e R Zarate. 1990. Valutare la capacità di lavoro dei malati di mente. Psichiatria 53:31-43.

McGrath, J.E. 1976. Stress e comportamento nelle organizzazioni. In Handbook of Industrial and Organizational Psychology, a cura di MD Dunnette. Chicago: Rand McNally College.

McIntosh, N. 1995. Lavoro esilarante: un antidoto per il lavoro pericoloso. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di S Sauter e L Murphy. Washington, DC: APA Press.

Mishima, N, S Nagata, T Haratani, N Nawakami, S Araki, J Hurrell, S Sauter e N Swanson. 1995. Salute mentale e stress professionale dei dipendenti del governo locale giapponese. Presentato a Lavoro, stress e salute '95: creazione di luoghi di lavoro più sani, 15 settembre 1995, Washington, DC.

Mitchell, J e G Bray. 1990. Sforzo di servizio di emergenza. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Monou, H. 1992. Modello di comportamento incline alle coronarie in Giappone. In Behavioral Medicine: An Integrated Biobehavioral Approach to Health and Illness, a cura di S Araki. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Muntaner, C, A Tien, WW Eaton e R Garrison. 1991. Caratteristiche occupazionali e insorgenza di disturbi psicotici. Psichiatria sociale Epidemia psichiatrica 26:273-280.

Muntaner, C, AE Pulver, J McGrath e WW Eaton. 1993. Ambiente di lavoro e schizofrenia: un'estensione dell'ipotesi dell'eccitazione all'autoselezione professionale. Psichiatria sociale Epidemia psichiatrica 28:231-238.

Consiglio di difesa nazionale per le vittime di Karoshi. 1990. Karōshi. Tokio: Mado Sha.
Neff, W.S. 1968. Lavoro e comportamento umano. New York: Altherton.

Vita nazionale nordoccidentale. 1991. Burnout dei dipendenti: la più recente epidemia americana. Risultati del sondaggio. Minneapolis, Minnesota: vita nazionale nordoccidentale.

O'Leary, L. 1993. Salute mentale sul lavoro. Occupare la salute Ap 45:23-26.

Quick, JC, LR Murphy, JJ Hurrell e D'Orman. 1992. Il valore del lavoro, il rischio del disagio e il potere della prevenzione. In Stress and Well-Being: Assessment and Interventions for Occupational Mental Health, a cura di JC Quick, LR Murphy e JJ Hurrell. Washington, DC: APA Press.

Rabkin, J.G. 1993. Stress e disturbi psichiatrici. In Handbook of Stress: Theoretical and Clinical Aspects, a cura di L Goldberger e S Breznitz. New York: Stampa libera.

Robins, LN, JE Heltzer, J Croughan, JBW Williams e RE Spitzer. 1981. Programma di interviste diagnostiche NIMH: versione III. Relazione finale sul contratto n. 278-79-00 17DB e assegno Ufficio Ricerca n. 33583. Rockville, Md: Dipartimento della salute e dei servizi umani.

Rosch, P e K Pelletier. 1987. Progettazione di programmi di gestione dello stress sul posto di lavoro. In Stress Management in Work Settings, a cura di L Murphy e T Schoenborn. Rockville, Md: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Ross, DS. 1989. La salute mentale sul lavoro. Occupare Salute Sicurezza 19(3):12.

Sauter, SL, LR Murphy e JJ Hurrell. 1992. Prevenzione dei disturbi psicologici legati al lavoro: una strategia nazionale proposta dall'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). In Work and Well-Being: An Agenda for 1990's, a cura di SL Sauter e G Puryear Keita. Washington, DC: APA Press.

Shellenberger, S, SS Hoffman e R Gerson. 1994. Gli psicologi e il mutamento del sistema famiglia-lavoro. Documento inedito presentato all'American Psychological Association, Los Angeles, California.

Shima, S, H Hiro, M Arai, T Tsunoda, T Shimomitsu, O Fujita, L Kurabayashi, A Fujinawa e M Kato. 1995. Stile di gestione dello stress e salute mentale sul posto di lavoro. Presentato a Lavoro, stress e salute '95: creazione di luoghi di lavoro più sani, 15 settembre 1995, Washington, DC.

Smith, M, D Carayon, K Sanders, S Lim e D LeGrande. 1992. Stress dei dipendenti e reclami sulla salute nei lavori con e senza monitoraggio elettronico delle prestazioni. Appl Ergon 23:17-27.

Srivastava, Ak. 1989. Effetto moderatore dell'attualizzazione del sé n sulla relazione tra stress di ruolo e ansia da lavoro. Psychol Stud 34:106-109.

Sternbach, D. 1995. Musicisti: una popolazione lavoratrice trascurata in crisi. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di S Sauter e L Murphy. Washington, DC: APA Press.

Stiles, D. 1994. Operatori di terminali video. I fattori di stress biopsicosociali della tecnologia. J Am Assoc Occup Health Nurses 42:541-547.

Sutherland, VJ e CL Cooper. 1988. Fonti di stress da lavoro. In Occupational Stress: Issues and Development in Research, a cura di JJ Hurrell Jr, LR Murphy, SL Sauter e CL Cooper. New York: Taylor e Francesco.

Uehata, T. 1978. Uno studio sulla morte per superlavoro. (I) Considerazioni su 17 casi. Sangyo Igaku (Jap J Ind Salute) 20:479.

—. 1989. Uno studio di Karoshi nel campo della medicina del lavoro. Bull Soc Med 8:35-50.

—. 1991a. Lunghi orari di lavoro e attacchi cardiovascolari legati allo stress professionale tra i lavoratori di mezza età in Giappone. J Hum Ergol 20(2):147-153.

—. 1991b. Karoshi a causa di lesioni cardiovascolari legate allo stress professionale tra i lavoratori di mezza età in Giappone. J Sci Lavoro 67(1):20-28.

Warr, P. 1978. Lavoro e benessere. New York: Pinguino.

—. 1994. Un quadro concettuale per lo studio del lavoro e della salute mentale. Stress da lavoro 8(2):84-97.
Wells, E.A. 1983. Allucinazioni associate a reazioni di lutto patologico. J Psychiat Treat Eval 5: 259-261.

Wilke, HJ. 1977. Il complesso autoritario e la personalità autoritaria. J Anal Psychol 22:243-249.

Yates, J.E. 1989. Gestione dello stress. New York: AMACON.

Yodofsky, S, RE Hales e T Fergusen. 1991. Cosa c'è da sapere sugli psicofarmaci. New York: Boschetto Weidenfeld.

Zachary, G e B Ortega. 1993. Age of Angst—Le rivoluzioni sul posto di lavoro aumentano la produttività a scapito della sicurezza del posto di lavoro. Wall Street J, 10 marzo.