Mercoledì, Febbraio 16 2011 18: 07

Ansia legata al lavoro

Vota questo gioco
(0 voti )

I disturbi d'ansia così come la paura, la preoccupazione e l'apprensione subcliniche e i disturbi correlati allo stress come l'insonnia sembrano essere pervasivi e sempre più diffusi nei luoghi di lavoro negli anni '1990, tanto che, in effetti, il Wall Street Journal ha definito gli anni '1990 come l'"Age of Angst" legata al lavoro (Zachary e Ortega 1993). Il ridimensionamento aziendale, le minacce ai benefici esistenti, i licenziamenti, le voci di imminenti licenziamenti, la concorrenza globale, l'obsolescenza delle competenze e la "dequalificazione", la ristrutturazione, la reingegnerizzazione, le acquisizioni, le fusioni e simili fonti di turbolenze organizzative hanno tutte tendenze recenti che hanno eroso il senso di sicurezza del lavoro dei lavoratori e hanno contribuito a una palpabile, ma difficile da misurare con precisione, “l'ansia legata al lavoro” (Buono e Bowditch 1989). Sebbene sembrino esserci alcune differenze individuali e variabili del moderatore situazionale, Kuhnert e Vance (1992) hanno riferito che sia i colletti blu che i colletti bianchi che hanno riportato più "insicurezza del lavoro" hanno indicato significativamente più ansia e sintomi ossessivo-compulsivi su un psichiatrico lista di controllo. Per gran parte degli anni '1980 e accelerando fino agli anni '1990, il panorama organizzativo transitorio del mercato statunitense (o "acqua bianca permanente", come è stato descritto) ha indubbiamente contribuito a questa epidemia di disturbi da stress correlato al lavoro, tra cui, ad esempio, disturbi d'ansia (Jeffreys 1995; Northwestern National Life 1991).

I problemi dello stress professionale e dei disturbi psicologici legati al lavoro sembrano essere di natura globale, ma c'è una carenza di statistiche al di fuori degli Stati Uniti che ne documentino la natura e l'estensione (Cooper e Payne 1992). I dati internazionali disponibili, per lo più provenienti dai paesi europei, sembrano confermare effetti negativi sulla salute mentale dell'insicurezza del lavoro e dell'occupazione ad alto stress sui lavoratori simili a quelli osservati nei lavoratori statunitensi (Karasek e Theorell 1990). Tuttavia, a causa del vero e proprio stigma associato ai disturbi mentali nella maggior parte degli altri paesi e culture, molti, se non la maggior parte, dei sintomi psicologici, come l'ansia, legati al lavoro (al di fuori degli Stati Uniti) non vengono segnalati, rilevati e trattati (Cooper e Payne 1992). In alcune culture, questi disturbi psicologici sono somatizzati e manifestati come sintomi fisici “più accettabili” (Katon, Kleinman e Rosen 1982). Uno studio sui lavoratori del governo giapponese ha identificato i fattori di stress occupazionale come il carico di lavoro e il conflitto di ruolo come correlati significativi della salute mentale in questi lavoratori giapponesi (Mishima et al. 1995). Sono necessari ulteriori studi di questo tipo per documentare l'impatto dei fattori di stress psicosociali sul lavoro sulla salute mentale dei lavoratori in Asia, così come nei paesi in via di sviluppo e post-comunisti.

Definizione e diagnosi dei disturbi d'ansia

I disturbi d'ansia sono evidentemente tra i più diffusi problemi di salute mentale che affliggono, in qualsiasi momento, forse dal 7 al 15% della popolazione adulta degli Stati Uniti (Robins et al. 1981). I disturbi d'ansia sono una famiglia di condizioni di salute mentale che includono agorafobia (o, genericamente, "costrizione in casa"), fobie (paure irrazionali), disturbo ossessivo-compulsivo, attacchi di panico e ansia generalizzata. Secondo l'American Psychiatric Association Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 4a edizione (DSM IV), i sintomi di un disturbo d'ansia generalizzato includono sentimenti di "irrequietezza o sentirsi agitati o nervosi", affaticamento, difficoltà di concentrazione, tensione muscolare eccessiva e sonno disturbato (American Psychiatric Association 1994). Un disturbo ossessivo-compulsivo è definito come pensieri persistenti o comportamenti ripetitivi che sono eccessivi/irragionevoli, causano disagio marcato, richiedono tempo e possono interferire con il funzionamento di una persona. Inoltre, secondo il DSM IV, gli attacchi di panico, definiti come brevi periodi di intensa paura o disagio, non sono in realtà disturbi di per sé, ma possono verificarsi in combinazione con altri disturbi d'ansia. Tecnicamente, la diagnosi di un disturbo d'ansia può essere fatta solo da un professionista della salute mentale qualificato utilizzando criteri diagnostici accettati.

Fattori di rischio occupazionale per i disturbi d'ansia

C'è una scarsità di dati riguardanti l'incidenza e la prevalenza dei disturbi d'ansia sul posto di lavoro. Inoltre, poiché l'eziologia della maggior parte dei disturbi d'ansia è multifattoriale, non si può escludere il contributo di fattori individuali genetici, evolutivi e non lavorativi nella genesi delle condizioni d'ansia. Sembra probabile che sia l'organizzazione lavorativa che i fattori di rischio individuali interagiscano e che questa interazione determini l'insorgenza, la progressione e il decorso dei disturbi d'ansia.

Il termine ansia da lavoro implica che ci sono condizioni di lavoro, compiti e richieste, e/o relativi fattori di stress occupazionale che sono associati all'insorgenza di stati di ansia acuti e/o cronici o manifestazioni di ansia. Questi fattori possono includere un carico di lavoro eccessivo, il ritmo del lavoro, le scadenze e una percepita mancanza di controllo personale. Il modello di controllo della domanda prevede che i lavoratori in occupazioni che offrono scarso controllo personale ed espongono i dipendenti a livelli elevati di domanda psicologica sarebbero a rischio di esiti avversi per la salute, compresi i disturbi d'ansia (Karasek e Theorell 1990). Uno studio sul consumo di pillole (principalmente tranquillanti) riportato per i dipendenti maschi svedesi in occupazioni ad alto stress ha confermato questa previsione (Karasek 1979). Certamente, l'evidenza di un'aumentata prevalenza della depressione in alcune occupazioni ad alto stress negli Stati Uniti è ora convincente (Eaton et al. 1990). Studi epidemiologici più recenti, oltre a modelli teorici e biochimici di ansia e depressione, hanno collegato questi disturbi non solo identificando la loro comorbilità (dal 40 al 60%), ma anche in termini di elementi comuni più fondamentali (Ballenger 1993). Quindi il Enciclopedia Il capitolo sui fattori lavorativi associati alla depressione può fornire indizi pertinenti sui fattori di rischio occupazionali e individuali associati anche ai disturbi d'ansia. Oltre ai fattori di rischio associati al lavoro ad alta tensione, sono state identificate una serie di altre variabili sul posto di lavoro che contribuiscono al disagio psicologico dei dipendenti, inclusa una maggiore prevalenza di disturbi d'ansia, che sono brevemente riassunte di seguito.

Anche gli individui impiegati in settori di lavoro pericolosi, come le forze dell'ordine e i vigili del fuoco, caratterizzati dalla probabilità che un lavoratore sia esposto a un agente pericoloso o ad attività dannose, sembrerebbero essere a rischio di stati di disagio psicologico intensificati e più diffusi, compresa l'ansia. Tuttavia, ci sono alcune prove che i singoli lavoratori in occupazioni così pericolose che considerano il loro lavoro come "esilarante" (anziché pericoloso) possono farcela meglio in termini di risposte emotive al lavoro (McIntosh 1995). Tuttavia, un'analisi della sintomatologia dello stress in un ampio gruppo di vigili del fuoco professionisti e paramedici ha identificato una caratteristica centrale dell'apprensione o del terrore percepiti. Questo "percorso di stress da ansia" includeva rapporti soggettivi di "essere agitati e nervosi" e "essere a disagio e apprensivi". Questi e simili disturbi legati all'ansia erano significativamente più diffusi e frequenti nel gruppo dei vigili del fuoco/paramedici rispetto a un campione di confronto della comunità maschile (Beaton et al. 1995).

Un'altra popolazione di lavoratori evidentemente a rischio di sperimentare livelli di ansia elevati e talvolta debilitanti sono i musicisti professionisti. I musicisti professionisti e il loro lavoro sono esposti a un attento esame da parte dei loro supervisori; devono esibirsi davanti al pubblico e devono far fronte all'ansia da prestazione e pre-prestazione o "paura del palcoscenico"; e ci si aspetta (dagli altri così come da loro stessi) che producano “performance note perfette” (Sternbach 1995). Altri gruppi professionali, come artisti teatrali e persino insegnanti che danno spettacoli pubblici, possono avere sintomi di ansia acuta e cronica legati al loro lavoro, ma sono stati raccolti pochissimi dati sull'effettiva prevalenza o significato di tali disturbi d'ansia professionale.

Un'altra classe di ansia legata al lavoro per la quale abbiamo pochi dati è quella dei "computer phobics", persone che hanno risposto con ansia all'avvento della tecnologia informatica (Stiles 1994). Anche se ogni generazione di software per computer è probabilmente più "user-friendly", molti lavoratori sono a disagio, mentre altri lavoratori sono letteralmente presi dal panico dalle sfide del "techno-stress". Alcuni temono il fallimento personale e professionale associato alla loro incapacità di acquisire le competenze necessarie per far fronte a ogni successiva generazione di tecnologia. Infine, è dimostrato che i dipendenti sottoposti a monitoraggio elettronico delle prestazioni percepiscono il proprio lavoro come più stressante e riportano più sintomi psicologici, inclusa l'ansia, rispetto ai lavoratori non monitorati (Smith et al. 1992).

Interazione dei fattori di rischio individuali e professionali per l'ansia

È probabile che i fattori di rischio individuali interagiscano con e possano potenziare i fattori di rischio organizzativi sopra citati all'inizio, alla progressione e al decorso dei disturbi d'ansia. Ad esempio, un singolo dipendente con una "personalità di tipo A" può essere più incline all'ansia e ad altri problemi di salute mentale in contesti occupazionali ad alto stress (Shima et al. 1995). Per offrire un esempio più specifico, un paramedico eccessivamente responsabile con una "personalità di salvataggio" può essere più nervoso e ipervigilante mentre è in servizio rispetto a un altro paramedico con un atteggiamento lavorativo più filosofico: "Non puoi salvarli tutti" (Mitchell e Bray 1990). Le variabili della personalità del singolo lavoratore possono anche servire a tamponare potenzialmente i fattori di rischio occupazionale associati. Ad esempio, Kobasa, Maddi e Kahn (1982) hanno riferito che i manager aziendali con "personalità robuste" sembrano maggiormente in grado di far fronte a fattori di stress legati al lavoro in termini di risultati di salute. Pertanto, le variabili dei singoli lavoratori devono essere considerate e valutate nel contesto delle particolari esigenze occupazionali per prevedere il loro probabile impatto interattivo sulla salute mentale di un determinato dipendente.

Prevenzione e rimedio dell'ansia correlata al lavoro

Molte delle tendenze sul posto di lavoro negli Stati Uniti e nel mondo citate all'inizio di questo articolo sembrano destinate a persistere nel prossimo futuro. Queste tendenze sul posto di lavoro avranno un impatto negativo sulla salute psicologica e fisica dei lavoratori. Il miglioramento psicologico del lavoro, in termini di interventi e riprogettazione del posto di lavoro, può scoraggiare e prevenire alcuni di questi effetti negativi. Coerentemente con il modello di controllo della domanda, il benessere dei lavoratori può essere migliorato aumentando il loro margine decisionale, ad esempio progettando e implementando una struttura organizzativa più orizzontale (Karasek e Theorell 1990). Molte delle raccomandazioni formulate dai ricercatori del NIOSH, come migliorare il senso di sicurezza del lavoro dei lavoratori e diminuire l'ambiguità del ruolo lavorativo, se attuate, probabilmente ridurrebbero considerevolmente anche la tensione lavorativa e i disturbi psicologici legati al lavoro, compresi i disturbi d'ansia (Sauter, Murphy e Hurrell 1992).

Oltre ai cambiamenti delle politiche organizzative, il singolo dipendente nel posto di lavoro moderno ha anche la responsabilità personale di gestire il proprio stress e la propria ansia. Alcune strategie di coping comuni ed efficaci impiegate dai lavoratori statunitensi includono la separazione delle attività lavorative e non lavorative, il riposo e l'esercizio sufficienti e il ritmo del lavoro (a meno che, ovviamente, il lavoro non sia regolato dalla macchina). Altre utili alternative cognitivo-comportamentali nell'autogestione e nella prevenzione dei disturbi d'ansia includono tecniche di respirazione profonda, training di rilassamento assistito dal biofeedback e meditazione (Rosch e Pelletier 1987). In alcuni casi possono essere necessari farmaci per trattare un grave disturbo d'ansia. Questi farmaci, compresi gli antidepressivi e altri agenti ansiolitici, sono generalmente disponibili solo su prescrizione medica.

 

Di ritorno

Leggi 7565 volte Ultima modifica sabato 23 luglio 2022 19:22

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sulla salute mentale

Associazione psichiatrica americana (APA). 1980. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM III). 3a edizione. Washington, DC: APA Press.

—. 1994. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM IV). 4a edizione. Washington, DC: APA Press.

Ballenger, J. 1993. La comorbilità e l'eziologia dell'ansia e della depressione. Aggiornamento sulla depressione. Officina Smith-Kline Beecham. Marina del Rey, California, 4 aprile.

Barchas, JD, JM Stolk, RD Ciaranello e DA Hamberg. 1971. Agenti neuroregolatori e valutazione psicologica. In Advances in Psychological Assessment, a cura di P McReynolds. Palo Alto, California: libri di scienza e comportamento.

Beaton, R, S Murphy, K Pike e M Jarrett. 1995. Fattori dei sintomi di stress nei vigili del fuoco e nei paramedici. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di S Sauter e L Murphy. Washington, DC: APA Press.

Beiser, M, G Bean, D Erickson, K Zhan, WG Iscono e NA Rettore. 1994. Predittori biologici e psicosociali delle prestazioni lavorative a seguito di un primo episodio di psicosi. Am J Psychiatr 151(6):857-863.

Bental, RP. 1990. L'illusione o la realtà: una revisione e integrazione della ricerca psicologica sulle allucinazioni. Psychol Bull 107(1):82-95.

Braverman, M. 1992a. Intervento di crisi post-trauma sul posto di lavoro. In Stress and Well-Being at Work: Assessments and Interventions for Occupational Mental Health, a cura di JC Quick, LR Murphy e JJ Hurrell. Washington, DC: APA Press.

—. 1992 b. Un modello di intervento per la riduzione dello stress legato ai traumi sul lavoro. Cond Lavoro Dig 11(2).

—. 1993a. Prevenire le perdite legate allo stress: gestire le conseguenze psicologiche degli infortuni sul lavoro. Compens Benefits Manage 9(2) (Primavera).

—. 1993 b. Affrontare il trauma sul posto di lavoro. Compens Benefits Manage 9(2) (Primavera).

Brodskij, CM. 1984. Stress da lavoro a lungo termine. Psicomatica 25 (5): 361-368.

Buono, A e J Bowditch. 1989. Il lato umano di fusioni e acquisizioni. San Francisco: Jossey-Bass.

Charney, EA e MW Weissman. 1988. Epidemiologia delle sindromi depressive e maniacali. In Depression and Mania, a cura di A Georgotas e R Cancro. New York: Elsevier.

Comer, NL, L Madow e JJ Dixon. 1967. Osservazione della deprivazione sensoriale in una situazione di pericolo di vita. Am J Psychiatr 124:164-169.

Cooper, C e R Payne. 1992. Prospettive internazionali sulla ricerca sul lavoro, il benessere e la gestione dello stress. In Stress and Well-Being at Work, a cura di J Quick, L Murphy e J Hurrell. Washington, DC: APA Press.

Dartigues, JF, M Gagnon, L Letenneur, P Barberger-Gateau, D Commenges, M Evaldre e R Salamon. 1991. Principale occupazione a vita e deterioramento cognitivo in una coorte di anziani francesi (Paquid). Am J Epidemiol 135:981-988.

Deutschmann, C. 1991. La sindrome dell'ape operaia in Giappone: un'analisi delle pratiche dell'orario di lavoro. In Working Time in Transition: The Political Economy of Working Hours in Industrial Nations, a cura di K Hinrichs, W Roche e C Sirianni. Filadelfia: Temple Univ. Premere.

DeWolf, CJ. 1986. Problemi metodologici negli studi sullo stress. In The Psychology of Work and Organizations, a cura di G Debus e HW Schroiff. Olanda Settentrionale: Elsevier Science.

Drinkwater, J. 1992. Morte per superlavoro. Lancetta 340: 598.

Eaton, WW, JC Anthony, W Mandel e R Garrison. 1990. Occupazioni e prevalenza del disturbo depressivo maggiore. J Occup Med 32(111):1079-1087.

Entin, AD. 1994. Il posto di lavoro come famiglia, la famiglia come posto di lavoro. Documento inedito presentato all'American Psychological Association, Los Angeles, California.

Eysenck, HJ. 1982. La definizione e la misurazione dello psicoticismo. Personalità Indiv Diff 13(7):757-785.

Farmer, ME, SJ Kittner, DS Rae, JJ Bartko e DA Regier. 1995. Educazione e cambiamento nella funzione cognitiva. Lo studio epidemiologico del bacino di utenza. Ann Epidemiol 5:1-7.

Freudenberger, HJ. 1975. La sindrome del burn-out del personale nelle istituzioni alternative. Teoria Psicoterica, Res Pract 12:1.

—. 1984a. Burnout e insoddisfazione lavorativa: impatto sulla famiglia. In Perspectives on Work and Family, a cura di JC Hammer e SH Cramer. Rockville, Maryland: Aspen.

—. 1984b. Abuso di sostanze sul posto di lavoro. Cont Drug Prob 11(2):245.

Freudenberger, HJ e G Nord. 1986. Burnout delle donne: come individuarlo, come invertirlo e come prevenirlo. New York: libri dei pinguini.

Freudenberger, HJ e G. Richelson. 1981. Burnout: come battere l'alto costo del successo. New York: libri Bantam.

Friedman, M e RH Rosenman. 1959. Associazione di specifici modelli di comportamento palese con reperti ematici e cardiovascolari. J Am Med Assoc 169:1286-1296.

Greenberg, PE, LE Stiglin, SN Finkelstein e ER Berndt. 1993a. L'onere economico della depressione nel 1990. J Clin Psychiatry 54(11):405-418.

—. 1993 b. Depressione: una grave malattia trascurata. J Clin Psychiatry 54(11):419-424.

Gründemann, RWM, ID Nijboer e AJM Schellart. 1991. Il legame con il lavoro dell'abbandono del lavoro per motivi medici. Den Haag: Ministero degli affari sociali e del lavoro.

Hayano, J, S Takeuchi, S Yoshida, S Jozuka, N Mishima e T Fujinami. 1989. Modello di comportamento di tipo A nei dipendenti giapponesi: confronto interculturale dei principali fattori nelle risposte al Jenkins Activity Survey (JAS). J Behav Med 12(3):219-231.

Himmerstein, JS e GS Pransky. 1988. Medicina del lavoro: idoneità dei lavoratori e valutazioni dei rischi. vol. 3. Filadelfia: Hanley e Belfus.

Hines, LL, TW Durham e GR Geoghegan. 1991. Lavoro e concetto di sé: lo sviluppo di una scala. J Soc Behav Personal 6:815-832.

Hobfoll, NOI. 1988. L'ecologia dello stress. New York: Emisfero.

Olanda, JL. 1973. Fare scelte professionali: una teoria delle carriere. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Houtman, ILD e MAJ Kompier. 1995. Fattori di rischio e gruppi di rischio professionale per lo stress da lavoro nei Paesi Bassi. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di SL Sauter e LR Murphy. Washington, DC: APA Press.

Houtman, I, A Goudswaard, S Dhondt, M van der Grinten, V Hildebrandt e M Kompier. 1995.
Valutazione del Monitor sullo Stress e sul Carico Fisico. L'Aia: VUGA.

Iniziativa per il capitale umano (HCI). 1992. Cambiare natura del lavoro. Numero speciale dell'osservatore APS.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1995. Rapporto mondiale sul lavoro. N. 8. Ginevra: OIL.

Jeffreys, J. 1995. Affrontare il cambiamento del posto di lavoro: affrontare la perdita e il dolore. Menlo Park, California: croccante.

Jorgensen, P. 1987. Corso sociale ed esito della psicosi delirante. Acta Psychiatr Scand 75:629-634.

Kahn, JP. 1993. Salute mentale sul posto di lavoro - Una guida psichiatrica pratica. New York: Van Nostrand Reinhold.

Kaplan, HI e BJ Sadock. 1994. Sinossi di Psichiatria—Psichiatria clinica delle scienze comportamentali. Baltimora: Williams & Wilkins.

Kaplan, HI e BJ Sadock. 1995. Libro di testo completo di psichiatria. Baltimora: Williams & Wilkins.

Karasek, R. 1979. Richieste di lavoro, latitudine decisionale sul lavoro e tensione mentale: implicazioni per la riprogettazione del lavoro. Adm Sci Q 24:285-307.

Karasek, R e T Theorell. 1990. Lavoro sano. Londra: opere di base.
Katon, W, A Kleinman e G Rosen. 1982. Depressione e somatizzazione: una rassegna. Am J Med 72:241-247.

Kobasa, S, S Maddi e S Kahn. 1982. Robustezza e salute: uno studio prospettico. J Personal Soc Psychol 45:839-850.

Kompier, M, E de Gier, P Smulders e D Draaisma. 1994. Regolamenti, politiche e pratiche in materia di stress da lavoro in cinque paesi europei. Stress da lavoro 8(4):296-318.

Krumboltz, JD. 1971. Corredi di esperienza di lavoro. Chicago: Associati di ricerca scientifica.

Kuhnert, K ​​e R Vance. 1992. Il precariato e moderatori del rapporto tra precariato e adattamento del lavoratore. In Stress and Well-Being at Work, a cura di J Quick, L Murphy e J Hurrell Jr. Washington, DC: APA Press.

Labig, CE. 1995. Prevenire la violenza sul posto di lavoro. New York: AMACON.

Lazzaro, RS. 1991. Lo stress psicologico sul posto di lavoro. J Soc Behav Personal 6(7):114.

Lemen, R. 1995. Saluti di benvenuto e di apertura. Presentato alla conferenza Lavoro, stress e salute '95: creazione di luoghi di lavoro più sani, 15 settembre 1995, Washington, DC.

Levi, L, M Frandenhaeuser, e B Gardell. 1986. Le caratteristiche del posto di lavoro e la natura delle sue esigenze sociali. In Occupational Stress: Health and Performance at Work, a cura di SG Wolf e AJ Finestone. Littleton, Massa: PSG.

Link, BP, PB Dohrenwend e AE Skodol. 1986. Stato socio-economico e schizofrenia: caratteristiche occupazionali rumorose come fattore di rischio. Am Soc Rev 51 (aprile):242-258.

Link, BG e A Stueve. 1994. Sintomi psicotici e comportamento violento/illegale dei pazienti mentali rispetto ai controlli della comunità. In Violence and Mental Disorders: Development in Risk Assessment, a cura di J Mohnhan e HJ Steadman. Chicago, Illinois: Univ. di Chicago.

Basso, RL. 1993. Consulenza e psicoterapia delle disfunzioni lavorative. Washington, DC: APA Press.

MacLean, AA. 1986. Kit di sopravvivenza ad alta tecnologia: gestire lo stress. New York: John Wiley & Figli.

Mandler, G. 1993. Pensiero, memoria e apprendimento: effetti dello stress emotivo. In Handbook of Stress: Theoretical and Clinical Aspects, a cura di L Goldberger e S Breznitz. New York: Stampa libera.

Margolis, BK e WH Kroes. 1974. Stress e tensione sul lavoro. In Occupational Stress, a cura di A McLean. Springfield, Ill: Charles C. Thomas.

Massel, HK, RP Liberman, J Mintz, HE Jacobs, RV Rush, CA Giannini e R Zarate. 1990. Valutare la capacità di lavoro dei malati di mente. Psichiatria 53:31-43.

McGrath, J.E. 1976. Stress e comportamento nelle organizzazioni. In Handbook of Industrial and Organizational Psychology, a cura di MD Dunnette. Chicago: Rand McNally College.

McIntosh, N. 1995. Lavoro esilarante: un antidoto per il lavoro pericoloso. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di S Sauter e L Murphy. Washington, DC: APA Press.

Mishima, N, S Nagata, T Haratani, N Nawakami, S Araki, J Hurrell, S Sauter e N Swanson. 1995. Salute mentale e stress professionale dei dipendenti del governo locale giapponese. Presentato a Lavoro, stress e salute '95: creazione di luoghi di lavoro più sani, 15 settembre 1995, Washington, DC.

Mitchell, J e G Bray. 1990. Sforzo di servizio di emergenza. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Monou, H. 1992. Modello di comportamento incline alle coronarie in Giappone. In Behavioral Medicine: An Integrated Biobehavioral Approach to Health and Illness, a cura di S Araki. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Muntaner, C, A Tien, WW Eaton e R Garrison. 1991. Caratteristiche occupazionali e insorgenza di disturbi psicotici. Psichiatria sociale Epidemia psichiatrica 26:273-280.

Muntaner, C, AE Pulver, J McGrath e WW Eaton. 1993. Ambiente di lavoro e schizofrenia: un'estensione dell'ipotesi dell'eccitazione all'autoselezione professionale. Psichiatria sociale Epidemia psichiatrica 28:231-238.

Consiglio di difesa nazionale per le vittime di Karoshi. 1990. Karōshi. Tokio: Mado Sha.
Neff, W.S. 1968. Lavoro e comportamento umano. New York: Altherton.

Vita nazionale nordoccidentale. 1991. Burnout dei dipendenti: la più recente epidemia americana. Risultati del sondaggio. Minneapolis, Minnesota: vita nazionale nordoccidentale.

O'Leary, L. 1993. Salute mentale sul lavoro. Occupare la salute Ap 45:23-26.

Quick, JC, LR Murphy, JJ Hurrell e D'Orman. 1992. Il valore del lavoro, il rischio del disagio e il potere della prevenzione. In Stress and Well-Being: Assessment and Interventions for Occupational Mental Health, a cura di JC Quick, LR Murphy e JJ Hurrell. Washington, DC: APA Press.

Rabkin, J.G. 1993. Stress e disturbi psichiatrici. In Handbook of Stress: Theoretical and Clinical Aspects, a cura di L Goldberger e S Breznitz. New York: Stampa libera.

Robins, LN, JE Heltzer, J Croughan, JBW Williams e RE Spitzer. 1981. Programma di interviste diagnostiche NIMH: versione III. Relazione finale sul contratto n. 278-79-00 17DB e assegno Ufficio Ricerca n. 33583. Rockville, Md: Dipartimento della salute e dei servizi umani.

Rosch, P e K Pelletier. 1987. Progettazione di programmi di gestione dello stress sul posto di lavoro. In Stress Management in Work Settings, a cura di L Murphy e T Schoenborn. Rockville, Md: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Ross, DS. 1989. La salute mentale sul lavoro. Occupare Salute Sicurezza 19(3):12.

Sauter, SL, LR Murphy e JJ Hurrell. 1992. Prevenzione dei disturbi psicologici legati al lavoro: una strategia nazionale proposta dall'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). In Work and Well-Being: An Agenda for 1990's, a cura di SL Sauter e G Puryear Keita. Washington, DC: APA Press.

Shellenberger, S, SS Hoffman e R Gerson. 1994. Gli psicologi e il mutamento del sistema famiglia-lavoro. Documento inedito presentato all'American Psychological Association, Los Angeles, California.

Shima, S, H Hiro, M Arai, T Tsunoda, T Shimomitsu, O Fujita, L Kurabayashi, A Fujinawa e M Kato. 1995. Stile di gestione dello stress e salute mentale sul posto di lavoro. Presentato a Lavoro, stress e salute '95: creazione di luoghi di lavoro più sani, 15 settembre 1995, Washington, DC.

Smith, M, D Carayon, K Sanders, S Lim e D LeGrande. 1992. Stress dei dipendenti e reclami sulla salute nei lavori con e senza monitoraggio elettronico delle prestazioni. Appl Ergon 23:17-27.

Srivastava, Ak. 1989. Effetto moderatore dell'attualizzazione del sé n sulla relazione tra stress di ruolo e ansia da lavoro. Psychol Stud 34:106-109.

Sternbach, D. 1995. Musicisti: una popolazione lavoratrice trascurata in crisi. In Organizational Risk Factors for Job Stress, a cura di S Sauter e L Murphy. Washington, DC: APA Press.

Stiles, D. 1994. Operatori di terminali video. I fattori di stress biopsicosociali della tecnologia. J Am Assoc Occup Health Nurses 42:541-547.

Sutherland, VJ e CL Cooper. 1988. Fonti di stress da lavoro. In Occupational Stress: Issues and Development in Research, a cura di JJ Hurrell Jr, LR Murphy, SL Sauter e CL Cooper. New York: Taylor e Francesco.

Uehata, T. 1978. Uno studio sulla morte per superlavoro. (I) Considerazioni su 17 casi. Sangyo Igaku (Jap J Ind Salute) 20:479.

—. 1989. Uno studio di Karoshi nel campo della medicina del lavoro. Bull Soc Med 8:35-50.

—. 1991a. Lunghi orari di lavoro e attacchi cardiovascolari legati allo stress professionale tra i lavoratori di mezza età in Giappone. J Hum Ergol 20(2):147-153.

—. 1991b. Karoshi a causa di lesioni cardiovascolari legate allo stress professionale tra i lavoratori di mezza età in Giappone. J Sci Lavoro 67(1):20-28.

Warr, P. 1978. Lavoro e benessere. New York: Pinguino.

—. 1994. Un quadro concettuale per lo studio del lavoro e della salute mentale. Stress da lavoro 8(2):84-97.
Wells, E.A. 1983. Allucinazioni associate a reazioni di lutto patologico. J Psychiat Treat Eval 5: 259-261.

Wilke, HJ. 1977. Il complesso autoritario e la personalità autoritaria. J Anal Psychol 22:243-249.

Yates, J.E. 1989. Gestione dello stress. New York: AMACON.

Yodofsky, S, RE Hales e T Fergusen. 1991. Cosa c'è da sapere sugli psicofarmaci. New York: Boschetto Weidenfeld.

Zachary, G e B Ortega. 1993. Age of Angst—Le rivoluzioni sul posto di lavoro aumentano la produttività a scapito della sicurezza del posto di lavoro. Wall Street J, 10 marzo.